LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

RIFORMA FRANCESCHINI. Lettera di Letizia Gualandi a un collega archeologo che non la condivide
31-12-2016
Letizia Gualandi

Letizia Gualandi ci invia un testo, sotto forma di risposta al dr. Rubens DOriano, della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le Province di Sassari, Olbia-Tempio e Nuoro, che ha fatto circolare sul web larticolo di Vittorio Emiliani In Campania favori alla camorra. Abbandonati i tesori sardi pubblicato sul Fatto Quotidiano il 30 dicembre (http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getarticle&id=127881).


Caro Rubens,
ho letto larticolo di Vittorio Emiliani su "Il Fatto quotidiano" di venerd 30, che mi hai mandato, riguardante "il disastro della riforma del MiBACT". La situazione grave, ma francamente semplicistico addossare tutte le colpe alla riforma Franceschini e ritengo necessaria qualche riflessione ulteriore. Senza dilungarmi troppo, provo qui a focalizzare lattenzione su due punti fondamentali.

1. Che la riforma abbia creato dei contraccolpi innegabile, ma anche ovvio: ogni cambiamento crea delle difficolt che richiedono uno sforzo spesso notevole a chi deve far funzionare le cose. Parlo con cognizione di causa, perch sono stata presidente del Corso di Laurea in Scienze dei Beni Culturali dellUniversit di Pisa (il corso pi frequentato dellintera area umanistica, con quasi 1000 iscritti) negli anni in cui si sono abbattute sull'Universit - peraltro a pochi anni di distanza dalla riforma Berlinguer del 2000 - ben due riforme Moratti (nel 2005 e 2006) e una riforma Gelmini (nel 2010). Non sono stati anni facili per chi, come me e come tanti altri colleghi, si sono trovati a dover gestire cambiamenti notevolissimi, continuando nel contempo ad erogare un servizio (la didattica per gli studenti) e a fare ricerca senza abbassare in entrambi i casi la soglia della qualit. Nessuno, in quegli anni, ci ha detto esattamente come dovevamo fare, ma in tanti ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo lavorato duro, ci siamo fatti venire delle idee, ci siamo consultati da una sede allaltra. Il che naturalmente non ci ha impedito di fare un sacco di errori, che poi abbiamo faticosamente corretto un po alla volta, in corso dopera. E oggi lUniversit italiana migliore di quella della fine del secolo scorso, quella che tutti noi abbiamo frequentato. E chi sostiene il contrario o in cattiva fede (magari perch si visto privato di piccoli o grandi privilegi), oppure solo vecchio e ha perso di vista che cos il mondo di oggi: ma del resto di laudatores temporis acti piena la storia dell'umanit.
Tornando alla riforma Franceschini, di cui condivido profondamente lo spirito innovatore, evidente che abbia creato uno scossone notevole in un organismo - quello del MiBACT e soprattutto delle Soprintendenze - di cui peraltro da anni tutti lamentavamo lo scarso funzionamento e la mancanza di una riforma che lo mettesse finalmente al passo con i tempi. Certo, come in tutte le riforme necessaria una fase di assestamento in cui a tutti gli attori coinvolti - se tengono al loro lavoro - richiesta una dose notevole di buona volont, tolleranza, disponibilit e anche creativit per trovare soluzioni nuove. E un po come quando si trasloca in una casa nuova e pi grande: per settimane si vive tra gli scatoloni, facendo fatica a trovare calzini e tazzine da caff (magari anche perch mancano gli armadi in cui riporli) e dovendo inventare nuove collocazioni per gli oggetti duso quotidiano. Poi per, dopo una buona dose di fatica e di stress, tutto va a posto e alla fine si sta molto meglio di come si stava prima (altrimenti perch avremmo cambiato casa?).
La domanda che mi sono posta e che ho posto in questi mesi tante volte a chi spara a palle incatenate contro la riforma Franceschini e alla quale non ho mai ricevuto risposta questa: qualcuno pu spiegarmi perch una Soprintendenza territoriale pi piccola delle vecchie Soprintendenze archeologiche, con un territorio pi piccolo da controllare, dovrebbe svolgere il proprio lavoro peggio di una Soprintendenza con territori posti a centinaia di km dalla sede centrale? Qui in Toscana, ad esempio, territori importanti come Populonia o come la Lunigiana distano due ore di viaggio da Firenze, meno della met da Pisa e Lucca, alle quali sono state assegnate. E lobiezione che in questo modo si sono frazionati contesti storici unitari francamente fa sorridere. A parte il fatto che questo avveniva anche prima (basti pensare a Luni, che anche prima della riforma dipendeva da Genova, mentre il suo ager dipendeva da Firenze), a quali contesti storici si deve far riferimento in un territorio con una storia complicata come quello dellItalia? Emiliani fa riferimento alla Puglia dei Dauni e dei Peucezi, ma allora perch non parlare del Ducato bizantino di Calabria, che nel VII secolo accorpava Salento e Calabria, o del Ducato di Puglia, che nellXI secolo comprendeva anche Melfi e parte dellattuale Lucania?
Ma se di divisioni artificiose si deve parlare, allora perch non parlare di quella pi artificiosa di tutte, che condannava le tombe sotto il pavimento di una chiesa a dipendere da una Soprintendenza (archeologica), i muri della chiesa da unaltra Soprintendenza (Beni architettonici) e gli affreschi su quei muri da unaltra ancora (Belle arti)?
E invece i vantaggi di avere accorpati in una ununica struttura (pi vicina ai Beni da tutelare) tutti gli organi di tutela sono innegabili:
- sono innegabili per i comuni cittadini: basti pensare al risparmio di tempo e di denaro se c un ufficio unico a cui rivolgersi per ottenere un parere o unautorizzazione ad eseguire un lavoro;
- sono innegabili per i funzionari: faccio ancora una volta un esempio concreto che riguarda Pisa, la mia citt, dove nel 2015 il Comune ha chiesto lautorizzazione a creare una ventina di isole ecologiche (cassonetti per limmondizia interrati, al posto degli antiestetici e puzzolenti cassonetti fuori terra). La richiesta di autorizzazione per lo stesso lavoro stata inoltrata a due diverse Soprintendenze, lArcheologica a Firenze e la BAPSAE a Pisa, le quali due Soprintendenze hanno dovuto ovviamente incaricare due diversi funzionari di esaminare la stessa pratica: il risultato che due funzionari hanno fatto lo stesso lavoro, il che in una situazione di scarsit di personale, quale quella che tutti lamentiamo, davvero folle;
- sono innegabili per gli studiosi, specie per noi archeologi, che per le esigenze delle nostre ricerche abbiamo un unico referente e non pi referenti spesso in contrasto (talvolta apparentemente non motivato) fra loro.

2. Il problema dellapplicazione della riforma Franceschini va tenuto distinto (cosa che non si fa nellarticolo di Emiliani e che si tende a non fare in genere, sollevando in tal modo un gran polverone, che non contribuisce certo a migliorare le cose) da un problema assai pi grave che con la riforma centra assai poco, e cio la mancanza di personale e di finanziamenti adeguati. Che il personale della tutela sia ridotto ai minimi termini un dato di fatto, dovuto ai pensionamenti a valanga di unintera generazione di funzionari, a cui per un ventennio e pi non ha corrisposto un adeguato turnover. E di questo francamente sbagliato addossare la responsabilit a Franceschini, che anzi ha varato, dopo anni e anni di latitanza dei governi, un primo piano di assunzioni: poco, pochissimo, una goccia nel mare. Lo stesso vale per i finanziamenti, anchessi ampiamente al di sotto delle necessit, ma pur sempre superiori a quelli degli anni passati. Non dimentichiamoci che la situazione economica mondiale - e del nostro Paese in particolare - quella che e che tutti i comparti pubblici (polizia, sanit, magistratura, protezione civile, scuola inferiore e superiore) lamentano le stesse difficolt. Nella mia Universit, solo per fare un esempio concreto, nel 2000 cerano 14 archeologi, mentre oggi siamo 7 (la met esatta) a dover gestire unofferta didattica assai pi variegata e perfino pi numerosa che in passato, che comprende un Corso di Laurea triennale (Scienze dei Beni Culturali), uno Magistrale (Archeologia), una Scuola di Specializzazione (Beni Archeologici) e un Dottorato (Antichistica).

In conclusione: un pregio innegabile la riforma Franceschini lo ha avuto e cio quello di innescare un dibattito su temi importanti come lorganizzazione della tutela, di cui - ripeto - da anni tutti lamentavamo lo scarso funzionamento e linadeguatezza rispetto al mondo attuale. Semmai quello che - a mio parere - finora non stato allaltezza proprio il dibattito, che continua a concentrarsi su lamentele e rivendicazioni, senza sforzarsi, se non in casi rarissimi, di portare un proprio contributo costruttivo. Proviamo a fare tutti uno sforzo affinch le critiche siano anche costruttive.
E questo il mio augurio a tutti per il 2017.
Letizia

______________________________________
prof. Maria Letizia Gualandi
Dipartimento di Civilt e forme del sapere
Universit di Pisa
via dei Mille 19, 56126 PISA
tel. +39 050 2215662
letizia.gualandi@unipi.it



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news