LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Centro Culturale Studi Storici di Eboli in difesa dei beni culturali e ambientali
29-05-2003
Prof. Gerardo Pecci, Storico dell'arte, Delegato per le Arti del Centro Culturale Studi Storici di Eboli (Sa)

Il dibattito odierno sullo "stato di salute" dei nostri beni culturali e
ambientali, dopo l'istituzione della Patrimonio S.p.A., registra un repentino
aggravamento, dovuto certamente ad un uso strumentalmente distorto del concetto di
"bene pubblico" da parte di una minoranza di persone che dovrebbe, invece,
tutelarlo efficacemente. Si tratta di una cospicua fetta della classe "dirigente"
italiana che considera i beni culturali come una qualsiasi propriet privata e che
pu, perci, venderla allegramente al miglior offerente, non importa a chi:
l'importante vendere. In questa logica perversa e masochista, vagamente
"camorrista", vi certamente un disegno pi dannoso e inquietante, che parte da
lontano, dagli anni 1985-1986 quando furono promossi e finanziati i famigerati
progetti di "catalogazione" dei beni culturali per la cifra di seicento miliardi di
lire, erogata dallo Stato a consorzi di aziende formatisi all'occorrenza per
accaparrarsi i fondi a disposizione, non certamente per creare nuovi posti di
lavoro, stabili, per i giovani disoccupati. Allora si parl di "giacimenti
culturali". Oggi, in pieno clima neoliberista, i "giacimenti" si sono trasformati
esclusivamente in risorse.economiche commerciabili!
Svendere l'anima di un popolo come indurre alla prostituzione una bella donna, ma
questa volta la bella donna si chiama Italia. Si elimina, cos, l'identit e la
dignit di tutti i cittadini che proprio nella cultura, nella storia, nelle
tradizioni e nei beni culturali possono trovare le proprie radici. Il patrimonio
culturale, per sua stessa natura, un bene spirituale, non pu essere paragonato
ad alcun tipo di merce, l'approccio mercantilistico in questo settore errato ed
estremamente pericoloso e catastrofico. Dobbiamo decisamente opporre oggi, ora,
qui, un forte e deciso "no!" contro la prostituzione culturale. Dobbiamo fieramente
combattere contro la mercificazione dell'anima. Non dimentichiamo che gli stessi
diritti umani, tra i quali l'accesso al sapere, alla cultura, all'arte, ecc., sono
patrimonio civile e culturale. Ed chiaro che alienando i beni culturali anche
l'accesso al sapere viene negato, in forme pi o meno appariscenti o nascoste. Una
corretta conoscenza dei beni culturali (non un uso strumentale e sconsiderato)
sempre finalizzata all'arricchimento del bagaglio cognitivo, educativo e civile
delle persone e non certamente a quello del rigonfiamento, a dismisura, dei
portafogli di speculatori che fiutano affari dappertutto. Una vera gestione
innovativa del nostro patrimonio culturale non pu non prescindere dalla certezza
del diritto, che garantisce, tutela e conserva i beni culturali, che li salvaguarda
da "appetiti" di altra natura, che nulla hanno a che fare con la civilt e il senso
civico. I beni culturali per diritto costituzionale appartengono allo Stato, al
popolo, sono inalienabili e tali dovranno continuare ad esserlo. Chi li gestisce
deve sentire sul collo il fiato dello Stato, unico proprietario e garante della
loro integrit. Potranno pure esserci collaborazioni con enti e istituzioni
private, ma la natura dei beni culturali, che pubblica, non va assolutamente
toccata. Non a caso Salvatore Settis ha parlato di "assalto" al patrimonio
culturale, ora che si sta tentando di distorcere il senso e la certezza del diritto
costituzionale snaturando l'identit dei beni culturali, raggirando la normativa
esistente con sotterfugi legislativi che evidenziano la povert morale e
intellettuale di chi li propone.
Sulla linea di una seria, corretta ed equilibrata difesa del nostro patrimonio
culturale schierato, da alcuni anni, il Centro Culturale Studi Storici di Eboli
(Sa), presieduto da Giuseppe Barra, di cui io sono il Delegato per le Arti. Si
tratta di un'associazione apartitica, senza scopi di lucro, formata da volontari
che amano studiare e tutelare il territorio, vasto, in cui l'associazione opera:
Eboli, l'Alta Valle e la Piana del Sele, il comprensorio del massiccio
calcareo-dolomitico degli Alburni e buona parte del territorio salernitano. L'Art.
3, comma b, dello Statuto prevede la promozione e la partecipazione del Centro a
tutte quelle attivit "intese alla valorizzazione e tutela del territorio". Organo
di stampa del Centro Culturale Studi Storici il mensile di cultura "Il Saggio",
presente su Internet al sito www.ilsaggio.it . Molti soci sono autori di ricerche
storiche e storico-artistiche di buon livello.
Anche Eboli ha subito nel tempo profondi cambiamenti urbanistici, socio-culturali,
ecc., ed il suo patrimonio di arte e di civilt ha subito, purtroppo, anche perdite
gravi. Si pensi, per esempio, ai bombardamenti aerei del settembre 1943 che
causarono danni irreparabili al centro storico cittadino. A tal proposito, per fare
il punto della situazione, ho organizzato e curato, per conto del Centro Culturale
Studi Storici, una giornata di studio sulla salvaguardia dei beni culturali e la
mostra di immagini di opere d'arte trafugate o non pi esistenti nel territorio di
Eboli, dal titolo "Mirabilia Urbis". La manifestazione, patrocinata dal Comune di
Eboli e dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, si svolta il 2 aprile
2000 nella Chiesa di Santa Maria ad Intra. In tale occasione hanno dato il proprio
prezioso contributo il dott. Antonio Capano, direttore del Museo Archeologico
Nazionale di Grumento Nuova (Pz); la dott.ssa Giovanna Scarano, direttrice del
Museo Archeologico Nazionale di Eboli (Sa); il compianto dott. Carmine Giarla,
storico dell'arte; il Magg. Carlo Fischione, del Comando Carabinieri per la Tutela
del Patrimonio Artistico di Roma; il Sindaco di Eboli, dott. Gerardo Rosania;
l'Assessore alle Risorse Umane della Provincia di Salerno, dott.Giovanni Tarantino.
Purtroppo ancora non sono stati pubblicati gli atti della giornata di studio. Le
ragioni dell'incontro sono state messe a fuoco nella mia relazione iniziale, dal
titolo "Il futuro della memoria: le ragioni della speranza", nella quale ho cercato
di evidenziare le problematiche della tutela e della corretta gestione di beni
culturali che abbiamo ereditato dal passato, nei confronti dei quali abbiamo
l'obbligo-dovere di trasmetterli alle generazioni future.
Episodio significativo, tra gli altri, che ha visto il Centro Culturale Studi
Storici ebolitano protagonista di un'aspra battaglia contro l'ignoranza e
l'arroganza di funzionari pubblici stato quello della restituzione e
ricollocazione nel sito originario, in seguito a un arbitrario distacco e
trasferimento in altro luogo, di due importanti lapidi marmoree celebrative
appartenenti al monumentale Convento della SS. Trinit (o di Sant'Antonio da
Padova) in Eboli. La narrazione dell'episodio, con tutti i suoi risvolti, nelle
pagine del mensile "Il Saggio", che ha seguito passo dopo passo la penosa vicenda,
fino al lieto fine. Va dato atto al Centro Culturale Studi Storici ebolitano di
aver egregiamente svolto e di svolgere attenta opera di salvaguardia e tutela dei
beni culturali e non cosa da poco, considerando la realt in cui viviamo. Bisogna
avere coraggio ed essere disposti a rischiare, anche in prima persona, per
difendere ci che appartiene alla collettivit, per difendere la dignit culturale
e civile di un patrimonio che il frutto e lo specchio della nostra anima di
uomini immersi nel tempo e nello spazio della storia.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news