LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vicenza, Sigonella, le basi americane e lUnesco
16-02-2007
Elena Franchi


In questo periodo si parla molto (e non sempre con precisione) dellampliamento della base americana di Vicenza. Base esclusivamente americana, perch non si tratta di una base Nato. Cos come non si tratta di un ampliamento, ma della costruzione di una nuova base, dalla parte opposta della citt, a circa 2,5 km dal centro di Vicenza (citt patrimonio Unesco) e circa 1,5 dallospedale.
Come prima cosa, bene sottolineare che lopposizione alla nuova base militare trasversale e coinvolge veramente tutti gli schieramenti, con molte persone che non hanno mai manifestato in vita loro, fra cui una gran maggioranza di donne (casalinghe e mamme con bambini). Non si pu certo far passare Vicenza per una citt rivoluzionaria.
A Vicenza non esiste una sola base americana. Soldati americani sono alla caserma Ederle con annessi e connessi (villaggio americano, centro autoveicoli, ecc.) e ci sono le due basi sotterranee una a Longare, la Pluto (probabilmente in fase di ulteriore ampliamento), e una in localit Fontega di Arcugnano: per un totale, oggi, di circa 1.326.000 mq gi occupati da basi americane.
Nelle basi sotterranee, durante la guerra fredda, venivano conservate le testate nucleari (a un passo dalla villa Rotonda di Palladio).
LUnesco ha aperto uninchiesta per accertare limpatto del progetto sulla citt. Se si dovessero individuare pericoli per il sito si potrebbe arrivare fino alle estreme conseguenze della dichiarazione di sito a rischio e della sua espulsione dalla lista del patrimonio mondiale.
Nel 1994 (con estensione nel 1996) vengono inscritte nella lista del patrimonio mondiale (Unesco World Heritage) La citt di Vicenza e le ville palladiane del Veneto.
LItalia si quindi impegnata, con la Convenzione internazionale sulla protezione del patrimonio mondiale culturale e naturale, Parigi 1972, a garantire la protezione, conservazione, valorizzazione e trasmissione alle generazioni future del patrimonio culturale e naturale [], situato sul suo territorio (art. 4) e il Ministero dei beni culturali si reso garante presso lUnesco della salvaguardia dei monumenti e dei siti proposti dallo Stato italiano.
Ricordiamo che lUnesco si gi dovuta occupare del sito di Vicenza a proposito del progettato passaggio dellautostrada Valdastico nelle vicinanze di Villa Saraceno, individuando, fra le minacce al sito, anche uncontrolled construction development in the Veneto region e chiedendo allItalia di preparare for each of the components of the World Heritage property of Vicenza and the Palladian Villas of the Veneto a management and conservation plan including buffer zones and specific measures to protect the historic landscape. Buffer zones: zone cuscinetto, aree di rispetto intorno al sito. (World Heritage Committee, Twenty-ninth session, Durban, South Africa, 10-17 july 2005). Raccomandazioni ribadite nel 2006 (Vilnius, Lithuania, 8-16 july 2006).
E di buffer zone parla anche il testo Operational Guidelines for the Implementation of the World Heritage Convention definendola come unarea attorno al sito il cui utilizzo soggetto a restrizioni per assicurare unulteriore protezione al sito stesso (an area surrounding the nominated property which has complementary legal and/or customary restrictions placed on its use and development to give an added layer of protection to the property.)
Ricordiamo inoltre che lItalia ha ratificato, nel 1958, La Convenzione dellAja del 1954, Protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato (non ratificata dagli Stati Uniti) che, partendo dal presupposto che i beni culturali di un Paese sono patrimonio culturale dellintera umanit, impegna le Parti contraenti ad attivit preventive e in particolare a predisporre, in tempo di pace, la salvaguardia dei beni culturali situati sul proprio territorio (art. 3) e ad astenersi dallutilizzazione di tali beni, dei loro dispositivi di protezione e delle loro immediate vicinanze per scopi che potrebbero esporli a distruzione o a deterioramento in caso di conflitto armato (art. 4, comma 1).
Nel dibattito tra giuristi, inoltre, diventa importante la definizione di attacchi terroristici per valutare se possono essere oggetto dellapplicazione estensiva delle norme dellAja soprattutto per quanto riguarda gli atti di prevenzione e salvaguardia.
Purtroppo, per, lItalia non ha ancora ratificato il Secondo Protocollo aggiuntivo (LAja, 26 marzo 1999) per cui le Parti contraenti si impegnano, fra laltro, a evitare di porre gli obiettivi militari in prossimit dei beni culturali.
La nuova base sorgerebbe fra il comune di Vicenza e quello di Caldogno, che ha votato contro la sua costruzione e in cui presente una delle 22 ville palladiane patrimonio Unesco.
Quanto ai vantaggi economici che ne deriverebbero alla citt, possiamo citare, a prova contraria, il 2004 Statistical Compendium on Allied Contributions to the Common Defense, ultimo rapporto ufficiale diffuso dal Dipartimento della Difesa degli Usa (ci sono anche i contribuiti annuali versati dallItalia agli Usa per le spese di stazionamento, tanto che siamo arrivati a pagare il 41% dei costi delle forze armate ospiti, oltre alle varie facilitazioni concesse).
Le forze Usa stanno alleggerendo il Nord Europa e intensificando la presenza in Italia. Vedi Vicenza, vedi Napoli, vedi Sigonella. A Lentini paese degli aranci sono state votate pesanti varianti ai piani regolatori, sollevando forti interrogativi in tema di salvaguardia ambientale, trasformando aree da agricole (circa 90 ettari di rigogliosi aranceti) a edificabili per realizzare un complesso insediativo chiuso ad uso collettivo destinato alla esclusiva residenza temporanea dei militari americani della base Sigonella Us Navy. Il progetto di Lentini gestito da una societ, proprietaria dei terreni, la cui principale azionista una ditta edile di Vicenza. Addio agrumeti.
Per ulteriori documentazioni si possono visitare principalmente tre siti: www.altravicenza.it, www.nodalmolin.it e il meetup di Vicenza del blog di Grillo, http://beppegrillo.meetup.com/3/boards/.
Ci sono mille motivi (morali, ambientali, urbanistici) per non costruire la base a Vicenza, e ce ne sono altri mille per non costruirne pi in Italia.
LUnesco, nel preambolo del suo Atto Costitutivo, dichiara che le guerre nascono nellanimo degli uomini ed lanimo degli uomini che deve essere educato alla difesa della pace.
Ma non certo cos che si educano gli animi alla difesa della pace.



news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news