LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA: La villa romana del Casale di Piazza Armerina in pericolo.
11-11-2006
Franco Tomaselli



Il restauro emblematico progettato da Franco Minissi nel 1957 e lintegrit del monumento sono minacciati da un intervento di ripristino multimilionario sostenuto dallalto commissario Vittorio Sgarbi. Se non si reagisce in tempo potremmo assistere alla scomparsa dellennesima testimonianza delloperosit di Minissi nellambito del restauro archeologico.

Una cultura diffusa anche nei livelli di maggiore scolarizzazione, che traspare altres dagli organi di informazione, induce a considerare il restauro come un momento assai positivo nella vita di unopera darte e si ha limpressione che i migliori risultati si ottengano con grandi quantit di denaro. Questo falso!!! Lesecuzione di un restauro rappresenta una sconfitta degli organi di tutela e della societ tutta perch costituisce il conseguente epilogo di una lunga e colpevole omissione di atti, e registra una mancanza di interesse e di passione per i monumenti, che si costretti a sanare con il restauro, che, nella quasi totalit dei casi, sarebbe altrimenti evitabile. Forse meglio ribadirlo: il restauro, anche quello che pi si avvicina alla conservazione integrale, atto traumatico che va prevenuto con opere di manutenzione. Il miglior restauro sempre quello che pu essere evitato, a garanzia dellintegrit del patrimonio culturale che conserverebbe laura della sua autenticit con il conseguente risparmio delle risorse economiche della collettivit. Questo preambolo utile per meglio argomentare il gravissimo pericolo che sta correndo il noto sito archeologico della villa romana del Casale di Piazza Armerina in cui si pretende di eseguire un cos detto restauro del valore di 25 milioni di euro (a quanto pare 18 + 7 provenienti da finanziamenti di diversa origine). Dopo la fortuita scoperta e i successivi scavi, una prima copertura veniva realizzata nel 1942, nel Triclinium, sopra i mosaici con le Fatiche di Ercole, su progetto dellarchitetto Piero Gazzola, a quellepoca Soprintendente ai monumenti della Sicilia orientale. Pilastri di mattoni sostenevano una struttura con capriate lignee, tavolato e coppi alla siciliana. Ma quel primo esempio di copertura non convince, troppo pesante e oppressivo dei resti archeologici. Soltanto nel 1957, dopo avere portato il tema allattenzione del Consiglio Superiore delle Antichit e Belle Arti, il Ministero della Pubblica Istruzione dava incarico allarchitetto Franco Minissi di progettare una protezione con tettoie trasparenti e leggere. Al progetto delle coperture della villa del Casale partecipava attivamente Cesare Brandi storico dellarte e teorico del restauro di fama internazionale, in quel tempo direttore dellIstituto Centrale per il Restauro. In un saggio sulla conservazione delle arch itetture allo stato di rudere pubblicato sul Bollettino dellICR nel 1956, Brandi trattava ampiamente il tema della villa del Casale esponendo la possibile tipologia delle proposte di copertura dei resti della villa. Quella tradizionale pesante e invasiva, del genere di quella realizzata da Gazzola (in pratica molto simile al progetto che si vorrebbe realizzare oggi), quella in forma di grande cupola in cemento armato, conservativa per i ruderi ma non per lambiente (molto simile ad un altro progetto proposto nel 2004) e, infine, quella leggera e trasparente che riteneva la pi idonea. Grazie alla razionalizzazione del montaggio dei vari componenti, essenzialmente esili strutture metalliche ed elementi modulari in vetro o in laminato plastico trasparente, nel 1958 (in meno di un anno), lopera protettiva per la conservazione della villa romana del Casale veniva completata. Con un impegno economico minimale, dunque, guidato da un progetto museografico di grande ingegno e originalit, si resa possibile la salvaguardia del complesso architettonico e la sua fruizione, con oltre duemila metri quadrati di mosaici coperti. Ma questi sono solo gli aspetti pi pratici di quel progetto che per nella sua essenza contiene la massima concentrazione delle speculazioni intellettuali intorno al restauro dei monumenti elaborate nella prima met del Novecento e, generalmente, valide fino ad oggi. Lattivit progettuale di Minissi, che si svolge dopo la seconda guerra mondiale, si collega al dibattito sugli obiettivi del restauro che insieme allo stesso Brandi vede protago nisti, tra gli altri, Renato Bonelli, Guglielmo De Angelis DOssat e Roberto Pane, che disquisiscono intorno alla sua codificazione. Il restauro sempre da intendere con finalit conservativa ma nella feconda dialettica tra processo critico e atto creativo, nella prospettiva del raggiungimento della reintegrazione dellimmagine mutila, ove se ne presentasse lassoluta necessit. Lopera di Minissi, svolta a servizio della conservazione del patrimonio archeologico, si fatta interprete di questo dibattito ed ha tradotto le istanze teoriche in concrete realizzazioni che possono considerarsi, per ci che riguarda laccostamento di materiali moderni a resti archeologici, il manifesto del restauro del XX secolo. Manifesto che rischia di essere definitivamente cancellato. Col progetto di Minissi si ottenuto un apprezzabile equilibrio tra la necessit protettiva del sito, costituita dallimpalpabile struttura trasparente, ed il rispetto dellatmosfera magica del rudere archeologico a cui, ma solo graficamente, si conferisce una ideale e non obbligata dimensione spaziale ormai definitivamente, dico definitivamente, perduta e mai pi riconquistabile dalle supposizioni dei ripristinatori. Proprio la Sicilia ha rappresentato il laboratorio per la sperimentazione di quelle nuove vie del restauro e proprio Minissi stato autore di tanti progetti come quello delle mura urbiche greche di Capo Soprano realizzate in mattoni di argilla cruda, dove si adottava un rivestimento con lastre di vetro (1952); come quello della copertura del teatro di Eraclea Minoa con elementi sagomati in perspex (1962); come quello della chiesetta di epoca normanna di San Nicol Regale a Mazara del Vallo (1963) in cui si ricostruiva la copertura non pi esistente. Questa era composta da elementi metallici e piccole lastre trasparenti di perspex che emulavano lapparecchiatura in conci di arenaria costituenti archi, volte e cupola e consentivano alla luce del giorno di inondare linterno (di una bellezza strepitosa). Forse pochi ricordano che le soluzioni restaurative appena citate non esistono pi perch recentemente distrutte da ulteriori e dissennati restauri. Ma mai possibile? Si possibile. Ancora una volta questi esempi ci mostrano monumenti in cui non si mai attuato il minimo piano di manutenzione e dove, per inerzia, si atteso il lento disfacimento della materia, sia di quella introdotta con il restauro che di quella storica che si voleva proteggere. In verit resta solo unaltro esempio di sito archeologico con copertura trasparente progettata da Minissi, ma per motivi comprensibili, preferisco non rivelarne lubicazione per evitare lo zelo di qualche benintenzionato portatore di favolosi finanziamenti. Per tornare alla villa del Casale si pu ancora notare che la soluzione della sua protezione ha trovato sempre entusiastici consensi e che quel progetto, che superficialmente si potrebbe definire datato, ancora considerato come uno tra i pi alti esempi del restauro di tutti i tempi. In cinquanta anni la copertura della villa ha svolto egregiamente la sua funzione, praticamente senza mai ricevere opere di manutenzione, sopportando pure atti vandalici, tentativi di incendio, e addirittura un alluvione. Lalluvione verificatosi nel 1991 causava linondazione della villa e provocava il ricoprimento dei mosaici con una spessa coltre di fango. Questa poteva essere una buona occasione per mettere a punto un progetto serio di manutenzione e valorizzazione del complesso e di soluzione dei pericoli idro-geologici. Ma niente!!! Si sgombrano semplicemente fango e detriti senza avviare studi sulla conservazione dei mosaici. Gli unici interventi hanno sempre peggiorato la situazione climatica con la eliminazione delle soluzioni per favorire la circolazione dellaria previste dal progetto originario della copertura. Neanche linclusione della villa, nel 1997, nellelenco del patrimonio dellumanit da parte dellUNESCO ha fatto reagire i responsabili per indurli a promuovere minime azioni di tutela e opere di miglioramento dellaccoglienza (pensate 500 mila visitatori allanno e neanche un gabinetto) o per scongiurare le azioni di vandali e ladri. Per studiare la possibilit di combattere vandalismi e furti (lultimo, di due teste marmoree, stato denunciato il 2 ottobre 2006) nel 2003 la Regione Siciliana aveva nominato Alto Commissario della villa lex generale dei carabinieri Bruno Conforti (una volta tanto la persona giusta al posto giusto) ma poi ci ha ripensato e ha conferito quella carica al dottore Vittorio Sgarbi, perch, a quanto pare, si meritato quei galloni di difensore della villa dopo un coraggioso blitz effettuato alle quattro del mattino per cogliere, forse, eventuali delinquenti sul fatto. Da quel momento si cominciato a discutere di possibili progetti, ma anzich di lotta alla criminalit i progetti, dimprovviso, sono diventati di restauro (ma che nesso cera ?). Cos ha iniziato a circolare la notizia di un favoloso finanziamento per realizzare una ciclopica cupola a protezione del sito archeologico. Il timore di una profonda alterazione dei luoghi ha fatto insorgere le proteste ed io stesso ho raccolto varie firme in campo nazionale per sostenere liniziativa del prof. Nigrelli, dellUniversit di Catania, che invocava giusti interventi per garantire la permanenza dellopera di Minissi. Dopo qualche tempo il commissario Sgarbi, che prima manifestava simpatie per una cupola di ben 120 metri di diametro e 30 di altezza (ora mi rendo conto che forse era solo uno specchietto per le allodole), rompe gli indugi e dichiara che il suo nuovo paladino larchitetto Guido Meli, Direttore del Centro regionale del restauro, che sta elaborando un progetto conservativo (sic). Sembrava una battaglia vinta. Il restauro emblematico di Minissi poteva continuare a resistere con gli opportuni interventi di adeguamento. Una dichiarazione dello stesso Meli rilasciata ad un quotidiano confermava le sue intenzioni conservative: Tutti i sostegni tubolari della copertura - dice Meli - sono oramai arrugginiti, vanno cambiati, un lavoro difficile, attraverso il quale dobbiamo ottenere un'adeguata aerazione ed una maggiore funzionalit dell'attuale sistema (GdS 17-2-04). Forse avrebbe dovuto allarmare lesagerato impegno di spesa che si andava delineando, non sempre compatibile con ch i vuole sinceramente conservare lesistente. Io per ero rassicurato dal ruolo che riveste il Centro diretto dallarchitetto Meli, che, pensate, si occupa della elaborazione, per tutto il territorio regionale, della carta del rischio che rappresenta il mezzo per evitare i restauri da svolgere in emergenza, perch valutando i rischi si pu agire con opere di prevenzione. Sapevo pure che insieme al teatro di Taormina, uno dei progetti pilota di Meli era proprio applicato alla valutazione dei rischi della villa del Casale e questo mi tranquillizzava ulteriormente, anche perch non traspariva alcun immediato pericolo. Ma dimprovviso, forse per qualche malefico influsso, i guai sono arrivati tutti insieme. Devo ringraziare il prof. Dezzi Bardeschi del Politecnico di Milano e il prof. Guerrera dellUniversit di Palermo, che mi hanno informato, negli scorsi giorni, di un progetto definitivo di cui non avevo notizia. Ma limpulso a scrivere queste righe, dopo aver assunto ogni possibile elemento, mi venuto dopo la lettura di un articolo del commissario Sgarbi (che dispensa ingiurie a chi si permesso di manifestare dubbi sulla sua iniziativa) pubblicato lo scorso 23 ottobre da il Giornale dal quale si comprende che dietro quel progetto di svariati milioni di euro non c alcun programma culturale, se non quello di spendere subito quei denari che altrimenti andrebbero perduti. A questo punto rivolgo al commissario Sgarbi lappello di non permettere che si distrugga, per i motivi che ho esposto, lopera di Minissi, di essenziale importanza per levoluzione delle teorie del restauro. Sarebbe come, spero che lui capisca, togliere le opere di restauro di Raffaele Stern dallarco di Tito. Vorrei chiedere pure al commissario Sgarbi se ha mai valutato quanto potrebbe essere fallimentare eliminare la struttura di copertura esistente, che di fatto ha svolto egregiamente la sua funzione per cinquanta anni, senza mai richiedere opere di manutenzione e tuttora efficiente, con unaltra costosissima che richiederebbe indifferibili e onerosissimi interventi continui. Forse lalto commissario non stato informato di quanto sia gravoso mantenere in stato di esercizio tutto il legno che dovrebbe mettersi in opera, e cosa richiederebbe tenere in ordine quei circa trentacinquemila metri quadrati di nuovo intonaco che si vuole introdurre. E poi ancora chiedo al commissario di riflettere se vale la pena di eliminare lelegante soluzione di copertura esistente nella villa per costruire quei pesanti ed ingombranti casoni di totale invenzione che, pi che altro, ricordano un surrogato di edilizia rurale dove recarsi per acquistare uova fresche. Spero che il buon commissario Sgarbi capisca che alla fine tutti quei quattrini, per i quali rivendica riconoscenza dai siciliani, se non impiegati oculatamente, saranno solo la pi grande iattura che poteva capitare a quel luogo magico e incantevole. Io sono sicuro che con poca spesa si dovrebbe rimettere la copertura progettata da Minissi nella condizione di essere attualizzata. Parte del denaro restante si dovrebbe impiegare per le opere di conservazione dei mosaici. Il resto del cospicuo finanziamento sarebbe da destinare alle infrastrutture ricettive. Altra opera assai meritoria sarebbe pure quella di istituire ed attrezzare un laboratorio di restauro permanente, dove ospitare per tirocini e poi impiegare i laureati, architetti e restauratori dei corsi di conservazione dellUniversit. Spero che presto lalto commissario dott. Vittorio Sgarbi, noto saggista e conduttore televisivo, apprezzato per lalto senso di equilibrio e la moderazione, receda dai suoi propositi e si renda conto che il destino della villa del Casale di Piazza Armerina di importanza capitale per la cultura universale e che non si pu restare indifferenti di fronte ad un progetto, privo di ogni minimo approfondimento, che elimini lintegrit e lautenticit del monumento. Aspetto fiducioso che un suo ripensamento ci liberi dallattuale imbarazzo e dallangoscia di sapere quel prezioso bene culturale in pericolo. Mi auguro che Sgarbi ci ripensi almeno come tributo alla memoria di Cesare Brandi di cui questanno ricorre il centenario della nascita. Invito infine coloro che hanno letto queste mie note e considerano la conservazione del patrimonio culturale un interesse collettivo, a sottoscrivere lappello che segue indirizzato alle autorit perch si possa salvare, nella sua attuale composizione (resti archeologici e opere di protezione e fruizione progettate da Minissi), il complesso monumentale della villa del Casale.

Palermo, 30 ottobre 2006


Franco Tomaselli presidente dellassociazione culturale Monumento Documento onlus; professore ordinario di Restauro nella Facolt di Architettura di Palermo; direttore del Master biennale di II livello in Restauro dei Monumenti; coordinatore del corso di Laurea Magistrale in Restauro e Conservazione dei Beni Architettonici ed Ambientali della Facolt di Architettura di Palermo.


P. S. Collegandosi al sito www.unipa.it/monumentodocumento si possono vedere le foto che accompagnano queste note e si pu aderire ad un appello alle autorit per impedire che si compia una ulteriore distruzione dellopera di Minissi.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news