LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ancora cemento nella citta dei Sassi a Matera
21-12-2006
Michele Morelli

Comunicato stampa: campagna di sensibilizzazione contro la cementificazione dell’ex giardino Porcari per favorire la realizzazione di un parcheggio pubblico per salvaguardare il CENTRO STORICO e le sue funzioni attrattive: culturali, commerciali, del tempo libero, residenziali, turistiche e sociali.


Il programma generale di recupero individua gli assi portanti della struttura urbana dei Sassi e del piano settecentesco a sostegno del ruolo simbolico-funzionale per il rinnovamento del centro storico.


Le direttrici secondo cui si collocano tali assi hanno come riferimento le cinque piazze più rilevanti della nostra storia: la piazza della Cattedrale, piazza del Sedile, piazza V. Veneto, piazza Pascoli, piazza S. Giovanni.

Sono i segni che danno identità urbana all’antico tessuto e coincidono con una serie di manufatti edilizi (palazzi, chiese, spazi pubblici, assi commerciali e di servizi, molti dei quali dedicati alla cultura). Il programma generale individua un anello di collegamento veicolare, interno e di avvicinamento, e una rete pedonale che rende accessibile e fruibile l’intera trama urbana. Nell’anello veicolare interno al centro storico l’accesso, il transito e la sosta, secondo le previsioni, deve essere controllato, organizzato e consentito ai soli autorizzati, tenendo conto della capacità di carico degli spazi “liberi” disponibili. Questo è quanto, in estrema sintesi, prevede uno dei documenti di programmazione/pianificazione più importanti della città (previsioni confermate nel PRG Nigro e nel Piano Urbano Traffico).

Gli abitanti e dimoranti, residenti e addetti alle attività commerciali della zona, sono seriamente preoccupati. Molti di loro sono convinti che oltre a programmare gli interventi di riqualificazione urbana (piazza del Sedile, piazza san Giovanni, via san Biagio, via Duomo, via Margherita, via del Corso, via san Francesco e via Ridola), oltre agli incentivi economici destinati a qualificare le attività commerciali e artigianali, sono necessari ulteriori interventi di arredo urbano e, soprattutto, risposte strutturali che riguardano la mobilità e i parcheggi. Altrimenti tutto questo sforzo finanziario non servirà a nulla. L’Associazione di Strada promossa dai commercianti e dagli artigiani è un segnale di “buona pratica” che va nella direzione giusta. Oltre ad una corretta disciplina del transito e della sosta, al potenziamento del trasporto pubblico, così come si è fatto nelle principali capitali culturali europee, per tutelare il patrimonio storico e i tanti investimenti, sia pubblici che privati, è indispensabile e utile accrescere la dotazione dei parcheggi lungo lasse del piano.

I cittadini si aspettano dall’amministrazione comunale queste risposte. Nelle prossime settimane il Consiglio Comunale sarà chiamato ad approvare il piano di “recupero” del cosiddetto ex orto giardino Porcari.

L’amministrazione comunale tuttora è convinta che non vi sono alternative ( 9.000 metri cubi al privato di carico edilizio in più in cambio di improbabili 100 parcheggi in proprietà pubblica). La trasformazione di questa area, invece, non può che rispondere ad un elevato interesse generale così come del resto aveva previsto il piano regolatore Piccinato. Se si vuole sul serio tutelare e valorizzare con coerenza i Sassi e la città settecentesca, comprese le attività produttive insediate, è vitale destinare l’ultima area libera lungo lasse di via Lucana in prevalenza a parcheggio pubblico, al servizio dei residenti e delle attività produttive. Come abbiamo più volte suggerito, gli strumenti per intervenire non mancano e neppure le risorse economiche.

L’amministrazione ha la possibilità di proporre lo scambio con l’area pubblica di via Gramsci, destinata a parcheggio silos ex fondi l. 64/86 sospeso da vent’anni, con un presupposto di ulteriori vantaggi sulla destinazione d’uso degli immobili. Oppure, l’amministrazione potrebbe utilizzare i fondi strutturali 2007/12, i meccanismi della perequazione, l’ imposta di scopo prevista nella finanziaria 2007, i Fas. C’è solo bisogno di un po’ di senso pubblico in più. La politica non può e non deve rassegnarsi alla logica della rendita del mattone. Solo in questo modo è possibile immaginare via del Corso, via Margherita, piazza Duomo, piazza san Francesco e via Ridola, via san Biagio, quali luoghi pubblici dedicati alle relazioni sociali, alla cultura, al turismo e al commercio di qualità.

E’ l’unica strada per contrastare il monopolio e l’invadenza degli ipermercati ed essere competitivi. Nei prossimi giorni partirà la campagna di sensibilizzazione dell’opinione pubblica per favorire l’adozione di un nuovo progetto urbano in grado di migliorare la qualità della vita dei residenti e rilanciare la ripresa economica del centro storico.

michele morelli


dicembre 06



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news