LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SECONDA RISPOSTA A VITTORIO SGARBI (MENO UFFICIALE)
16-08-2006
Libero Rossi

Attacco frontale: Sgarbi ringhia alla luna.

Il guru dei salotti televisivi e degli eventi culturali, Vittorio Sgarbi, sulle pagine de il Giornale di luned 14 agosto, attacca a testa bassa il sindacato. Accusa direttamente il sottoscritto, e lamico Cerasoli, di protezionismo, favoritismi e malafede. Accuse gravi, anzi gravissime che non potranno concludersi con una semplice nota di risposta. Nel suo articolo Nomine, concorsi e giochetti sindacali spara su tutto e su tutti e si autonomina difensore ufficiale di un gruppo di funzionari illustri, bocciati allultimo concorso per soprintendenti. Continua Sgarbi con illazioni calunniose sulla Commissione del concorso formata da Antonio Paolucci e dai professori Fabio Benzi e Silvia Danesi Squarzina, colpevoli di essere capricciosi, irrispettosi e senza titoli; deride i candidati che, per proprie capacit, hanno superato le prove; esalta il gruppo dei bocciati per i loro presunti meriti, a suo dire, acquisiti sul campo. In sintesi ce ne sono per tutti. Le riflessioni del guru meritano sicuramente una prima risposta puntuale e circostanziata o, come si dice a Roma: a cuccuruc mo timparo io educazione.

Prima questione: il pulpito da cui provengono le accuse.
Di certo, Vittorio Sgarbi, nella sua fortunata e brillante carriera di figura pubblica, fra tante inutili iniziative di successo, deve registrare due sacrosante bocciature, entrambe legate al Ministero per i Beni e le Attivit Culturali: la prima come funzionario di soprintendenza che si conclusa in tribunale con una sua condanna; la seconda come sottosegretario del governo Berlusconi, caratterizzata esclusivamente da gossip di basso profilo e da una serie di nomine, volute proprio da Sgarbi, che ancora gridano vendetta. Lesperienza da sottosegretario si conclusa con la cacciata dal Ministero per comportamento scorretto ma, soprattutto, per scarso rendimento. In poche parole non stato capace di fare niente di buono. Mi sembra paradossale che proprio il dottor Sgarbi, con il suo passato, intervenga su aspetti gestionali, organizzativi e sui criteri migliori per selezionare i futuri soprintendenti. Mi sembra che in questo campo Sgarbi non possa vantare credenziali, anzi ritengo che sia sicuramente un senza titolo e senza meriti.

Seconda questione: La predisposizione naturale quale elemento fondamentale per la nomina a soprintendente.
La problematica posta dal dott. Sgarbi meriterebbe uno studio approfondito con trattati interdisciplinari relativi al clientelismo, ai codici deontologici, alla gestione democratica e trasparente della Pubblica Amministrazione. Proviamo ad esemplificare con un caso reale, gi accaduto, cosa significa, per il dottor Sgarbi, la predisposizione naturale. Quando, da sottosegretario, ha nominato dei soprintendenti la predisposizione naturale consistita nel saldare i propri debiti damicizia ( vedere Il Corriere Adriatico del 28 dicembre 2004). Ha avuto il coraggio, spudorato, di nominare soprintendente per i beni architettonici un insegnante di lettere in pensione, docente in un istituto tecnico di un piccolo paese di provincia. Questa la predisposizione naturale a cui fa riferimento Sgarbi: clientelismo.

Terza questione: valutazione dei risultati ottenuti dai dirigenti quale elemento fondamentale per la loro riconferma.
Su questo punto ci troviamo daccordo, anche perch tale valutazione prevista nei contratti della dirigenza. Ma il dottor Sgarbi, come al solito, fa il furbetto. Infatti, non dato di capire per quale strano motivo consideri esclusivamente le valutazioni universalmente giudicate ottime. E quelle universalmente giudicate negative? Per il nostro guru se le valutazioni negative riguardano i suoi amici non contano. indubbio, per esempio, che lesperienza dellarch. Scoppola nelle Marche stata non solo negativa ma addirittura catastrofica. Il vincolo del monte Conero, a cui fa riferimento il dott. Sgarbi, aveva una perimetrazione che arrivava fino allorizzonte (leggere il decreto del vincolo per credere) e ha prodotto solo perdite e danni, ha intaccato la credibilit del Ministero ed ha indebolito lazione di tutela della soprintendenza. Un vincolo illegittimo, illegale, ingestibile per lampiezza del territorio interessato. In sintesi un coctail di esaltazione, fantasia ed arbitrio amministrativo (vedere decreto di annullamento del TAR delle Marche per credere). Per il dott. Sgarbi, in questo caso, la valutazione dei risultati negativi non conta, anzi sottolinea e condivide il nuovo incarico di responsabilit assegnato al nominato architetto. Il guru non perde occasione per interpretare il ruolo del marchese del Grillo: io so io, (e faccio e dico quello che me pare, ndr) e voi nun sete gnente! Sgarbi non ha alcuna credibilit.

Quarta questione: Sgarbi definisce il concorso per soprintendente grottesco e sbagliatofinalizzato ad eliminare molti e favorire alcuni protetti.
Le considerazioni del dott. Sgarbi sono solamente illazioni diffamatorie gravi, prive di fondamento. Tanto gravi da poter legittimare una querela per diffamazione. Di certo un personaggio di altro spessore, di fronte al convincimento espresso con tanta sicurezza dal dottor Sgarbi, non avrebbe scelto le pagine di un giornale per denunciare i presunti brogli. Inoltre, paradossale e contraddittorio il fatto di partecipare ad un concorso con regole certe, e, dopo la pubblicazione dei risultati contestarlo. Contestazione non soggettiva ed in merito alle singole valutazioni ma sulle impostazioni di fondo, sulle regole. Troppo facile contestare dopo la pubblicazione dei risultati, solo Sgarbi poteva avere la faccia tosta per farlo.

Quinta questione: il dottor Sgarbi afferma che agli orali sono stati ammessi concorrenti ignoti, privi di esperienza e che i loro nomi destano ilarit per quanto trasparente la protezione che li ha assistiti.
Falso, spudoratamente falso. Anche se non li conosciamo personalmente tutti, sappiamo bene chi sono i funzionari che hanno superato gli scritti: onesti, preparati e capaci, con decenni di esperienza alle spalle, che hanno mandato avanti, sulla loro pelle, molte soprintendenze. Il concorso per esami, in considerazione dellampiezza delle materie, ha dei margini di incertezze ai quali nessuno pu sottrarsi, nomi noti con esperienze di direzioni di uffici e semplici funzionari. Sappiamo bene che per dirigere una soprintendenza non basta conoscere leggi, procedure e storia dellarte ma ci sembra comunque un buon bagaglio sul quale costruire altre capacit e altre qualit. La lettura dei risultati, con lesclusione dei nomi illustri, attesta la correttezza del lavoro della Commissione. Le regole, ci piacciano oppure no, vanno rispettate in modo integrale e sono valide per tutti i concorrenti. Solo Vittorio Sgarbi, e la sua consorteria, la pensano diversamente.

Sesta questione: il dottor Sgarbi accusa il sindacato di essere in malafede e di essere a conoscenza della protezione che hanno avuto i funzionari ammessi agli orali.
Affermazione falsa, assurda e calunniosa. La CGIL non a conoscenza di nessuna irregolarit, non ha protetto n intervenuta in favore di alcun candidato. tanto assurda la tesi di Sgarbi che nelle sue scomposte dichiarazioni accomuna, evidentemente con gli stessi intenti, il sottoscritto con lamico Cerasoli. Lipotesi semplicemente ridicola. Tutti sanno che con il rappresentante della UIL, da anni, i rapporti sono praticamente solo di duro scontro e di sostanziali diversit. Il guru non ha capito, come al solito, niente.

Con cordialit
Mogginano 16 agosto 2006


Libero rossi
(Fp-Cgil beni e attivit culturali)



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news