LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

RIFORMA FRANCESCHINI. Il direttivo di Emergenza cultura risponde a Letizia Gualandi: Se due anni vi sembran pochi
03-01-2017
Direttivo di Emergenza cultura

Se due anni vi sembran pochi – Comunicato di Emergenza Cultura in risposta alla lettera di Maria Letizia Gualandi




Gli oltre due anni dall’emanazione della prima “riforma” Franceschini (D.P.C.M. 29 agosto 2014, n. 171) e l’anno trascorso dalla seconda tranche riformistica (D.m. 23 gennaio 2016) dovrebbero essere un tempo sufficiente per un primo bilancio critico.
Oltre ad alcune inchieste giornalistiche (v. in particolare il Fatto Quotidiano http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=127881), le ultime settimane hanno visto le prese di posizione (https://emergenzacultura.org/2017/01/01/tomaso-montanari-lanno-e-il-ministro-orribile-dellarticolo-9/#more-2124) di chi – dall’interno del Mibact – ha vissuto questa fase di cambiamento in prima persona.
Il quadro che ne emerge è a senso unico: lo stato di paralisi, in particolare delle Soprintendenze territoriali “olistiche”, è diffusissimo. E non si tratta solo delle “consueta” e ormai pluridecennale carenza di risorse su tutti i livelli: il caos amministrativo si somma a quello logistico-organizzativo, inevitabile conseguenza di un provvedimento – quello della “riforma” – la cui applicazione si ispirava alla deregulation più colpevole.
Privo di indicazioni a qualsiasi livello dal Collegio Romano o peggio sballottato fra indicazioni perennemente in ritardo rispetto alle esigenze, contraddittorie o addirittura inapplicabili, per oltre due anni il personale ha provato “a rimboccarsi le maniche”. E come tempistica per un “trasloco” non si può certo definire rapida.
Davvero inspiegabili appaiono quindi i rimbrotti di chi – dall’esterno dell’Amministrazione, quindi senza alcuna esperienza diretta – esorta i funzionari e il personale tutto ad uno sforzo, e “a farsi venire delle idee”, quasi che decine di mesi trascorsi in questo tentativo non fossero un banco di prova sufficiente.
Lascia anche basiti l’affezione al concetto di come lo spirito e gli esiti della riforma vadano separati dalla situazione di debolezza strutturale del Mibact quanto a personale e a risorse finanziarie: dunque, par di capire, il testo della riforma fu emanato “a prescindere” dal contesto istituzionale, economico – organizzativo in cui si andava a calare? Dunque la riforma che doveva rilanciare gli orizzonti della tutela e della valorizzazione fu elaborata senza tenere conto alcuno della situazione presente non solo al momento della sua entrata in vigore, ma per gli anni a venire (gli anni anagrafici del personale, ad esempio, essendo, per loro natura, dati oggettivi e conoscibili a priori). Basterebbe già questo a segnalarne l’improvvisazione e la carenza strutturale di impianto.
E che i due aspetti siano inscindibili, oltre che il più modesto fra i docenti di diritto amministrativo, lo ribadisce – con la più dolorosa delle evidenze – ciò che è accaduto e che sta accadendo nelle aree terremotate. Qui, interi territori si sono trovati abbandonati, nei momenti cruciali per la tutela del patrimonio culturale, proprio a causa del micidiale sovrapporsi della carenza endemica del personale e del suo allontanamento dalle Soprintendenze a causa della riforma.
Su di un aspetto della lettera concordiamo pienamente, laddove si dice che “tutti i comparti pubblici lamentano le stesse difficoltà”: il processo di ridefinizione/riduzione degli spazi pubblici in atto da tempo – e ferocemente – e a livello globale, è un dato di fatto conclamato e le cui conseguenze stanno diventando sempre più visibili.
Proprio perché “olistica”, questa manovra andrebbe quindi contrastata a livello collettivo, sottolineando piuttosto gli elementi comuni: perché se Atene piange, Sparta non ride di certo. E la contraddizione fra un’Università – quella attuale – “migliore di quella della fine del secolo scorso”, dove la qualità viene magicamente mantenuta alta con la metà esatta dei docenti rispetto a quindici anni fa, non sottolinea drammaticamente solo un’aporia logica.
E’ in questa direzione, quella di una discussione allargata che parta dagli esiti ad oggi della riforma e si allarghi a comprendere le criticità del percorso universitario (a partire da quei corsi in Conservazione dei Beni Culturali, definiti non a caso una “bomba sociale”) e la drammatica situazione del precariato intellettuale in materie umanistiche che Emergenza Cultura invita a muoversi.
Quale contributo all’indispensabile operazione di critica analitica dell’attuale situazione del sistema della tutela in Italia, Emergenza Cultura proporrà, nelle prossime settimane, un dossier, che offriremo come base documentata di una discussione allargata.
Il Direttivo di Emergenza Cultura

https://emergenzacultura.org/


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news