LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Matera. SE QUESTA È MODERNITÀ voglio scendere, camminare, riflettere
25-10-2006
Michele Morelli

Negli ultimi giorni sono ripresi, a pieno ritmo, i lavori di sbancamento dell’area antistante il complesso monumentale di Sant’Agostino sito negli antichi rioni. Non
è un bel vedere. I cittadini non si rassegnano all’idea che nulla e nessuna istituzione possa fermare e far riflettere la Soprintendenza su quanto sta realizzando. La nostra costituzione, nei suoi principi fondamentali, tutela il
paesaggio, il patrimonio storico e artistico della Nazione e promuove lo sviluppo della cultura. La tutela è materia esclusiva dello Stato. E’ invece materia di legislazione concorrente la valorizzazione dei beni culturali e ambientali, la
promozione e l’organizzazione di attività culturali. Le Regioni, le Provincie e i Comuni concorrono dunque alla difesa e alla realizzazione di un obiettivo costituzionale fondamentale. E lo fanno attraverso la legislazione regionale e i
regolamenti locali. Tutte insieme collaborano allo sviluppo di politiche attive a favore del nostro patrimonio culturale. Il cittadino sa che l’ethos pubblica di queste istituzioni è svolta ai massimi livelli, con conoscenza e pratiche condivise (il ché significa acquisizione di sapere, consapevolezza, cultura, responsabilità, coerenza e competenza nelle azioni e nei comportamenti). La vicenda del parcheggio di
Sant’Agostino dimostra esattamente il contrario. Il costume, la pratica di intervento della soprintendenza ancora una volta si manifesta in forte contraddizione ai principi costituzionale e di missione. Invece di restaurare il paesaggio storico consolidato che abbiamo ereditato dal passato, la nostra soprintendenza progetta nei contesti storici immobili moderni, vere e proprie
superfetazioni di pessimo gusto. Ci si meraviglia delle condizioni del nostro mezzogiorno il quale presenta un territorio tra i più degradati non solo dell’Europa ma dell’intero bacino del mediterraneo. Pare evidente che l’uso/abuso della res (cosa/bene) pubblica (o) è fortemente condizionata dall’ethos della pubblica amministrazione. Di fronte alle
indignazioni pubbliche di cittadini e abitanti degli antichi rioni le istituzioni rimangono in silenzio. Non è la prima volta che i cittadini dimostrano una maggiore consapevolezza di ciò che significa tutela del proprio patrimonio culturale. Questa potrebbe essere una occasione per ripensare profondamente il
nostro modo di agire e manipolare l’eredità materiale che ci deriva dal nostro passato.
La modernità, la contemporaneità, può essere praticata con modalità d’uso responsabile? O bisogna rassegnarsi al peggio, in quanto inevitabile?
Siamo proprio sicuri che lo scandalo del parcheggio di Sant’Agostino sia il prodotto degli effetti collaterali del processo di ri-funzionalizzazione degli antichi rioni?

Cinquanta anni fa un nostro concittadino, il pediatra Mauro Padula, il quale non intendeva rassegnarsi all’idea che i Sassi dovessero essere cancellati dalla storia, scriveva:
“… Bisognerebbe invece parlare di restauri perché le opere d’arte si restaurano e non si distruggono […]. Nell’applicare la legge per il risanamento dei Sassi, bisognerà studiare seriamente questi interessanti alveari che non sono un museo perché parte vitale di una città, ma che meriterebbero di essere custoditi
gelosamente e trattati come una gigantesca opera d’arte”.
Noi la pensiamo come il dott. Mauro Padula e come lui non intendiamo rassegnarci.
Chiediamo alle istituzioni locali di pronunciarsi in modo chiaro e netto. Facciano la battaglia se davvero ne sono convinti.
Questo è un modo per dimostrare che l’amministrazione comunale è vicina ai suoi cittadini ed è impegnata a riportare nuova qualità negli interventi di recupero all’interno degli antichi rioni sassi. Il silenzio di questi giorni, se perdurasse, potrebbe essere inteso come una dichiarazione di assenso all’operato della Soprintendenza.
E opportuno che i cittadini sappiano.

Ottobre 25 / Michele Morelli



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news