LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cultura a Roma in tempo di elezioni: poche idee e molto confuse.
30-05-2016
Sergio Rinaldi Tufi

Roma, Teatro Tor di Nona, 26 maggio scorso: si svolge una della tante manifestazioni preelettorali di questo tormentato periodo. Per iniziativa degli europarlamentari Silvia Costa e Davide Sassoli, vengono presentati i programmi dei candidati consiglieri comunali De Biase e Pelonzi e soprattutto del candidato sindaco Roberto Giachetti. Non scritto da nessuna parte, ma forse il fatto che Silvia Costa sia presidente, nel Parlamento europeo, della Commissione cultura e istruzione ha fatto pensare a molti che questi sarebbero stati i temi pi ampiamente trattati. Questo si aspetta il pubblico presente, e in effetti non si parla di buche e nettezza urbana, di trasporti e trasparenza dei bilanci, di lavoro per i giovani e di uso del patrimonio immobiliare del Comune, ma di cultura. Buon segno? Vediamo...
Si insistito molto sul teatro, poco sul cinema, pochissimo su musica e biblioteche ( stato giustamente esaltato il ruolo della notevolissima rete bibliotecaria comunale, anche se non si sono sottolineati dati significativi, come il fatto che della rete stessa fa parte anche la biblioteca di Regina Coeli), quasi zero su archeologia e storia dell'arte. Si per colto, in una lunga serie di interventi molto qualificati, pi di un elemento su cui riflettere: nellappassionato intervento di Antonio Salines, da 45 anni direttore del Teatro Belli, non mancavano per esempio feroci critiche alla Legge Franceschini. Non sono solo gli archeologi e gli storici dellarte, quindi, a pensare tutto il male possibile della cosiddetta riforma. Ma su questo torneremo fra poco.
L'unico che ha tirato in ballo complessi archeologici stato proprio Giachetti nel suo intervento finale, che a differenza degli altri stato un po a tutto campo: parte importante del suo programma il rilancio di Ostia (contrasto all'abusivismo e alla malavita organizzata, recupero del lungomare ecc.), con un accenno anche a Ostia Antica. Ma nel variegato panorama delle soprintendenze italiane Ostia Antica una di quelle che stata sempre gestita bene, e perci c' ben poco da inventarsi; inoltre, la tutela di Ostia Antica stessa di pertinenza dello Stato e non del Comune. Mah, c' qualche confusione sotto il cielo...
Perch ricordare proprio questa fra le tante manifestazioni consimili? Non solo per rilevare lo scarso interesse, fra palco e platea, per i beni archeologici e artistici, ma anche perch da quello che si detto, e soprattutto da quello che non si detto, si avuta la conferma che una certa classe dirigente politica, compreso Giachetti (personaggio di per s sicuramente positivo, nonch elemento di spicco, in momenti indubbiamente pi felici dellattuale, dellamministrazione del Comune che ora aspira a guidare), afferma sempre convinta che la cultura una risorsa, che bisogna fare sistema con turismo, commercio e quantaltro, ma continua a non indicare come. Un approccio, almeno apparentemente, alquanto superficiale.
Non solo: sembra che tale classe dirigente, e anche e soprattutto - ad alti livelli - quella del PD ignori del tutto recenti sviluppi e fermenti su cui ci sarebbe da meditare. Il 6 e 7 maggio si sono svolti un affollato convegno e una grossa manifestazione di piazza: Emergenza cultura. I lettori di Patrimonio SOS saranno senzaltro informati: 100 associazioni, 22 sigle sindacali, 9 partiti e movimenti sono scesi in campo in opposizione non solo alla Legge Franceschini, ma a SbloccaItalia, alla Legge Madia e a tutta una serie di disposizioni che in fondo erano state preannunciate da varie, e al solito un po smargiasse, sortite di Renzi: potere monocratico dei soprintendenti, soprintendente de che?, non potr pi essere uno scavo archeologico a interrompere lo sviluppo di un progetto, e via dicendo. Ed ecco le Soprintendenze archeologiche accorpate con quelle artistiche e paesaggistiche: un mostro, ha commentato Antonio Paolucci, che non certo un losco bolscevico ma il direttore dei Musei Vaticani. Ecco venti musei di eccellenza affidati ad altrettanti nuovi megadirettori reclutati in modi anomali con il mandato, pi o meno esplicito, di incrementare gli incassi: cosa doppiamente sbagliata, perch, come ha osservato Tomaso Montanari, nessun grande museo produce davvero reddito (per esempio il Louvre ha un passivo annuo che si aggira sui 100 milioni) e perch laspirazione a fare cash induce a iniziative sgangherate, come laffitto di aree monumentali per banchetti e rinfreschi. Ecco il silenzio-assenso: 90 giorni alle Soprintendenze per dare o non dare un nullaosta (e si sa che non ce la faranno), dopodich ne perdono il diritto. Ed ecco infine le Soprintendenze stesse sottoposte gerarchicamente ai Prefetti, i quali, anche se non saranno automaticamente occhiuti strumenti del Governo, dovranno occuparsi di temi e problemi che non fanno parte della loro formazione.
Il nostro Presidente del Consiglio, dunque, da un lato si riempie la bocca parlando di cultura che risolverebbe questa crisi e quellaltra in giro per il pianeta, dal dramma dei migranti al terrorismo, dallaltro, quando deve legiferare sulla tutela dei beni culturali (Madia, Franceschini ecc. sono davvero firmatari delle rispettive riforme o semplici prestanome?), fa di tutto per stravolgerla, depotenziarla e - per usare una parola grossa - asservirla. Per giunta, tutto questo si fa con scarsa attenzione e poca padronanza dei temi: come a suo tempo sottolineato da Maria Pia Guermandi, alcuni articoli sono stati inseriti frettolosamente per tamponare gli errori contenuti in altri, ma peggiorando ulteriormente le cose.
Il terremoto, gi angosciante di per s, avr sulla piazza romana (sempre definita enfaticamente come patrimonio archeologico-artistico pi importante del mondo o gi di l) un impatto particolarmente pesante: la Soprintendenze sono state gi ripetutamente sconvolte da una serie di misure contraddittorie; esiste, delicato da sempre, il problema della divisione della tutela fra Stato e Comune. Piove sul bagnato, ma nel PD non se ne parla...



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news