LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vanificata la tutela di paesaggio e patrimonio nella nuova disciplina della conferenza di servizi
26-09-2016
Giovanni Losavio

Vanificata la tutela di paesaggio e patrimonio nella nuova disciplina della conferenza di servizi.

Il ministro Franceschini non ha ritenuto che vi fosse motivo non diciamo per le dimissioni ma neppure per un voto contrario nel consiglio dei ministri che ha inteso dare attuazione alla delega data al governo dalla legge Madia per la riforma della pubblica amministrazione, con particolare riferimento alla nuova disciplina della conferenza di servizi, l’apposito procedimento previsto per la valutazione contestuale delle opere di rilevante impatto su territorio, ambiente, paesaggio, patrimonio, che coinvolgono più interessi pubblici.
Dunque Franceschini ha partecipato alla approvazione del decreto legislativo che depotenzia (e in pratica vanifica) il ruolo delle diffuse istituzioni della tutela del patrimonio storico e artistico e del paesaggio (le soprintendenze) nei rapporti con le diverse istituzioni pubbliche (regione ed enti locali) e i diversi uffici dello stato. Le determinazioni della conferenza saranno infatti adottate a maggioranza e il soprintendente (o il diverso organo rappresentativo della medesima funzione), presente per far valere le ragioni della tutela, ben potrà essere posto in minoranza. E’ perfino ovvio rilevare che il principio maggioritario regola le determinazioni degli organi collegiali a composizione omogenea, nel senso che tutti i componenti sono tenuti ad orientare la propria valutazione ai medesimi criteri. Non così invece nella conferenza di servizi dove sono chiamati a partecipare i rappresentanti di diverse istituzioni e competenze concorrenti, tenuti a dare attuazione alla rispettiva disciplina, dovendo la determinazione conclusiva corrispondere al rispetto di tutti i diversi interessi pubblici in campo. Al contrario il voto maggioritario nella conferenza di servizi attribuisce alla maggioranza dei partecipi il potere di sacrificare uno o più degli interessi implicati nella specifica determinazione, il potere cioè di derogare alla vincolante disciplina degli interessi così sacrificati. Un risultato assurdo conseguito da una previsione di legge palesemente e in assoluto irragionevole, che per altro specificamente contrasta con il principio di primarietà della funzione di tutela di patrimonio e paesaggio se alla maggioranza è dato il potere di precluderne in concreto l’esercizio.
Né può dirsi rimedio adeguato la prevista facoltà di rimettere la questione al consiglio dei ministri nei dieci giorni successivi alla determinazione maggioritaria, la cui efficacia rimane perciò sospesa. Non solo il termine è tanto breve che sarà arduo in ogni caso rispettarlo, ma innanzitutto l’aver accentrato la determinazione di attivare il consiglio dei ministri, sottraendola al soprintendente (o al diverso organo nella specie rappresentativo della medesima funzione) che ha espresso il voto minoritario nella conferenza di servizi, significa affidare alla valutazione di opportunità politica del ministro, come tale discrezionale e incontrollabile, un compito che implica l’esercizio dei poteri di tutela e perfino la rinuncia al riguardo. Quando la previgente disciplina al voto contrario del soprintendente faceva conseguire, per superarlo, l’automatismo della rimessione alla decisione del consiglio dei ministri. Senza dire che palese è la incompatibilità funzionale del duplice ruolo del ministro, di promozione della decisione del consiglio e di partecipazione alla stessa decisione. Insomma un sistema concepito per degradare la funzione di tutela di patrimonio e paesaggio, rimuovendola dal ruolo di insuperabile verifica di compatibilità delle opere di maggiore incidenza sugli assetti fisici esistenti. Un sistema che palesemente si espone a rilievi di legittimità costituzionale per contrasto con il principio di primarietà e indefettibilità della funzione di tutela di patrimonio e paesaggio. E alla determinazione di un simile sistema ha consapevolmente partecipato, con il suo voto in consiglio, il ministro Franceschini che si è affrettato a dare le istruzioni applicative attraverso la sollecita circolare del suo ufficio legislativo, fedele e adesiva esplicazione della disposizione che sancisce lo statuto di minorità delle istituzioni di tutela.
Giovanni Losavio.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news