LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il condono dei beni archeologici e l'oligarchia del patrimonio culturale italiano
22-04-2003
Fabio Maniscalco, Direttore Osservatorio Permanente per la Protezione dei Beni Culturali

Fabio Maniscalco ha inviato il testo che trovate di seguito, accompagnandolo con questa lettera:


Gent.mi Amici e Colleghi,
Vi allego alcune considerazioni in merito al recente Disegno di Legge, dei ministri Urbani e Castelli, relativo alla sanatoria per il possesso dei beni antichi.
Nei prossimi giorni invier un appello alle Autorit competenti.
Pertanto, vi invito a divulgare le seguenti riflessioni e, se volete, ad inviarmi le vostre eventuali adesioni e/o suggerimenti.




La cura per la propria memoria storica rivela il grado di civilt e di moralit di uno Stato. Eppure in Italia, nazione che sotto la lungimirante regia di Giovanni Spadolini ha visto nascere il primo ministero dedicato proprio alla salvaguardia del patrimonio culturale, si ha l'impressione che in qualche modo gli organi di Governo vogliano delegare ai privati l'incombenza della conservazione del patrimonio culturale nazionale, aggirando in tutti i modi possibili l'art. 9 della Costituzione, secondo cui la Repubblica "…Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione"..


In realt sin dalla sua nascita, nel 1974, quello dei Beni Culturali ed Ambientali sempre stato un Dicastero "cenerentola" retto, salvo rare eccezioni, da ministri sprovveduti e poco inclini alla materia.


Si pensi alle sanatorie che hanno consentito l'assunzione anche a quanti, pur essendo privi di specifiche competenze e pur non essendo particolarmente meritevoli, facevano volontariato presso gli organi periferici del Ministero; allo sperpero miliardario prodotto da leggi, quali la 41/1986 (istituzione di Progetti per i Giacimenti Culturali); alla scarsa vigilanza sulle attivit degli organi periferici (mancati avvicendamenti di ispettori di Soprintendenze, alcuni dei quali considerano l'area di propria competenza quasi una propriet privata; custodi disattenti e perennemente in sciopero perch mal pagati; lavoratori socialmente utili demotivati, etc.); all'uso indiscriminato di danaro pubblico per finanziare lavori cinematografici di cui il mondo intero avrebbe fatto volentieri a meno; etc.


Anche a livello normativo non si fatto molto. Infatti, dal 1974 ad oggi, i soli provvedimenti di rilievo sono stati il D.Lgs. 368/1998, con cui stato mutato il nome del dicastero ("Ministero per i Beni e le Attivit Culturali") e con cui gli si affidava qualche competenza in pi in materia di sport e spettacolo. E proprio questi nuovi ambiti hanno reso il Ministero pi interessante per la classe politica, dal momento che per i ministri ed i sottosegretari di turno gli ambiti dello sport e dello spettacolo offrono una maggiore eco a livello mediatico e, quindi, di popolarit.


Altra novit giurisprudenziale stato il D.Lgs 490/1999, noto come Testo Unico dei beni culturali, che non ha apportato sostanziali innovazioni anche perch i testi unici, pur avendo il medesimo valore delle leggi formali, fondamentalmente costituiscono il riordinamento e la razionalizzazione di norme gi in vigore.


Senza dubbio nel corso delle ultime legislature si era potuta notare una gestione scialba e piuttosto mediocre del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali.


Tuttavia, l'attuale Governo riuscito a dimostrare come non ci siano limiti al "peggio" sotto un profilo umano (si pensi alla boccaccesca diatriba tra il Ministro Urbani ed il sottosegretario Sgarbi o ai patetici alterchi tra lo stesso sottosegretario e cabarettisti travestiti da giornalisti) e, soprattutto, amministrativo.


Uno degli ultimi esempi della gerenza autolesionista del ministro Urbani la recente legge di conversione del DL 63/2002 (legge sul "Patrimonio dello Stato S.p.a.), con la quale si inteso trasformare, con una logica imprenditoriale, il patrimonio comune in un patrimonio oligarchico e con il quale la memoria storica di villaggi, paesi e citt corre il rischio di essere svenduta a privati pur di racimolare un po' di danaro.


piuttosto ambigua anche la consuetudine di affidare la reggenza di Soprintendenze a professionisti non sempre in possesso di idonei curricula e nonostante un recentissimo concorso pubblico, terminato da diversi mesi con tanti vincitori ed idonei, che costato non poco allo Stato.


Nelle ultime settimane, inoltre, si parlato di un'ennesima sanatoria con cui si vorrebbe condonare il possesso di beni archeologici e con cui, certamente, sar inferta una nuova cruenta ferita al patrimonio culturale nazionale.


Difatti, quello del condono uno strumento ignominioso, di cui l'attuale Governo ha gi ampiamente abusato, atto ad arginare temporaneamente una questione ed a sottrarsi dalla responsabilit di dirimerla definitivamente con norme adeguate e con attivit concrete e sinergiche tra le autorit politica, amministrativa e giudiziaria.


noto come nel corso dell'ultimo cinquantennio leggi e decreti, indirizzati a sanare reati penali o amministrativi, abbiano favorito la dissoluzione del patrimonio culturale ed ambientale italiano. Soprattutto a partire dagli anni ’80, a causa dell’assenza di controlli dei sindaci e delle autorit competenti, della lentezza dei provvedimenti giudiziari, spesso non attuati, e della ciclica emanazione di sanatorie, si avuta una massificazione del fenomeno dell'abusivismo edilizio, che ha generato una trasformazione territoriale disarmonica in molti centri urbani, soprattutto quando i condoni erano annunciati o promessi dai politici (prima met degli anni '80 e 1994).


Come dichiarato proprio dal Ministro Urbani, il fine del recentissimo disegno di legge dovrebbe essere di consentire l'emersione di una porzione rilevante del patrimonio culturale ancora ignoto allo Stato e di creare una sorta di anagrafe degli oggetti archeologici, in modo da limitare i traffici illegali.


Non siamo ancora a conoscenza del testo definitivo della legge che, presumibilmente, preveder una semplice istanza da parte di un privato, magari con un'autocertificazione, per ottenere l'autorizzazione a detenere manufatti archeologici acquisiti in maniera illecita.


Tuttavia, con l'auspicio che il Governo italiano ponderi bene gli eventuali vantaggi e svantaggi del disegno di legge Urbani-Castelli, si tenter di esporre alcune considerazioni in merito all'inutilit ed al pericolo di questo disegno di legge:



1. La possibilit di detenere un manufatto archeologico da parte di privati gi contemplato all'art. 89 del T.U. dei Beni Culturali, secondo il quale chiunque scopra fortuitamente beni mobili o immobili ha diritto ad un premio di rinvenimento o ad una parte degli oggetti ritrovati. Pertanto, il condono premierebbe in maniera iniqua ed immorale ladri e ricettatori, ai quali verrebbe concesso, ope legis, di mantenere il bottino sottratto allo Stato (e quindi a tutti i cittadini italiani).



2. Prima che il disegno di legge entri in vigore trascorreranno diversi mesi durante i quali anche i cittadini pi morigerati potrebbero decidere di acquistare o di andare alla ricerca di reperti archeologici per poi fare istanza di condono al momento opportuno. In questo modo si aprirebbe una lunga stagione della "caccia alle antichit" terrestre e subacquea.



3. Il fenomeno delle archeomafie saldamente radicato all’interno delle realt nazionali proprio perch gli introiti annuali, derivanti dal commercio illecito d’arte, sono inferiori solo a quelli prodotti dalla droga. Pertanto, l'anagrafe dei beni culturali non fermer l'attivit dei cercatori clandestini e dei trafficanti d'arte, che continueranno ad esportare beni culturali all'estero anche grazie all'assenza di barriere doganali e di leggi inadeguate.



4. Fatta eccezione per pochi e particolarissimi oggetti, che potrebbero essere confiscati dallo Stato e che per questo non saranno mai denunciati, la ricerca scientifica godr di limitati benefici, poich difficilmente i possessori saranno in grado di indicare topograficamente il luogo di provenienza dei reperti.



5. Lo Stato dovrebbe impegnarsi, a livello sociale ed educativo, allo sviluppo di una cultura della legalit e del rispetto del patrimonio storico-artistico. Quindi, un ennesimo condono a favore di ladri e ricettatori potrebbe ridurre la gi precaria fiducia dei cittadini verso le Istituzioni e la Giustizia, oltre ad avere un effetto antieducativo.



6. Considerando che i rischi per ladri, trafficanti e ricettatori di beni culturali sono estremamente limitati grazie a leggi estremamente garantiste e di libera interpretazione, sarebbe fondamentale, a livello deterrente, inasprire le sanzioni penali ed amministrative non solo per i ladri e per i trafficanti d’arte, ma anche per quanti non rispettino i controlli sulla provenienza legale dei beni culturali e per i detentori di manufatti archeologici di illecita provenienza.



7. Per facilitare il rientro in patria di oggetti illecitamente esportati sarebbe pi vantaggioso stipulare accordi multilaterali ed attuare una strategia preventiva, con attivit di cooperazione sovranazionali, per combattere l’illecita importazione o esportazione dei beni culturali.



8. indice di una mentalit gretta ed opportunista ipotizzare la possibilit di rimpinguare le casse dello Stato attraverso la remissione di un reato.




news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news