LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Considerazioni sul patrimonio architettonico storico di Busto Arsizio
17-04-2016
Giovanni Ferrario

Faccio seguito alle mie svariate segnalazioni di questi ultimi anni, perlopi inascoltate da chi di dovere, ed alla recente, apprezzabile, denuncia del concittadino Filippo Rolla, apparsa nei giorni scorsi sul sito di Artevarese per fare qualche ulteriore considerazione e critica sul tema.
Busto Arsizio (ma il discorso si pu riproporre identico anche per Sacconago e Borsano) ancora oggi una citt molto ricca di architetture storiche; non solo di monumenti (le chiese, i musei, il Comune, lospedale...) ma anche e soprattutto di un tessuto urbano diffuso (o quantomeno delle porzioni che oggi restano, dopo decenni di demolizioni e stravolgimenti, con esito negativo per laspetto cittadino) che ne costituisce lintorno e che riveste, nellimmagine urbana complessiva, un ruolo altrettanto importante.
Molto spesso i cittadini non si accorgono del bello che li circonda e, poco alla volta, i segni dellantica bellezza italiana (come li definisce il sig. Rolla), erroneamente ritenuti non consoni alla vita di oggi da operatori avvezzi alla speculazione e senza alcuna lungimiranza, vengono prima abbandonati, poi lasciati allautodistruzione s da consentire una successiva cementificazione che non ha pi nulla degli antichi valori architettonici.
Il risultato per ben visibile a tutti: inserimento nei nuclei storici di edifici anonimi, brutti, estranei al contesto, che paiono un pugno nellocchio. Oppure finti edifici antichi a sostituzione di quelli originari, aree degradate e abbandonate o addirittura che paiono rase al suolo da un bombardamento (come ad esempio larea delle Ferrovie Nord, ancora oggi senza un progetto complessivo di quella qualit che meriterebbe la porta di Busto!).
LAmministrazione ne responsabile:
- ha permesso le demolizioni;
- ha trasformato queste aree in residuati da bombardamento.

Si obbietter che mancano i fondi per investire in tale senso: ma quanto si speso finora di soldi pubblici per costruire mostri come linutile Palaghiaccio, le passerelle dei Cinque Ponti, la nuova ed abbandonata caserma di via Bellini??? Per la conservazione di larga parte di tale patrimonio architettonico, se di propriet privata, non servono nemmeno fondi: solo volont politica, regole precise da rispettare ed incentivazioni ad operare interventi di recupero che siano seri e scrupolosi.
Gli Enti (Comune, Soprintendenza) hanno per primi il dovere di tutelare con idonee regole e vincoli tali beni culturali (perch di questo si tratta quando si parla di architetture storiche) affinch non vengano persi dalle future generazioni, oltre che di far conoscere ai cittadini quanto di importante si cela ancora oggi nelle vie e nei vicoli dei nostri centri.
Ma serve un profondo cambio di rotta.
Qualunque sia il colore della prossima Amministrazione cittadina (la conservazione dei valori storici-artistici-ambientali dovrebbe, almeno teoricamente, essere apolitica), servir abbandonare le logiche speculative fin qui attuate (che oltretutto non intuiscono nemmeno il valore aggiunto anche economico di salvaguardare ledificazione storica) ed elaborare da parte delle istituzioni un progetto serio per la conservazione dei centri di Busto, Sacconago e Borsano.
Ad oggi, il Piano di Governo del Territorio vigente non minimamente sufficiente a porre rimedio alla situazione:
- molti edifici di pregio non sono indicati come degni di tutela: edifici civili
antichi ubicati nei nuclei centrali, edifici liberty (del grande architetto Gambini e non solo), opere razionaliste di epoca fascista, manufatti di archeologia industriale e antiche ciminiere (paradossalmente a Busto, citt delle cento ciminiere nel secolo scorso, sono tuttora a rischio di abbattimento le ultime testimonianza rimaste!!!!) e perch no, architetture contemporanee di pregio.

- le modalit di intervento ammesse non sono sempre corrette (ad esempio, la possibilit di realizzare piani interrati ad uso box al di sotto di edifici storici, ne comporta inevitabilmente la loro demolizione!!!);
- non esiste n un progetto complessivo per i centri storici n un abaco che prescriva le caratteristiche anche degli interventi minimi partecipati dalla cittadinanza ma che sono tuttaltro che irrilevanti (tipologie delle aperture, dei serramenti, dei materiali da utilizzare, dei colori, ...).
Per fare tutto ci serve anche un ingrediente importante: leducazione dei cittadini ad abitare e a vivere nel Bello e nella Storia.

Busto Arsizio, 17 aprile 2016
Arch. Giovanni Ferrario



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news