LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lettera aperta al Ministro Franceschini. Chi contesta è nostalgico della Legge Fascista di Bottai ma si considera progressista. Una Riforma che finalmente riforma
14-02-2016
PIERFRANCO BRUNI

Caro Ministro Dario Franceschini,

non si meravigli del fatto che la Riforma dei e sui beni culturali abbia sollecitato una discussione arzigogolata. Tutte le Riforme, come Lei sa bene, quando seriamente riformano con intelligenza e lungimiranza fanno paura.
Già perché si vanno a toccare degli stati e strati consolidati e ciò va a scardinare poteri.
La Sua Riforma è fatta con saggezza ed è dentro il contesto di un Novecento/Duemila che si apre alle culture europee e internazionali.

Fa paura perché smuove la staticità di alcune strutture e fa capire che c'è una differenza sostanziale tra tutela - conservazione e valorizzazione - fruizione.
Chi contesta la Sua Riforma ha sempre contestato ogni innovazione nel campo dei beni culturali (Cfr. le cronache degli ultimi decenni) perché è rimasto legato alla Legge Bottai. Ma chi contesta ha una sua appartenenza ideologica certa ma variabile come le culture tra tre bandiere. Proviene dalla sinistra e da quel mondo comunista che si considerava portatore di una verità culturale assoluta e unica. Ovvero comunista nato nella difesa del Fascismo regime con il buon Bottai comandante o liberale non alla Amendola.


Intorno alla questione Soprintendenza, a leggere alcune cronache, a Taranto si continua a fare un discorso stanco, storicamente datato, noioso, senza minimamente pensare che i territori mutano, la concezione della cultura come bene si trasforma, le metodologie di approccio alle risorse e alle vocazioni si consumano, e si innervano in nuovi articolati antropologici.
E poi si continua a parlare come se si possedessero le verità in tasca e quelle verità di 50/70/e oltre... anni fa sembrano essere, come Le dicevo, sempre le uniche verità, quando non si sa altro e si prende ragione, nonostante tutto, e consapevolezza che il Fascismo era cultura...

Ma le stagioni non solo ci invecchiano, permettono di mutare persino le "cose". Le nostalgie sono modelli di cultura che non danno alcuna prospettiva.
Quanti giovani laureati in beni culturali sono entrati a far parte del mondo lavorativo delle Soprintendenze? Quanta occupazione porterà una Soprintendenza? Quanti incontri e conflitti tra le Soprintendenze e le Università?
La storia, ha insegnato De Felice, non è mai staticità. Lo storico deve saper guardare la memoria in prospettiva. Altrimenti recuperiamo la Legge Bottai e Bottai stesso con tutto il gruppo di intellettuali Fascisti da Argan a Bobbio. Ma la Bottai era la cifra filosofica della Legge Gentile per la scuola. Bene.

Le innovazioni riformano lungo lo scorrere della storia.
Chi contesta non ha il coraggio di dirLe di ripristinare la Bottai e la Gentile. Si abbia il coraggio civile di chiamare per nome i fatti. Non ha il coraggio politico, chi contesta, di dirLe di ripristinare in toto la Legge Bottai recuperando gli istogrammi della Gentile.
Molti signori con le tessere nei calzini non hanno il coraggio di esprimere idee che sono completamente fasciste. La storia d'Italia è zeppa di contraddizioni. Per me va bene. Anzi benissimo. Ma la coerenza di questi signori qui e altrove ... se poi è come quella di Argan di Bobbio di Dario Fo...

Io amo le innovazioni e non gli scantinati umidi... il Futurismo mi ha insegnato anche questo... pur restando nella mia formazione...
I conservatori leggono con innovazione lavorando quotidianamente con le idee, con la progettualita' con il rischio mettendosi in gioco nel nome della cultura costantemente, mentre i rivoluzionari consideratisi tali recitano il lamento delle Ghitonie... Ministro la nostalgia per Bottai e Gentile, quando vengono intaccati alcuni sistemi, è tanta, ma Lei che viene dalla scuola di Zaccagnini, di Martinazzoli e soprattutto di Moro sa che le finestre bisogna aprirle per far entrare un vento nuovo come ebbe a dire proprio Aldo Moro in uno dei suoi ultimi discorsi.

La Sua Riforma fa paura? Perché è fatta bene e affronta finalmente la questione della cultura come risorsa reale e non come soffitta. Politicante ha una strategia che sa guardare lontano. Io da conservatore e tradizionalista appoggio pienamente la Sua Riforma.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news