LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ravenna. Proposta Indecente
15-02-2007
Ercole Noto

Nella lunga ed esclusiva intervista rilasciata per Il Giornale DellArte (febbraio 2007) dal sottosegretario Danielle Mazzonis, un argomento trattato quello relativo alla tutela e valorizzazione dei beni culturali, in una possibilista gestione allargata tra Stato, Regioni ed enti locali, nel rispetto del principio di sussidiariet. Quello che emerso con chiarezza nellesperienza di applicazione del nuovo Titolo V della Costituzione (dice il sottosegretario) - linseparabilit di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale. Lo Stato non pu cedere i compiti di tutela, ma pu e deve arrivare a una gestione partecipata. Lo strumento della fondazione - [finora utilizzata per il Museo Egizio di Torino, costituita il 6 ottobre 2004, e proposta da altre realt territoriali] - permette di integrare ruoli e competenze e di condividere il peso della gestione. Questo in sintesi il concetto espresso dalla rappresentante del governo. A livello locale si stanno proponendo e studiando soluzioni di fattibilit di gestione integrata di diversi beni che insistono sullo stesso comprensorio , pur facendo capo ad autorit diverse. A Ravenna la fondazione costituitasi per la gestione del patrimonio storico-artistico, in una forma di complemento tra lo Stato e gli enti locali, permetterebbe cos dice la presidente ; di valorizzare meglio il patrimonio. In particolare il progetto sostenuto dalla Fondazione ravennate insieme ad altri partner istituzionali aspira, in via subalterna e di integrazione, al conferimento in uso da parte del ministero per i Beni e le attivit culturali, di una quota dei propri beni da gestire, come la Basilica di Classe, oltre allarea archeologica di Classe, anchessa di propriet demaniale, nellambito della gestione che si prefigura del costituendo Parco Archeologico di Classe. Ad oggi per, come si evince anche da quanto pubblicato recentemente su codesto sito web, non stato ratificato nessun accordo, e le trattative, peraltro gi avviate con i vertici del ministero dei Beni culturali, continuano nelliter di elaborazione di un documento strategico con le modifiche apportate dal gruppo di lavoro per predisporre il (protocollo d intesa), o meglio, per non generare equivoci, il testo finale dellaccordo che sar sottoscritto tra ministero e fondazione. La basilica paleocristiana di Classe - [chiesa-parrocchiale appartenente alla Diocesi di Ravenna, dove viene officiato il rito cattolico, e la cui tutela e valorizzazione affidata allo Stato] -, nellanno appena trascorso, sembra abbia fatto registrare una presenza stimata in oltre 200 mila persone, e quindi sicuramente da considerare remunerativa per lerario statale; situazione molto ben diversa per le presenze minime che ogni anno si conteggiano al Museo Nazionale di Ravenna, sito nel Complesso monumentale di san Vitale; un istituto dipendente dallo Stato, i cui proventi della vendita dei biglietti, scorporati da quelli con ingresso gratuito, sicuramente in passivo, non gratificano limpegno profuso da tante risorse economiche e umane. E facile per una qualunque impresa quotata sul mercato gestire la gallina dalle uova doro; pi problematica risulta invece essere la gestione di una qualsiasi attivit in deficit. Da qui la proposta di seguito formulata atta a rilanciare le sorti di un istituto museale formatosi oltretutto con il lascito delle collezioni appartenute un tempo ai monaci Camaldolesi di Classe, e affidate, dopo la soppressione napoleonica del monastero, alla custodia della Municipalit, e da questa passata nel 1885 in deposito perpetuo al Museo Nazionale. Un museo voluto fortemente dai nobili ravennati di fine Ottocento e che, quando sar spogliato dalle testimonianze dei ritrovanti nel territorio, per riempire il contenitore del costituendo museo archeologico di Classe [di cui per il secondo stralcio lamministrazione comunale ha previsto nel bilancio 2007 un milione e mezzo di euro] rischia di rimanere avulso dal contesto di quella Ravenna delloppidum municipale (Regio Domus Augustae) pensata solo pochi anni addietro come cittadella della cultura. Pur mantenendo in capo al Ministero la garanzia della tutela, alla fondazione dunque il compito di valorizzare meglio il patrimonio storico artistico; e lo dimostri la fondazione accettando questa proposta, che provocatoriamente ho definito indecente, avviando la riqualificazione del percorso museale, introducendo nuovi servizi per una migliore accoglienza dei visitatori; predisponendo una guida bilingue e un percorso ideale e interattivo, con lausilio di supporti tecnologici avanzati come luso dellmp3, che come un tutor personale aiuta il visitatore fra le cose notabili di Ravenna; attuando la revisione dellapparato espositivo con nuovi supporti e revisione delle didascalie formulate in diverse lingue; con la promozione di varie iniziative sempre pi accattivanti in grado di rilanciare limmagine del Museo, condividendo il peso della gestione. In fondo anche questo patrimonio di civilt. A me non sembra una proposta indecente. E a Voi? Alla prossima.

Ercole Noto



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news