LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Strategie e progetti territoriali per i beni culturali italiani
16-06-2006
di Davide Ponzini




Questa breve nota prova a ripercorrere sinteticamente i principali temi affrontati nel seminario Gestione e valorizzazione dei beni e delle attivit culturali: strategie e progetti territoriali, tenuto il 31 Maggio 2006 presso il Politecnico di Milano e a cui hanno partecipato Alberto Clementi, Piero Gastaldo, Pier Carlo Palermo e Davide Ponzini.

Tendenze. Nellultimo decennio, sono emerse nuove tendenze nel campo dei beni e delle attivit culturali italiani. A fronte della riduzione delle risorse statali disponibili, alcuni processi di trasformazione del settore stanno introducendo soggetti ed interessi privati e nonprofit nella gestione e valorizzazione e nella progettazione di interventi sulle strutture culturali. In questi processi, anche gli Enti Locali stanno assumendo un ruolo crescente. Anche se in modo controverso, emergono i primi segni della possibile associazione tra progetti di sviluppo urbano e di trasformazione territoriale e la valorizzazione di beni culturali. Gli esiti di questi processi non sono finora soddisfacenti, n in termini di progressiva riduzione dellimpegno statale, n di capacit di attrazione di risorse private. Le implicazioni pi significative di questi cambiamenti sembrano risiedere nellopportunit di rimodulare verticalmente ed orizzontalmente la governance dei beni culturali e di avviare pi significative relazioni con i territori di cui i beni sono parte. Losservazione di casi italiani di partecipazione di attori non-statali alla gestione ed alla progettazione di interventi per la valorizzazione dei beni culturali, ha fatto registrare esiti ambivalenti. Queste esperienze sembrano avere notevole efficacia nella trasformazione e qualificazione di contesti urbani, ma talvolta hanno indotto esiti modesti per le attese, sia pubbliche che private, di valorizzazione culturale e di sviluppo locale.

Rischi. Di fronte ai cambiamenti del settore, le pi recenti risposte sembrano evidenziare il rischio di introversione delle politiche per i beni culturali. Limpegno di governo nella tutela certamente garanzia indispensabile al mantenimento dei beni culturali, tuttavia non sufficiente a salvaguardare il settore dalle fluttuazioni, attualmente non certo favorevoli, della disponibilit di risorse esclusivamente statali. Allo stesso modo, le funzioni di valorizzazione e promozione dei beni e delle attivit culturali, se meramente intese nei termini di migliore utilizzazione e fruizione pubblica, sembrano piuttosto riduttive di fronte ai problemi ed alle opportunit emergenti. Queste ultime potrebbero non risiedere unicamente nella detassazione delle elargizioni private e nel solo interesse simbolico-pubblicitario del mecenatismo individuale. Insomma, non ci si pu attendere nel medio periodo che linterpretazione tradizionale delle funzioni di tutela e valorizzazione sia in grado di determinare un significativo mutamento nelle priorit del governo statale o nei costumi fiscali degli italiani. Sembra legittimo, e secondo alcuni urgente, interrogarsi sulle possibilit di reperire risorse addizionali a quelle ministeriali.

Strategie territoriali. Nuove strategie per il coinvolgimento di risorse non-statali e per la costituzione di network pubblico-privati potrebbero essere fondate sul principio della generazione e captazione di esternalit positive legate ai beni ed alle attivit culturali. Infatti, oltre che dalle opportunit di detassazione delle sponsorizzazioni e del ritorno di immagine garantito dal sostegno alla Cultura, gli interessi locali sembrano essere sollecitati in particolar modo da processi di qualificazione urbana e di valorizzazione immobiliare, che possono essere associati ad interventi sulle strutture culturali e sui loro contesti. In questo senso, sembra importante esplorare i nessi diretti ed indiretti tra beni culturali e trasformazioni territoriali. Linterpretazione delle recenti modificazioni delle relazioni tra pubblico e privato permette di individuare prospettive progettuali innovative, utili a creare valore aggiunto, a permetterne la captazione da parte dei network locali e a destinare una quota parte del valore aggiunto al reinvestimento nella tutela, gestione, valorizzazione e promozione del patrimonio pubblico, nello sviluppo di attivit economiche, sociali e culturali complementari ed interconnesse alla Cultura.
Due linee dazione. Una interpretazione delle nuove tendenze secondo la prospettiva strategica ora citata pu suggerire lipotesi di integrare politiche culturali e progetti di trasformazione territoriale e di sviluppo di determinati contesti locali. Questa potrebbe essere una via da esplorare per reperire risorse aggiuntive a quelle statali, cogliendo due opportunit: da un lato programmando interventi integrati per la valorizzazione delle strutture culturali e lo sviluppo dei loro contesti fisici, economici e sociali, dallaltro esplorando meccanismi indiretti, utili a captare una parte del valore aggiunto generato dalle trasformazioni territoriali. In entrambi i casi la programmazione pu essere destinata a singole polarit culturali e a reti e sistemi di beni e attivit culturali, immaginando di intervenire sulle relazioni con attivit sia economiche che sociali e culturali.

Programmi di sviluppo. Nel precedente ciclo della programmazione delle politiche comunitarie per lo sviluppo, le risorse culturali sono state un asse strategico. La programmazione regionale ha saputo raggiungere risultati significativi, ma probabilmente una minor frammentazione degli investimenti avrebbe garantito maggiore efficacia. Attualmente, la valorizzazione delle risorse culturali rientra nelle priorit del Quadro Strategico Nazionale in corso di definizione. Sulla base delle esperienze maturate e delle lezioni apprese, sembra possibile ricercare maggior coordinamento dei programmi su base nazionale ed individuare, in modo condiviso, un insieme prioritario di interventi strategici. Un tentativo di questo segno stato affidato ai Programmi Operativi Nazionali di scorsa generazione, che tuttavia non sono sempre risultati soddisfacenti. Nel prossimo ciclo, si potrebbe immaginare di avviare, anche sul settore culturale, un Programma Operativo Nazionale, concentrando limpegno del Governo su un numero altamente selezionato di progetti pilota, volti ad agire congiuntamente sul patrimonio e sulla qualificazione territoriale, generando contestualmente valore aggiunto da reinvestire sulla gestione e valorizzazione dei beni culturali stessi, sullo sviluppo di filiere ed attivit complementari e interconnesse.

Progetti di territorio. In una diversa ipotesi di intervento, alcuni contesti locali con buone dotazioni urbane di base, potrebbero progettare interventi strategici volti a promuovere il territorio, attraverso il sostegno ai beni ed alle attivit culturali. In analogia con certi processi insediativi, si pu immaginare di sperimentare meccanismi fiscali, perequativi e di compensazione per destinare una parte del valore aggiunto generato dalle trasformazioni territoriali alle funzioni di tutela, gestione e valorizzazione dei beni culturali. La programmazione complessa nel settore delle politiche infrastrutturali ha da alcuni anni mostrato che possibile attivare meccanismi di governance, che permettano di captare la valorizzazione territoriale data dagli interventi sulle strutture pubbliche e di reinvestirne una parte nella gestione e valorizzazione del patrimonio pubblico stesso. Nel settore dei beni e delle attivit culturali, non si possono certamente sottovalutare le ambivalenze registrate nelle prime esperienze maturate in Italia. Sembra essere richiesta una attenta guida pubblica che definisca contestualmente meccanismi virtuosi di coinvolgimento di differenti attori, pubblici e privati, e che faciliti giochi a somma positiva, sia generando esiti favorevoli in termini di trasformazione e sviluppo del territorio, sia sostenendo una ferma garanzia pubblica di tutela. Il reperimento delle risorse necessarie allavvio di questi processi potrebbe essere oggi problematico. Certamente, il Ministero per i Beni e le Attivit culturali, anche congiuntamente al Ministero per le Infrastrutture, avrebbe potuto in precedenza indirizzare lazione di Arcus Spa verso una simile sperimentazione, che esprime obiettivi del tutto compatibili con la sua missione.

In conclusione del seminario, sembrato che queste due linee dazione, nonostante pongano alcune criticit, potrebbero essere percorribili anche nel breve termine. La prima richiederebbe un impegno programmatico del Governo nellimpostazione del Quadro Strategico Nazionale. La seconda ipotesi richiederebbe di sperimentare, anche nel settore dei beni e delle attivit culturali, quanto appreso dalle recenti esperienze dellurbanistica riformista.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news