LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nozze, brindisi e feste nei musei e nei siti. E per i direttori si spendono 3 milioni di euro. Bastava il prefetto Tronca o una Pro Loco
05-04-2016
Vittorio Emiliani

Secondo il premier Matteo Renzi e il suo ligio ministro Dario Franceschini, le Soprintendenze non hanno mai saputo produrre in passato alcuna valorizzazione delle collezioni museali. Per la verit esse soffrivano da sempre di carenze di fondi inimmaginabili all'esterno. E comunque hanno prodotto mostre di ricerca formidabili, dalle celebrate Biennali di Arte antica iniziate da Cesare Gnudi a Bologna (Reni, Carracci, Crespi, Guercino e tanti altri) in collaborazione con musei tedeschi o americani agli splendenti Ori di Taranto o al patrimonio di Pompei e di Oplonti, oppure ai mosaici memorabili di Ostia Antica (Aurea Roma) al Palaexpo, per citarne soltanto pochissime. Con pi soldi, chiss cosa avrebbero prodotto. Ma tant'. Va di moda prendere a schiaffi i nostri gi sottopagati storici dell'arte e archeologi dipendenti dal Ministero e difatti soltanto uno dei 20 direttori viene da questi quadri.
Ora tutta un'altra musica. Agli Uffizi andato il direttore del Museo di arti applicate e tessili del Minnesota. A Paestum un trentaquattrenne svizzero senza esperienze gestionali. A Taranto, capitale della Magna Grecia, una archeologa per medioevale direttrice di un museo antropologico in Bretagna. A Napoli, sublime museo greco-romano, un quarantenne che ha come massimo titolo una guida ai musei, peraltro etruschi, di Cortona. Alla Reggia di Caserta un uomo di marketing esperto di cimiteri e cos via. Orbene, cosa hanno tirato fuori dal sacco delle loro esperienze e intelligenze questi direttori con stipendi di 145.000 euro all'anno contro i 35.000 dei loro colleghi italiani che avevano retto, del tutto onorevolmente, quegli stessi musei o siti a partire da Antonio Natali agli Uffizi e da Valeria Sampaolo a Napoli ?
Pochino. In un accurato e piacevole servizio per l'Ansa una giornalista specializzata, Silvia Lambertucci, ha raccontato il 2 aprile che a Paestum gli sposi potranno dire presto il loro s e brindare con amici e parenti "davanti al Tempio di Hera, magari dopo essersi assicurati un servizio fotografico da urlo tra le rovine del patrimonio dell'Umanit". "Con tanto di regolamento e tariffario, da 200 euro in su", precisa il direttore Gabriel Zuchtriegel per le foto (ma il tariffario c'era gi invero) e di 2 mila in su per il rito civile. A Roma lo ha preceduto il super-prefetto Francesco Paolo Tronca: con 15 mila euro si potr affittare addirittura il Circo Massimo per 24 ore. Sotto gli occhi di tutti. Dopo i Rolling Stones, tutto possibile pur di fare soldi.
Per la verit, ricorda Lambertucci, quando si parl di usare cos anche il Colosseo, Dario Franceschini defin la cosa "un po' kitsch". E i servizi fotografici matrimoniali vennero addirittura vietati a Pompei dal soprintendente Massimo Osanna. E l mi pare che lavorasse Zuchtriegel. Si vede che a Paestum ha sposato altre usanze. La cosa, rivela il servizio, ha subito "attirato l'attenzione" del nuovo direttore della Reggia di Caserta Mauro Felicori lieto di uscire dalle esperienze cimiteriali, bolognesi e non, per rallegrare con sponsali e altro gli spazi della "Versailles italiana" ben restaurati da altri. Stiano magari in campana i super-direttori venuti dal Nord: nel Sud gli sponsali si protraggono anche per intere giornate, con giochi, tombole, balli, canti, ecc. Certo il campo di fruizione festaiola vastissimo e i nuovi ricchi ne saranno felici. "L'apertura condivisa" infatti da un altro neo-direttore austriaco, Peter Aufreiter, che ha avuto in sorte il Palazzo Ducale di Urbino e sta allestendo una serie di "eventi" (inclusi i matrimoni forse) nel Giardino d'Inverno della reggia dei Montefeltro.
E il personale per questi e altri mirabili "eventi" chi ce lo metter? I custodi dei musei "di eccellenza" sono sempre gli stessi, anzi stanno sensibilmente calando a causa dell'et. I direttori potranno servirsi di altro personale outsourcing (che vuol dire "esterno"). Attenti per a non sottovalutare i rischi: i nostri malpagati custodi (1000-1100 euro al mese netti) svolgono con diligenza e fedelt il loro lavoro, di giorno e di notte (quando la guardiania armata). Col personale "esterno" possono succedere cose gravi: avvenuto al Museo di Castelvecchio a Verona dove il "basista" stava proprio fra i vigilantes di una societ privata che si era da poco aggiudicata l'appalto per la sicurezza (si fa per dire).
A me viene un pensiero forse malizioso: ma, per partorire queste idee tanto brillanti e tanto "nuove" sull'affitto di sale, saloni, giardini museali e archeologici non bastava mettere in moto qualche modesta Pro Loco cittadina o borghigiana? Sarebbe certamente costata meno dei 145.000 euro l'anno che, moltiplicati per venti, fanno, per ora, quasi 3 milioni di euro l'anno di soli stipendi direttoriali. Con risultati, temo, analoghi, ma con la certezza di un maggior "filtro" scientifico da parte dei Soprintendenti ora esclusi anche perch apertamente detestati da Renzi nel suo ambizioso libretto "Stil Novo", fin dall'anno di grazia 2011. Attenzione: altri "bandi internazionali" si preparano ora per tutta una serie di altri musei e di siti. A partire da Roma.



news

25-04-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 aprile 2019

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

Archivio news