LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A PROPOSITO DI INSEGNAMENTO DELLA STORIA DELL'ARTE. NOTA A MARGINE DELL'INTERVENTO DEL MINISTRO RUTELLI
11-11-2006
Gerardo Pecci*

Quando Francesco Rutelli ha concesso la propria intervista a "La Repubblica" a proposito del nostro patrimonio culturale, non ha fatto altro che ribadire, con la forza e l'autorevolezza che gli deriva dal suo ministero, quanto gi da anni il mondo della scuola, soprattutto tramite l'ANISA (Associazione Nazionale Insegnanti di Storia dell'Arte), aveva sostenuto con veemenza: la revisione dei programmi il potenziamento del numero di ore di lezione di storia dell'arte, classe di concorso A061/ 61A, nelle scuole e negli istituti di istruzione secondaria di secondo grado.
Ma anche nelle Universit. Non ci potr mai essere un'efficace azione politica e di tutela del nostro patrimonio di arte e civilt se non si conoscono i beni da tutelare, conservare, amare. Questi beni sono stati ereditati dal passato ed nostro dovere, e perentorio obbligo morale, difenderli e valorizzarli per trasmetterli alle generazioni future. E' questo un principio elementare, da sempre ribadito nelle aule dei licei e delle universit. Ma non affatto scontato, visto l'accanimento con cui molti beni sono stati allegramente distrutti, sfregiati e offesi, troppo spesso, da mani ignote e da amministratori pubblici incapaci, ignoranti e, a volte, anche corrotti. E tutto questo perch manca il senso civico del rispetto; se tutto ci accaduto, e accade, frutto dell'ignoranza. Sono le scuole e le universit i luoghi deputati alla formazione della coscienza civica degli studenti-cittadini e della loro "acculturazione": l'educazione alla legalit passa anche attraverso le aule scolastiche. E con essa c' bisogno di una formazione curricolare rigorosa e approfondita, soprattutto per ci che riguarda la storia dell'arte. Guardare al bene culturale come bene esclusivamente economico anch'essa un'aberrante ottica, strabica, che non tiene conto che esso prima di tutto una testimonianza storica avente valore di civilt, come gi ribadito nel 1964 dalla Commissione Franceschini. Nessuno nega il valore economico dei beni culturali, ma essi sono prima di tutto beni che appartengono di diritto all'Umanit, e non c' bisogno di scomodare e citare studi giuridici in merito. Il loro valore economico un valore aggiunto, scaturisce dall'importanza storica che noi attribuiamo ad essi.
Un paese civile, o che pretende di definirsi tale, ha bisogno di uomini e mezzi per mantenere in vita questo patrimonio, ha bisogno di cittadini storici dell'arte, archeologi, antropologi, restauratori, ecc. Ma sono le scuole i luoghi dove questi cittadini acquisiscono le conoscenze e le competenze di base, necessarie per esplicare poi tali funzioni e professionalit, in vista del successivo e indispensabile percorso universitario. Ed alla scuola che dobbiamo guardare. Nei licei in genere, classici e artistici e istituti d'arte (e in alcuni istituti professionali e tecnici) la storia dell'arte ancora oggi relegata al ruolo di Cenerentola, ma la povera ragazza della fiaba divenne principessa. La storia dell'arte ancora non lo . Sono troppo esigue le ore di insegnamento nei licei classici e nei licei artistici e solo poche volte gli studenti vengono a contatto con le opere d'arte presenti nel territorio in cui vivono. Ci sono poi i viaggi d'istruzione, ma sono episodi che troppo spesso sono solo occasione per "evadere e divertirsi", in mancanza di un vero e proprio progetto che ne giustifichi le
finalit e gli obiettivi formativi e culturali. Perch si formi nei giovani una vera
coscienza storico-artistica c' bisogno di un maggior numero di ore di insegnamento della storia dell'arte. Quando il ministro Rutelli ha evidenziato la necessit di aumentare il numero di ore di lezione di questa disciplina ha messo il dito sulla piaga, aperta da decenni e sempre sanguinante, purtroppo. Tutti noi ci auguriamo che tale proposta sia accolta anche dal titolare del dicastero della Pubblica Istruzione e che il ministro Fioroni possa essere in sintonia con il suo collega Rutelli. Si parla tanto di "Riforma della Scuola": una vera riforma passa soprattutto attraverso chi la scuola la vive quotidianamente e opera, giorno dopo giorno, a contatto con i
ragazzi, una scuola non astratta, ma reale, concreta, inserita nella vita del nostro tempo. Ben venga il pensiero di Rutelli, ma senza il parere dei docenti nessuna riforma scolastica seria potr mai dirsi degna di questo nome. Ed per questo che invito il Ministro della Pubblica Istruzione, l'ANISA, il Ministro per i Beni e le Attivit Culturali, a voler attivarsi affinch parta un serio dibattito in merito al potenziamento delle ore curricolari di insegnamento e ai contenuti dei programmi ministeriali della Storia dell'Arte. E' vero che negli ultimi tempi ci sono stati
interessanti dibattiti e interessanti pubblicazioni sul ruolo della storia dell'arte, ma i cui risultati spesso sono a conoscenza degli "addetti ai lavori": la
stragrande maggioranza dei docenti di storia dell'arte purtroppo all'oscuro di ci. Si promuova un'indagine conoscitiva, capillare, in merito e si chieda a tutti
il proprio parere in modo da far partire un dialogo proficuo, capace di essere veramente un volano per rinnovare e potenziare gli studi storico-artistici nelle
scuole secondarie di secondo grado. La raccolta di firme promossa da "patrimoniosos" in favore del potenziamento delle ore di insegnamento della storia dell'arte gi
un primo significativo e importante passo.

* Storico dell'arte, Ufficio Stampa del Centro di Studi e Ricerche
sulla Civilt Artistica dell'Italia Meridionale "Giovanni Previtali"



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news