LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Custodiamo il custode Ovvero: Rutelli, d qualcosa di sinistra
18-09-2006
Stefano Innocentini

L uomo, sin dai tempi pi remoti, ha sempre visto nella figura del custode, quanto di pi rassicurante e protettivo potesse esistere. Il custode colui che protegge, si prende cura di qualcuno o qualcosa, tutela, sorveglia. E una presenza rassicurante e discreta. Nella mitologia romana, Giano era il dio custode dell'universo ed il dio dell'inizio.
Era una delle divinit romane pi importanti, il primo ad essere invocato nelle preghiere, prima ancora di Giove.
Ovidio che lo indica come custode dell'universo e per questo, la sua effige viene messa ad ogni ingresso. Egli apriva e chiudeva ogni cosa, guardava all'interno e all'esterno, da qui la sua raffigurazione bifronte. Fornace era, invece, custode del buon funzionamento del forno per il pane il cui culto fu introdotto da Numa Pompilio. Anche qualcosa di intangibile, come la memoria, pu essere custode, ad esempio, del tempo, perch in essa il tempo contenuto e trattenuto.
Persino una citt pu essere custode, ad esempio, del proprio patrimonio di storia ed arte.
Recentemente, due quotidiani nazionali, Il Sole 24 Ore e La Nazione, hanno riportato le dichiarazioni di Antonio Natali, Direttore della Galleria degli Uffizi, in merito alla grave e cronica carenza di custodi nel Museo da lui diretto.

E un grido di allarme che va preso in seria considerazione poich, come dichiara lo stesso Natali, viene messa a dura prova la possibilit di sorvegliare adeguatamente i tesori conservati all'interno del museo, soprattutto in questa stagione, perch i turisti aumentano e ci sono le ferie dei dipendenti. Basti dire che per coprire i 7mila metri quadrati della Galleria servirebbero almeno sessantacinque custodi per ognuno dei due turni di lavoro, e invece adesso non riusciamo a superare il numero di quaranta.

In merito alla possibilit di assumere nuovo personale, il Direttore precisa, giustamente, che Non possiamo farlo autonomamente: spetterebbe al Ministero, cio allo Stato, che per ha il problema di alleggerire la spesa per il pubblico impiego. Neppure sostituisce chi va in pensione.

In questo caldo mese dagosto anche un altro quotidiano, Il Mattino nelledizione del giorno 10, lancia un analogo allarme: anche i custodi dei musei vanno in ferie. E l'assenza di una consistente fetta del personale - almeno il 40 per cento - si traduce nella chiusura al pubblico di alcune sale.

Polemico il sovrintendente del Polo museale Nicola Spinosa: Troppi errori nella programmazione, il massimo che diamo, d'estate, sono quattro canzonette sul lungomare. Citt inospitale? Direi proprio di s.

A margine delle dichiarazioni del Dott. Natali, la Segreteria Regionale della Toscana del Sindacato UNSA Beni Culturali, cos come riportato da Il Giornale e Il Sole 24 Ore, ha attaccato il direttore del museo accusandolo di fare demagogia tramite la stampa e in pieno agosto e auspicato che invece di "sentire" un solo sindacato convochi - per quanto di sua competenza - al pi presto tutte le OO. SS: ed affronti seriamente i problemi che ha denunciato, dato che i suoi conti non tornano. Secondo il sindacato, Natali sa bene che con meno di 50 custodi present per turno si commette reato cos come si augura il non inserimento di "tecnologie giocattolo" e la gestione della vigilanza "ballerina" a scapito della professionalit.

Alle dichiarazioni del Direttore degli Uffizi, risponde anche, sul Sole 24 Ore del 10 agosto, Gianfranco Imperatori, segretario generale di Civita, associazione che gestisce i servizi aggiuntivi di 50 musei.
La sua proposta molto semplice: Per salvare gli Uffizi la custodia ai privati. Non ci sono fondi, lo Stato ormai deve prenderne atto. Dove non arriva lo Stato si deve lasciare spazio ai privati. E questa la ricetta per sostenere i musei italiani e salvarli da un sicuro collasso per mancanza di fondi. Sembra quasi di assistere ad unanticipazione del dibattito LA LIBERT NELLE LIBERALIZZAZIONI.
PI SUSSIDIARIET MENO STATALISMO (Meeting di Rimini 2006. N.d.A.), che ha visto contrapporre le tesi del centrodestra, esposte dal Senatore Giuseppe Pisanu, a quelle del centrosinistra, esposte dal Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro ai Beni e Attivit Culturali On. Francesco Rutelli. Nel dibattito in questione, il Senatore Giuseppe Pisanu ha ulteriormente confermato la predilezione del concetto di Sussidiariet da parte dello schieramento di centrodestra. Cos come ha ricordato lo stesso Pisanu, la nozione di sussidiariet fu enunciata per la prima volta nel 1838, da Antonio Rosmini, quando disse: Lo stato faccia solo quello che i cittadini non possono fare. Centoventi anni dopo, il Manifesto di Godesberg, praticamente il manifesto dei socialdemocratici tedeschi, avrebbe ripreso questo concetto, dicendo pi laicamente: Il mercato ovunque possibile, lintervento pubblico solo quando necessario. Cos come sappiamo, Il termine sussidiariet deriva dal latino subsidium ferre che significa prestare aiuto e, nella terminologia militare romana, subsidium stava ad indicare le truppe di riserva che rimanevano dietro al fronte, pronte a intervenire in aiuto delle truppe che combattevano in prima linea. Questo principio, nel nostro caso, sta a significare che le responsabilit pubbliche devono essere attribuite allautorit territorialmente pi vicina ai cittadini interessati e lo Stato deve intervenire solo dove e quando le Regioni e gli Enti locali (nel caso di sussidiariet verticale) oppure la famiglia o le associazioni (nel caso di sussidiariet orizzontale) non riescono assolutamente a provvedere.

Contestualizzando queste teorie nel discorso iniziale, potremmo affermare che la strada gi intrapresa dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, proprio quella di un intervento sempre pi massiccio, dei privati - per quanto intesi come associazioni o fondazioni e quindi senza scopo di lucro- nella gestione della cosa pubblica, ovvero dei musei statali. Recentemente, il famoso e storico Museo Egizio di Torino, stato affidato ad unapposita Fondazione il cui presidente Alain Elkann, uomo di cultura, giornalista e scrittore. Questa sorta di Privatizzazione dei musei apre per una serie di interrogativi: il privato sa gestire la cosa pubblica meglio dello Stato? Un museo gestito da una fondazione pi efficiente e produttivo di uno gestito direttamente dal Dicastero competente?

I custodi privati sono pi bravi e preparati di quelli dipendenti dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali? E difficile rispondere a queste domande, anche se, i soliti luoghi comuni, farebbero propendere per una risposta favorevole alla gestione privata. Purtroppo, il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali sin dalla sua creazione voluta dal Senatore Giovanni Spadolini - allora si chiamava Ministero per i Beni Culturali e Ambientali - non ha mai avuto fama di grande ed efficiente tutore e custode del patrimonio culturale italiano. Nonostante tutto, sono convinto che una buona e diretta gestione dei beni culturali italiani da parte del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, sia possibile e concretamente realizzabile.

I tempi sono cambiati cos come cambiata, in meglio naturalmente, la mentalit e la professionalit degli operatori del settore. Per quanto riguarda il caso specifico dei custodi, il Sindacato Nazionale Autonomo CONF.SAL U.N.S.A. Beni Culturali ha sempre sostenuto la necessit di dotare il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, di un apposito Corpo di Agenti di Custodia.

Tutto sommato, non sarebbe una grande novit, poich gi altri Ministeri hanno dei Corpi analoghi, come ad esempio, il Corpo Forestale dello Stato, che fa capo al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, oppure la Polizia Penitenziaria, appartenente al Dipartimento dellAmministrazione Penitenziaria del Ministero della Giustizia. Non proseguo con lelenco degli esempi perch sarebbe esageratamente lungo, basti pensare alla Guardia di Finanza, ai Vigili del Fuoco o alla Polizia Municipale. Tutti Corpi appositamente creati per fini specifici e dipendenti da diversi Ministeri o da Comuni. La creazione di un apposito Corpo degli Agenti di Custodia dei Beni Culturali darebbe maggiore professionalit agli addetti alla vigilanza e costerebbe sicuramente meno di un analogo Corpo gestito da privati. Ad ogni buon conto una cosa sicura: il principio di Sussidiariet interessante e condivisibile ma ogni volta che lo Stato necessita di un subsidium ferre, ovvero di aiuto, vuol dire che da solo non ce la fa e se necessita di aiuto questo interpretabile pi come una sconfitta dello Stato che una vittoria della libert. Ministro Rutelli, per favore, almeno tu di "qualcosa di sinistra" o perlomeno di centrosinistra. Stefano Innocentini, Vice Segretario Nazionale UNSA Beni Culturali



news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news