LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dal nuovo Codice degli appalti gravi rischi per i beni culturali
08-08-2016
Bruno Ciliento

Il nuovo Codice degli appalti, entrato in vigore nello scorso aprile, allarticolo 217 prevede numerose abrogazioni di norme precedenti. In particolare alla lettera v) quella dellarticolo 4 del decreto-legge 15 maggio 2011 n. 70, convertito in legge 12 luglio 2011 n. 106, ad eccezione dei commi 13 e 14.

Questa disposizione non elencata in un successivo provvedimento di errata-corrige, per cui si deve ritenere corretta (a meno che eventuali errori siano sfuggiti alla verifica).

Larticolo 4 citato si riferiva in larga parte alla realizzazione delle opere pubbliche, ma il comma 16 - anchesso oggi soppresso - modificava in modo significativo il Codice dei beni culturali, in particolare spostando da 50 a 70 anni il periodo di tempo necessario perch un immobile potesse essere dichiarato di importante interesse (articoli 10 e 12).

Tale misura insieme ad altre contenute nello stesso comma 16 intendeva facilitare le procedure del cosiddetto federalismo demaniale e in generale ridurre larea di competenza dellamministrazione dei Beni Culturali nel settore edilizio.

Labrogazione del comma 16 crea una situazione di estrema incertezza normativa, tale da rendere necessario uno specifico intervento del legislatore. Essa, se dovuta a errore, manifesta linadeguatezza delle verifiche effettuate al testo del Codice, disattente ad aspetti di fondamentale importanza in tema di tutela del patrimonio culturale e agli stessi interessi delle amministrazioni e degli operatori economici. Se invece si trattasse di scelta voluta, risulta compiuta in maniera
superficiale e priva di coerenza giuridica.

Anzitutto va rilevato che il comma 16 modificava talune parti del Codice dei beni culturali e che la sua abrogazione comporta di fatto la soppressione delle disposizioni su cui interveniva. A questo punto larticolo 10 del Codice dei beni culturali, che contiene un elenco dei beni che appunto possono essere definiti culturali, viene a perdere lultimo comma - che precisava, dopo le modifiche del decreto 70/legge 106, come non rientrassero nella definizione i beni mobili risalenti a meno di 50 anni e quelli immobili a meno di 70 (oltre alle opere di autore vivente).

Se ne deve dedurre che anche opere recentissime potrebbero venire dichiarate di importante interesse, cosa che pone complessi problemi e che in ogni caso appare in contrasto con le normative europee e quelle di salvaguardia del diritto dautore (occorre qui rilevare che in discussione al Senato - alla Commissione Attivit Produttive tramite emendamenti al disegno di legge in materia di concorrenza - una proposta che incide sullo stesso argomento, dato che generalizza a 70 anni il periodo di tempo per la dichiarazione dimportante interesse, oltre a rendere meno stringenti i controlli sullesportazione delle opere darte. Al di l del giudizio negativo che su tali proposte si esprime, da rilevare che esse sono in contrasto con le norme europee in materia, che fanno riferimento ai 50 anni, come la legislazione italiana da inizio Novecento).

Di seguito, viene a cadere la disposizione del primo comma dellarticolo 12, che stabilisce come i beni culturali, individuati dallarticolo 10, possono essere oggetto di verifica da parte degli uffici del MIBACT. La procedura rimane inalterata, ma larticolo 12, cos mozzato, risulta oscuro, contenendo rimandi a un comma non pi esistente. Al tempo stesso non si afferma pi che i beni pubblici (Stato, Regioni, Enti locali, propriet ecclesiastiche ecc.) sono sottoposti a tutela fino alleffettuazione della verifica con esito negativo - elemento questo che potrebbe aprire la strada a pericolosissime interpretazioni laddove non siano stati emanati provvedimenti espliciti, cosa frequente su immobili meno prestigiosi (per non parlare del patrimonio mobile). Si tratta di una situazione giuridicamente contraddittoria e rischiosa.

Il varie volte citato - e abrogato - comma 16 contiene poi una serie di altre norme, in particolare incidenti sulle procedure di autorizzazione paesaggistica, che peraltro sono al momento oggetto di ulteriori provvedimenti legislativi collegati alle c.d legge Madia (conferenza di servizi, opere strategiche ecc.) per cui necessiterebbero di altra analisi. Anche in questo caso, comunque, si in presenza di situazioni di incertezza procedurale e amministrativa.

In ogni caso, limitando le considerazioni allimpatto - notevolissimo - sulle disposizioni relative agli articoli 10 e 12 del Codice beni culturali, si evidenzia lassoluta necessit di un provvedimento urgente che detti disposizioni in materia, risultando forse non praticabile un ulteriore errata-corrige, che dichiari la permanenza in vigore delle disposizioni abrogate.

Con questa procedura sarebbe inoltre altamente auspicabile ripristinare e/o mantenere per tutti i beni il limite cinquantennale, visti i rischi che significative opere di architettura e arte del Novecento potrebbero correre fissando a 70 anni il periodo di tempo necessario per essere sottoposte alle normative di tutela.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news