LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La devastazione della Piana di Navelli si compiuta. Nemmeno se ne parla pi. Dimenticata.
20-01-2007
Ezio Pelino




Lepigrafe tombale lha scritta un grande della cultura e dellarcheologia, Adriano La Regina: Esempi di devastazione non mancano e, fra tanti, voglio citare laltopiano di Navelli in Abruzzo, dove il potenziamento viario ha rovinato per sempre un affascinante paesaggio.
Ed ha aggiunto:Servono controlli forti per evitare che i cantieri diventino distruttivi.
Coloro che avrebbero dovuto vigilare, infatti, non lo hanno fatto. Ora, a misfatto compiuto, qualcuno dovrebbe darci delle spiegazioni. Dovrebbe spiegarci perch non fu posto il vincolo a difesa del patrimonio paesaggistico e archeologico.
Non vero, infatti, che non si sapesse quali tesori si nascondessero lungo lantica Claudia Nova, dalla citt romana di Peltuinum alla piana del guerriero di Capestrano.

Sarebbero bastati i reperti gi acquisiti e la storia dei luoghi. Non aveva Adriano La Regina fin dagli anni sessanta, interpretando le testimonianze epigrafiche e toponomastiche, ipotizzato la presenza persino di una citt sullaltopiano? La citt di Incerulae.
Ma a chi non voleva proprio vedere perch voleva che la faraonica strada si facesse comunque non sono bastati nemmeno i cento sondaggi effettuati negli anni 2003/2004.

Questi avevano fatto emergere, al bivio per Caporciano/Bominaco, un grande edificio della prima met dellet imperiale, un mansio, una sorta di albergo per i viandanti della via Claudia, un sepolcreto di et successiva e tanto materiale archeologico sparso in tutta larea: tombe, ossa, cocci. Tutto faceva presagire, e lo capirono gli operatori, quanto cera ancora di estremamente importante da scoprire e che fu, in effetti, scoperto dopo lautorizzazione della strada. Un ecomostro orizzontale con un fronte di 50 metri rispetto ai 32 metri dellautostrada Milano-Torino, dotata di tre corsie, della corsia demergenza e di un ampio spartitraffico centrale. A lavori in corso, sono emerse dieci importanti aree archeologiche.
Di notevole interesse le cinque necropoli - 1700 tombe con i loro corredi funebri - dellet del Ferro (I millennio a.C.) che permettono di arricchire lo stato delle conoscenze dellarea centrale del territorio dei Vestini, tre siti di et romana, fra cui, a Navelli, proprio i resti della citt di Incerulae preconizzata da La Regina.
A Cinturelli - lungo una via lastricata in pietra vulcanica, sicuramente la via Claudia Nova, voluta dallimperatore Claudio, verso la met del I secolo d.C., per allacciare la Via Salaria alla via Tiburtina - emersa unarea industriale dotata di forni per la manifattura di oggetti in ferro e in vetro. A San Pio delle Camere, in localit Diamante, un grande tempio in opus reticulatum dell et di Augusto e, ancora, mosaici, pareti intonacate e affrescate. Che ne sar di tutto questo dopo aver completati gli studi e aver prelevato i reperti? Molto probabilmente verr ric operto perch vi corra sopra una delle complanari, un viadotto o uno dei tanti megasvincoli elargiti generosamente ai comuni secondo la logica sostenuta, con disarmante candore, da uno dei sindaci in un convegno dedicato di Legambiente: pi rotatorie pi sviluppo. Ma perch la Soprintendenza per i beni Archeologici per lAbruzzo non ha vigilato, impedendo lo scempio della Piana? La risposta sta nel fatto che lente che finanzia i sondaggi e gli scavi lAnas. Un corto circuito, un ennesimo conflitto dinteressi. LAnas, il controllato, finanzia il controllore, la Soprintendenza. Questa, con la crisi dei finanziamenti pubblici, per fare ricerca archeologica deve evitare di ostacolare i lavori, deve piuttosto favorirli: fa cos il pieno di reperti, riempie i musei, ma non esercita le sue facolt di salvaguardia, disinteressandosi di un bene quale lambiente, un unicum irriproducibile di natura e storia. La piana di Navelli, allombra del Gran Sasso, un tipico luogo dellanima per le sue suggestioni, per il verde dei suoi prati, il nero dei mandorli, la certosina secolare coltivazione dello zafferano, le umili ispirate chiese tratturali, i castelli rupestri, i paesi di pietra stato derubato delle sue magie. Da una strana alleanza. LAnas, con un progetto redatto da persone che sembrano totalmente ignare dei valori culturali, paesaggistici, turistici e quindi economici, e la Sovrintendenza, che non ha battuto ciglio, prendendo quello che poteva prendere e consentendo la disintegrazione di preziose aree archeologiche. Mentre tutti gli altri Enti, indifferenti come le stelle di Cronin, sono rimasti a guardare.
La Soprintendenza per il patrimonio storico artistico, la Comunit Montana, la Provincia, la Regione.
Sulmona, 20/01/07



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news