LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mostre no, mostre sì
15-05-2018
Enzo Borsellino

Il 15 novembre 2017 (http://www.patrimoniosos.it/rsol.php?op=getintervento&id=1224) avevo avanzato riserve sulla presenza nella mostra di Bernini alla Galleria Borghese della statua di Santa Bibiana in quanto esposta in modo del tutto decontestualizzato. Lopera è stata infatti realizzata per un edificio di culto a scopo devozionale e ha una sua ragion dessere solo nella nicchia dellaltare per la quale è stata ideata dal genio di Gian Lorenzo Bernini. E quindi fuori luogo da parte della direttrice del museo aver lamentato che la statua sarebbe tornata alla fine della mostra in una posizione per lei così punitiva.
Oggi, dopo la ferale notizia che durante la ricollocazione della scultura sullaltare della chiesa di Santa Bibiana un urto accidentale ha prodotto la rottura dellanulare della sua mano destra, quella considerazione sembra quasi una premonizione. Notizie di stampa assicurano che i dirigenti del MiBACT hanno coinvolto lIstituto Superiore di Conservazione e Restauro (ISCR) con i suoi migliori restauratori ma solo per supervisionare il delicato intervento del reinserimento del dito, non eseguito dallISCR ma da una società privata.
Il danneggiamento della statua di Santa Bibiana costringe ad una ulteriore riflessione sulla opportunità di aver voluto esporre nella mostra di Bernini unopera di tale particolare natura e consistenza.
Vengono inevitabili prima di tutto alcune domande: chi ha autorizzato e perché il restauro della scultura di Bernini? La statua era stata restaurata già nel 1997/98, ma in situ. Aveva proprio bisogno di un nuovo restauro? E cera veramente bisogno di rimuoverla dallaltare per eseguire tale restauro? O il restauro è stato solo il pretesto per aggiungere unopera di Bernini in mostra?
Il soprintendente per larcheologia belle arti e paesaggio di Roma ha dichiarato che lopera non avrebbe avuto lautorizzazione alla sua rimozione dalla chiesa se non fosse stato necessario un restauro importante. Una utile pulitura a causa della mancata depolverizzazione periodica, che andava programmata dalla Soprintendenza dopo il 1997/98, non assolve la rimozione attuata.
Lattuale reggente della Direzione della Galleria Borghese (visto che la direttrice è stata sospesa dal servizio, ma non per la questione della statua), ha dichiarato che dopo il 13 marzo 2018, data in cui la scultura berniniana su richiesta del Vicariato è stata riportata nella chiesa di Santa Bibiana in attesa del posizionamento sullaltare, si è interrotta la responsabilità della Galleria Borghese e la sua competenza a effettuare scelte di ogni natura in merito alla sua conservazione: quasi che il danno fosse stato provocato dal Vicariato che reclamava la restituzione della Santa Bibiana e come se la Galleria Borghese non fosse stata parte dirigente nella richiesta di rimozione della statua e quindi non responsabile della sua completa ricollocazione. Non parliamo poi della grande scoperta sulla esatta posizione della statua nella nicchia (su cui è stata organizzata una Giornata di studio il 22 gennaio 2018): essa non giustifica la rimozione della scultura; si poteva ruotare la statua e lasciarla al suo posto. Affermare poi che la rotazione sia andata anche a beneficio della comunità dei fedeli ha del paradossale! Citare infine, per minimizzare laccaduto odierno, che già un pollice della statua è interessato da una antica rottura, conferma la difficoltà a trovare giustificazioni valide per una operazione di marketing culturale oltremodo stigmatizzabile.
Se queste sono le giustificazioni avanzate dagli organi preposti alla gestione e alla tutela del nostro patrimonio artistico, cè da restare preoccupati.
Tra laltro, viste le alte somme spese per lennesima esposizione di Bernini alla Galleria Borghese, mi auguro che si trovino anche le risorse per revisionare limpianto di climatizzazione del museo che da anni versa in precarie condizioni, ma si sa, purtroppo, che tale attività non dà lustro quanto una mostra.
Io stesso mi sono trovato lestate scorsa nella Galleria Borghese con limpianto di climatizzazione fuori uso, col rischio che si potessero danneggiare le opere di Raffaello, Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Pinturicchio, Perugino, ecc. Le opere darte però non possono protestare ma solo mostrare eventualmente gli effetti di una cattiva conservazione.
Una mostra tuttora in atto che, al contrario, è giusto menzionare per rigore scientifico e opportunità di progetto, è quella dei Musei Capitolini dedicata a Johann Johachim Winckelmann, padre fondatore della moderna archeologia, in occasione dei 300 anni dalla nascita (1717) e i 250 dalla morte (1768) in cui sono stati messi a fuoco i suoi studi sulle Antichità Capitoline fondamentali per la famosa elaborazione della sua Storia dellarte antica pubblicata nel 1764. Lincontro del famoso studioso tedesco con il primo museo pubblico in Europa, il Museo Capitolino, è infatti il leit motiv di un percorso che ricostruisce un periodo storico di assoluta importanza per la riscoperta e i nuovi studi sulle antichità romane.
Lesposizione è stata allestita in spazi che non invadono il consueto percorso museale (come è successo invece ancora una volta alla Galleria Borghese), in sale cioè dedicate alle esposizioni temporanee, ma che rimanda al suo interno a sollecitare il visitatore a soffermarsi in altre parti dei Musei Capitolini su opere a cui Winckelmann dedicò studi e attenzioni particolari. E ciò fatto con didascalie con il logo della mostra aggiunte a quelle esistenti.
Il progetto ha avuto tra laltro il merito di recuperare alla fruizione pubblica alcune sale del piano terreno del Palazzo Nuovo, da molti anni chiuse al pubblico e reinserite nel percorso museale storico con la presentazione di straordinari pezzi come il monumentale sarcofago con le storie di Achille.
Un progetto nato allinterno della direzione scientifica della Sovrintendenza Capitolina e non, come spesso accade, offerto a pacchetto da società esterne e che è stato finanziato con le esigue risorse interne dellAmministrazione di Roma Capitale. La mostra si è avvalsa di pochi ma qualificati e pertinenti prestiti esterni, in alcuni casi costituiti da opere inedite o mai esposte a Roma. E stata anche loccasione per mettere sotto osservazione opere delle collezioni comunali non esposte o poco note al pubblico con una operazione in cui il termine valorizzazione trova qui il suo corretto significato. E non solo valorizzazione dei beni culturali pubblici ma anche delle risorse umane e delle competenze interne alla direzione dei Musei Capitolini. Ne è chiara testimonianza il ponderoso e ben documentato catalogo (Winckelmann e il Museo Capitolino nella Roma del Settecento. Il Tesoro di Antichità a cura di Eloisa Dodero e Claudio Parisi Presicce).
Roma 10 maggio 2018



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news