LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Rinvenuta la chiesa di Santa Maria, prima cattedrale di Canosa
10-10-2006
Giuliano Volpe

Si è appena conclusa la campagna di scavi 2006 condotta dal Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di Foggia, con la direzione di Giuliano Volpe e la responsabilità sul campo di Roberta Giuliani, Danilo Leone e Alessandra De Stefano, nell’area del Battistero di San Giovanni. Gli scavi fanno seguito alle ricerche condotte nella stessa città per cinque anni, tra il 2001 e il 2005, nell’area di San Pietro, che hanno portato all’individuazione di un monumentale complesso paleocristiano costruito nel VI secolo dal vescovo Sabino, costituito da una chiesa preceduta da un atrio, da edifici residenziali e da strutture funerarie, tra le quali un mausoleo identificabile con la tomba di Sabino, che, come ricorda un’operetta agiografica del IX secolo che narra la vita del vescovo, il rinvenimento della sua tomba e la traslazione della suo corpo, fu sepolto proprio a San Pietro. A lungo si era ritenuto che nella chiesa di San Pietro fosse da riconoscere la prima cattedrale canosina, ma le ricerche archeologiche hanno invece dimostrato che ebbe una destinazione cimiteriale e che fu costruita nel VI secolo da Sabino.
Restava dunque aperto il problema dell’individuazione dell’originaria cattedrale paleocristiana in una città nella quale molto precocemente, già alla metà del IV secolo, era certamente attiva una cospicua comunità cristiana, se un suo vescovo, Stercorio (Stercoreus ab Apulia, de Canusio) fu l’unico vescovo pugliese presente all’importante concilio di Sardica del 343-4.
L’unica chiesa citata dall’anonimo autore della Vita di San Sabino ma finora non ancora individuata era la chiesa di Santa Maria, accanto alla quale il potente vescovo costruì nel VI secolo un monumentale battistero dedicato a San Giovanni. Grazie ad una serie di indizi archeologici individuati nel corso di scavi effettuati nell’area antistante il battistero nel 2002-03, è stato possibile ipotizzare la collocazione della chiesa di Santa Maria immediatamente a sud del battistero e del atrio. Al di sotto un possente strato di accumulo spesso oltre tre metri è stato così possibile individuare i resti della chiesa, attualmente nota solo in una piccola parte corrispondente ad una porzione della navata centrale, della navatella meridionale e del nartece. L’edificio di culto presenta quasi sicuramente un’articolazione in tre navate, probabilmente con un atrio antistante, come lasciano supporre le basi del colonnato del nartece. La chiesa risulta inoltre pavimentata con mosaici policromi a decorazione geometrica, di cui sono stati individuati due livelli sovrapposti, relativi verosimilmente alla pavimentazione originaria e ad un intervento di rifacimento del mosaico, forse dovuto proprio al vescovo Sabino.
Non meno interessanti sono i dati archeologici relativi alle fasi di abbandono e di rioccupazione della chiesa paleocristiana, nella cui area si insediarono in età altomedievale alcune capanne e poi, nella piena età medievale, una serie di abitazioni, dotate di fosse granarie e di pozzi: con la prosecuzione delle indagini, sarà infatti possibile per la prima volta indagare in estensione una porzione dell’abitato medievale di Canosa.
Non è stato ancora possibile precisare con esattezza la cronologia del primo impianto della chiesa, che è però sicuramente attribuibile ad un momento precedente l’epoca di Sabino. Se fosse confermata una sua datazione al IV secolo, saremmo in presenza di un edificio di significative dimensioni (la larghezza non pare possa essere inferiore a 20 metri) tra i più antichi d’Italia.
Con questa nuova scoperta Canosa si conferma una realtà archeologica tra le più importanti della Puglia e dell’Italia meridionale per quanto riguarda la fase paleocristiana, con un patrimonio costituito da numerosi complessi monumentali che consentirà, quando le aree archeologiche saranno definitivamente sistemate e rese fruibili, uno straordinario itinerario segnato dalle chiese di San Pietro, di Santa Maria-Battistero di San Giovanni, di San Leucio, dalla cattedrale medievale di San Sabino e dalle catacombe di Santa Sofia-Ponte della Lama, con la possibilità di snodarsi nella valle dell’Ofanto fino alle chiese paleocristiane poste al di sotto delle cattedrali medievali di Barletta e Trani. In tale percorso paleocristiano un ruolo importante potrà essere svolto dal costituendo ‘Museo dei vescovi di Canosa’, in fase di progettazione nel bel Palazzo Minerva posto nel cuore della città ofantina, nei pressi della Cattedrale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news