LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le etnie nellarcheologia dei saperi moderni in una societ in transizione
18-11-2016
Pierfranco Bruni

C uno snodo centrale tra la politica di accoglienza e integrazione e le forme antropologiche nei processi immigratori. Non si tratta di un dato che riguarda soltanto la questione attuale. una dimensione storica che va letta e interpretata nei fenomeni che possono essere definiti etnici.
Ogni popolo ha la sua matrice ereditaria che diventa il vero e proprio linguaggio del volto e dello sguardo in un processo in cui lantropologia della parola un indirizzo di comunicazione. I popoli immigrati diventano civilt estesa nei luoghi di accoglienza.

Da questo punto di vista il fattore etnico (ovvero il fattore E) chiama in causa una questione in cui il raccordo tra il concetto di meticciato intreccia lelemento migrante con il modello emigrante perch limmigrato prima di tutto un emigrante che lascia la geografia autoctona, portandosela sempre in quella sua metafisica dellanima, per inserirsi nella comprensione di una geografia fisica ed esistenziale, sociale e politica altra.
In Italia si sempre posto un problema di raccordo tra emigranti ed immigrati. Gi di per s lItalia un popolo di meticci in un intreccio tra neolitico ed et avanzata. stato ed un popolo di immigrati e di emigranti e a sua volta di immigrati di ritorno se pur con una caratterialit diversa rispetto agli immigrati a priori. Le direttrici sono state e sono quelle dellantico Egeo, del Mediterraneo, dellAdriatico o degli Adriatici e quindi dei Mediterranei e degli Occidentali americani, Sud americani.
Il Mediterraneo ha fatto lEuropa cos come modello geopolitica, e lEuropa a sua volta si estesa tra le due direttrici che sono quelle del Mediterraneo, appunto, e quelle dellAdriatico. Entrambe le direttrici sono inclusive di popolazioni asiatiche e indiane tout court.
Gi tra il 1412 e il 1498 Ramon Pan, al seguito di Cristoforo Colombo, sottoline il significato immigratorio nelle antiche Indie. Colombo invent un nuovo Occidente ed con lui che lEuropa diventa popolo aperto ai confini moderni. Proprio lAfrica mediterranea e il Sud Africa secondo una versione etnica costituivano una terra di sentieri abbandonati, di popoli scomparsi, di citt scomparse, di tesori abbandonati, di aerei abbandonati (Alan Landsburg).
Gli immigranti sono, in fondo, dei popoli in fuga. E ci che lasciano viene ad essere abbandonato creando nella loro stessa coscienza la metafora dellabbandono che non potr mai essere colmato da ci che trovano, da ci che incontrano, da ci che ricevono.

Il rapporto antropologicamente fondamentale quello che si stabilisce tra eredit e migranti. Questo rapporto crea un nuovo legame di civilizzazione che passa inevitabilmente attraverso il fattore E. Sono, per molti aspetti, popoli in fuga. Lasciano una struttura sociale confusionaria e contraddittoria e si avviano verso viaggi della probabilit della speranza. Si insiste sullintegrazione, oggi come nelle civilt delle interazioni da Ulisse a San Paolo, ma integrazione non significa valori condivisi.
Questo sia per gli immigrati che per gli accoglienti. In questo caso specifico si dovrebbe parlare di valori comprensibili e compresi. Tutto ci pu avvenire soltanto se si offre la possibilit di vivere il linguaggio delle etnie in una visione chiaramente demologia (usi, costumi, tradizioni, lingue nelle comunanze, nelle comunit) che possa legarsi allantropos (la centralit dellessere umanismo delle civilt) di appartenenza e ad un etnos che resta radicante.
Ma laltro snodo che va snodato di non farli sentire popoli in fuga. Laspetto culturale prioritario perch da questo aspetto valoriale si possono individuare gli elementi strutturali che combinano il sociale e leconomico.
Gli immigrati non devono pi abitarsi nella fuga, ma devono essere educati al rispetto delle loro tradizioni nelle tradizioni delle civilt accoglienti. Devono abitarsi nelle eredit e nella realt. una questione complessivamente antropologica. Anzi dovremmo sempre pi pensare ad una antropologia dellanima in una socializzazione del quotidiano.



news

24-02-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 24 febbraio 2018

20-02-2018
Documento del Coordinamento delle Società Storiche a proposito della libera riproduzione in archivi e biblioteche

14-02-2018
Consulta Universitaria Nazionale per la Storia dell'Arte e la Società Italiana di Storia della Critica d'Arte manifestano la loro piena solidarietà a Christian Greco

14-02-2018
NOTA DEL COMITATO SCIENTIFICO DEL MUSEO EGIZIO

09-02-2018
Italia '900. Settima edizione di Visioni d'Arte organizzata dall'Associazione Culturale Silvia Dell'Orso

09-02-2018
Lettera di API (Archeologi Pubblico Impiego) MiBACT al Ministro sulla Scuola del Patrimonio

23-01-2018
Museo Egizio, solidarietà dal Consiglio Superiore dei beni culturali

19-01-2018
La Dea di Morgantina in tournée? Una lettera dell'archeologo Malcolm Bell con una nota di Pier Giovanni Guzzo

11-01-2018
Firenze, il David di Michelangelo "vestito" dalle proiezioni di Felice Limosani

09-01-2018
E' on line il bando il bando di selezione allievi del Corso "Scuola del Patrimonio"

09-01-2018
Lettera dei vincitori e degli idonei del concorso 500 Mibact

07-01-2018
Un intervento di Guzzo. Tutela e valorizzazione: unite o separate?

27-12-2017
Lettera ANAI a Franceschini sulla mancata entrata in servizio funzionari archivisti MiBACT

23-12-2017
XX Premio "Calabria e Ambiente" 2017 a SALVATORE SETTIS

15-12-2017
Seconda interrogazione parlamentare su libere riproduzioni: il caso di Palermo

13-12-2017
Interrogazione parlamentare su libere riproduzioni. I casi di Napoli e Palermo

06-12-2017
Premio Silvia Dell'Orso 2017

03-12-2017
Novità editoriale - La struttura del paesaggio. Una sperimentazione multidisciplinare per il Piano della Toscana

22-11-2017
Fotografie libere. Lettera di utenti dell'ACS di Palermo al Ministro Franceschini

22-11-2017
COMUNICATO di Cunsta, della Società italiana di Storia della Critica dell'Arte e della Consulta di Topografia Antica sulla Biblioteca di Palazzo Venezia

20-11-2017
Intervento di Enzo Borsellino sulla mostra di Bernini

13-11-2017
Maestri: Emiliani ricorda Edoardo Detti

01-11-2017
Nella sezione Interventi e recensioni un nuovo intervento di Vittorio Emiliani sulla legge sfasciaparchi

01-11-2017
A un anno dal terremoto, dossier di Emergenza Cultura

29-10-2017
Petizione per salvare il Museo d'Arte Orientale dalla chiusura

20-10-2017
Crollo Santa Croce, l'esperto:INTERVISTA - "Da anni chiediamo fondi per consolidare pietre, inascoltati"

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

Archivio news