LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

INTERVENTO DI RESTAURO SANTA MARIA DI COSTANTINOPOLI PRESSO PAPASIDERO
10-11-2006
Italia Nostra - Calabria

ItaliaNostraONLUS
ASSOCIAZIONE NAZIONALE PER LA TUTELA DEL
PATRIMONIO STORICO, ARTISTICO E NATURALE
Consiglio Regionale Calabria-Presidenza
88900 Crotone (KR) - Via G.Filangieri, 3
Tel. 0962.962708 e-mail dedalokr@libero.it

Prot. 27/06


Alla cortese attenzione
On.le Ministro per i Beni e le Attivit Culturali
Via del Collegio Romano, 27
00186 Roma

e p. c.
Egr. Soprintendente per i Beni Architettonici e per il Paesaggio della Calabria
Piazza Valdesi 13, 87100 Cosenza

Egr. Sindaco di Papasidero
Via Municipio, 9
87020 Papasidero (Cs)


URGENTE


OGGETTO:
INTERVENTO DI RESTAURO SANTA MARIA DI COSTANTINOPOLI PRESSO PAPASIDERO (CS) (BENE VINCOLATO AI SENSI DEL D.L. 29.10.1999 E SS.)

Egregio MINISTRO,
si rimane sbigottiti nel constatare i risultati del recente restauro del Santuario di Santa Maria di Costantinopoli realizzato dal Comune di Papasidero (Cs), bene vincolato ai sensi del D.L. 29.10.1999 e ss., tanta lassoluta mancanza di qualsiasi corretto principio di restauro, tanta lassenza di qualsivoglia rispetto per lesistente e la consuetudine decennale di una simile tipologia di intervento, che dovrebbe connaturarsi come minimo, non invasivo, neutrale, reversibile, conservativo, filologico ecc.. Il restauro della piccola chiesa di Santa Maria di Costantinopoli si prospetta invece come un intervento incredibilmente distruttivo, alterante, incongruo e grossolano: salta con evidenza agli occhi linvenzione arditissima, poich slegata da qualsiasi motivazione storico-estetica, della decorazione multicolore dellintonaco del campanile, atto tanto insensato quanto fuorviante per una corretta visione dinsieme, ravvicinata e panoramica, del monumento rupestre. Non solo, infatti, la piccola chiesa nella sua posizione isolata e arroccata sulla sponda destra del fiume Lao suggerisce la natura e origine antica, testimone della straordinaria esperienza del monachesimo bizantino, in una zona popolata come quella della valle del Mercure-Lao gi dallVIII secolo ma soprattutto dal IX-X da una numerosissima comunit monastica italo-bizantina (Eparchia del Merkurion), cenobitica e eremitica, proveniente da diverse sponde del Mar Mediterraneo.
Ci si sarebbe aspettati, naturalmente, un intervento scientificamente appropriato, attento e sensibile alla ricchezza storica e alla complessit delle stratificazioni materiali del monumento prima di adoperarsi a sconvolgere irreparabilmente lidentit storica, culturale e estetica del monumento rupestre, sottoposto, bisogna ricordare, a specifico vincolo di tutela. Sfregio perpetuato, come se non bastasse, anche a danno di alcune importanti tracce di un dipinto rupestre, sito sulla parete rocciosa alle spalle del campanile, databile al XIV-XV secolo, raffigurante una Santa martirizzata, e che oggi vistosamente imbrattata da schizzi di materiale cementizio e resinato occorsi per la sistemazione della parete rocciosa che sovrasta ledificio. Lavoro di messa in sicurezza, questultimo, che non ha assolutamente tenuto conto della peculiarit del legame indissolubile con lambiente-monumento, connaturato dalla folta vegetazione mediterranea in cui la chiesa si inserisce da sempre.
In riferimento a quanto rivelato, e di cui si allega la relativa documentazione fotografica, ItaliaNostra Calabria chiede unurgente verifica dei nullaosta e autorizzazioni necessarie relative allintervento di restauro e lattivazione di questo dicastero per il doveroso ripristino dellaspetto autentico del monumento tutelato.
Convinti della Sua sensibilit istituzionale, oltre che culturale e umana, Le invio i pi cordiali saluti.
In attesa di un gentile riscontro in merito.

Crotone, 10.11.2006

Prof.ssa Teresa Liguori

Presidente Consiglio Regionale ItaliaNostra Calabria
Consigliera Nazionale


__________________

Breve nota storica
L'edificio, sito nel territorio del Parco Nazionale del Pollino, ha un impianto planimetrico a croce commissa, con tre navate interne scandite da archi a tutto sesto poggianti su pilastri. La facciata principale a salienti e presenta sul lato sinistro un campanile cuspidato a base quadrata.
All'interno, sulla parete absidale, conservato un affresco che rappresenta la Vergine in trono col Bambino fra l'Arcangelo Michele e il Vescovo (San Procolo?) del XVI-XVII sec.; una statua lignea della Vergine col Bambino, realizzata a figura intera e impreziosita da un panneggio policromo a decorazione floreale (XIX sec.); un organo a canne del XVIII secolo.
molto probabile che la chiesa sia sorta su un precedente sito di culto pi antico, a chiusura di una grande grotta utilizzata in epoca altomedievale dai monaci italobizantini. Segu, inoltre, ledificazione di unedicola a custodia
dell'affresco della Madonna di Costantinopoli, intorno al 1656 anno in cui, a seguito di un intervento miracoloso durante la peste, i papasideresi la elessero
Patrona del paese, eventi che motivarono poi gli ulteriori ampliamenti architettonici.
L'edificio raggiungibile attraverso un ponte fatto costruire nel 1904 da Nicola
Dario, edificato al di sopra della campata, ancora visibile, di quello medievale gi
noto come "Ponte della Rognosa".

Intervento di restauro:
Comune di: Papasidero Provincia di: Cosenza
Lavori di: Restauro della chiesa di Santa Maria di Costantinopoli
Committente: Comune di Papasidero (Cs)
Progettista: Arch. Franca Colino Arch. Rossana Droghino
Direttore lavori: Arch. Franca Colino Arch. Rossana Droghino
Direzione cantiere. Ing. Orlando Vicchio
Assistente tecnico: Geom. G. Capparelli
Coordinatore della progettazione: Arch. Antonella Russo
Coordinatore dei lavori: Sig. Schifino Pasquale/Arch. Antonella Russo
Impresa costruttrice: Vicchio Orlando
Data inizio lavori: 07/04/2005
Data fine lavori: 06/04/2006

Allegati fotografici

Situazione originaria
http://tinypic.com/2q8801e

I lavori proseguono: (20 Agosto 2005) la colorazione del campanile stata
stravolta, la roccia cementificata.
http://tinypic.com/40dgt5e

Situazione attuale. Dopo le proteste della gente la sommit del campanile stata
dipinta di colore grigio ma si ancora lontani dalla situazione originaria.
http://tinypic.com/3zc6421



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news