LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ALLARME PER UN GIARDINO DIFFUSO: IL PAESAGGIO DEL SALENTO
05-03-2007
Vincenzo cazzato

On.le Francesco Rutelli
Ministro per i beni e le attività culturali
via del Collegio Romano 27 - 00165 Roma

On.le Nichi Vendola
Presidente della Regione Puglia
via Capruzzi 212 - 70124 Bari

On.le Giovanni Pellegrino
Presidente della Provincia di Lecce
Palazzo dei Celestini
73100 Lecce

Prof. Giuseppe Proietti
Segretario generale - Area beni culturali e paesaggistici
via di San Michele 22 - 00153 Roma

Prof. Roberto Cecchi
Direttore generale per i beni architettonici e paesaggistici
via di San Michele 22 - 00153 Roma

Arch. Ruggero Martines
Direttore Regionale per i beni culturali e paesaggistici
strada Dottula 4 - isolato 49 - 70122 Bari

Ing. Attilio Maurano
Soprintendente per i Beni Architettonici, per il Paesaggio
e per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico
delle Province di Lecce, Brindisi e Taranto
via N. Foscarini 2 B - 73100 Lecce

Prof. Angela Barbanente
Regione Puglia - Assessore assetto del territorio
via delle Magnolie Z.I., ex ENAIP - 70026 Modugno-Bari

Prof. Salvatore Settis
Vicepresidente del Consiglio Superiore per i beni culturali
via del Collegio Romano 27 - 00165 Roma

Prof. Giovanni Carbonara
Presidente del Comitato tecnico-scientifico
per i beni architettonici e paesaggistici
via del Collegio Romano 27 - 00165 Roma

Prof. Marcello Fagiolo
Presidente del Comitato nazionale per lo studio e la conservazione
dei giardini storici - Ministero per i beni e le attività culturali
via di San Michele 22 - 00153 Roma



ALLARME PER UN GIARDINO DIFFUSO: IL PAESAGGIO DEL SALENTO

Qualcuno potrà dire che il Salento non è la Val d’Orcia, che il suo paesaggio, ricco di testimonianze storiche diffuse sull’intero territorio, non è ancora fra i siti inclusi dall’Unesco nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità; che la denuncia di un cittadino che ha a cuore la sorte di questi luoghi non ha lo stesso peso mediatico di quella del professor Asor Rosa e non potrà mai essere ospitata sulle prime pagine di “Repubblica” creando un caso nazionale (e internazionale).
Ma qualcosa bisogna pur fare per l’amore nei confronti di una terra che i viaggiatori del Sette e dell’Ottocento non esitavano a definire un giardino continuo. Dal terrazzo della masseria di Leucaspide, fra Taranto e Massafra, dimora di Sir James Lacaita (l’Italian englishman, il gentleman farmer, il pugliese alla corte d’Inghilterra), Janet Ross alla fine dell’Ottocento ci fa comprendere quanto sia difficile circoscrivere nel Salento i confini del giardino, in quanto la realtà oltre il giardino è pur sempre un giardino. Un giardino all’interno del quale trovano posto in una storia infinita una serie di sistemi policentrici nati in questa straordinaria parte della penisola nel corso dei secoli, collegati fra loro da una fitta rete di relazioni che connettono centri urbani, coste, campagne in un unico e singolare sistema paesaggistico: dai menhir ai dolmen, dalle torri costiere alle masserie, dai casini alle ville (quelle cinquecentesche e quelle dell’eclettismo) con i loro spazi annessi e gli arredi costituiti da portali, pozzi, viali colonnati, etc.
Il Salento non è nella Lista del Patrimonio Mondiale, tuttavia si sta lavorando in questa direzione perché ne faccia parte, cercando di individuare centri urbani, siti archeologici, paesaggi significativi non stravolti da presenze “incongrue”.
Ma esistono davvero questi paesaggi? Si può ancora parlare di un paesaggio salentino? Un paesaggio che non sia stato violentato dall’azione speculativa, un paesaggio segnato dalla presenza di muri a secco e di antiche carrarecce, di menhir e di dolmen, di trulli e di “pajare”, di torri e di masserie, di aie e dei segni della “centuriatio” romana?
L’urbanizzazione selvaggia lungo la fascia costiera ha ormai quasi chiuso il suo ciclo proponendoci di tutto. Restano pochi brandelli di terra non edificati, ma per quanto tempo ancora? Quale è sul versante jonico il futuro della zona del Pizzo vicino Gallipoli, o del tratto di costa fra marina di Pescoluse e Torre Pali, o fra Torre Pali e Lido Marini?
Dalla costa il fronte speculativo sta pericolosamente avanzando verso l’interno. Se finora sono state le torri costiere i punti di aggregazione dell’urbanizzazione, ora lo stanno diventando le costruzioni rurali, le masserie. Si potrebbe individuare un ampio campionario di scempi compiuti dal momento in cui le masserie da strutture produttive sono state trasformate - spesso con contributi regionali - in strutture di ricezione turistica, con l’aggiunta di corpi in finto rustico, di piscine, di zone con prato “all’inglese”; sottraendo da altre costruzioni allo stato di rudere elementi di arredo, persino pietre e tufi che hanno il pregio di possedere la “patina del tempo”.
I furti di pietre fanno pendant con i furti di alberi di olivo secolari che, nonostante tutto, continuano ancora a prendere la strada che li porta a nord, arredando i giardini delle ville della Brianza o lungo le rive del Brenta.
Quelle del Salento sono “pietre che parlano”, testimonianze di rapporti remoti tra l’uomo e la natura: menhir, dolmen, tumuli di specchie, pietre sovrapposte con perizia secolare per dar vita a una miriade di piccole costruzioni o di muretti. In questa regione affamata di terra (al punto da costringere il contadino a guadagnarsi a fatica piccoli brandelli da coltivare) la pietra si trasformava un tempo da ostacolo in materiale da costruzione, amalgamandosi con la natura. Scriveva il Bertaux: “Il lavoro stesso fatto dagli uomini per liberare la terra vegetale e l’uso dei frammenti calcarei, tolti uno ad uno dal campo, ha per effetto non di far scomparire le pietre, ma di renderle più visibili, e da più lontano: ammucchiandole, sembra che le si moltiplichi”.
Si leggono di frequente sulla stampa locale, soprattutto nel periodo estivo (e non è casuale), numerosi servizi che, in omaggio ai villeggianti che numerosi - ma ancora per quanto? - frequentano questi luoghi, propongono itinerari alla scoperta delle “bellezze” di un Salento divenuto di gran moda all’insegna della “pizzica” e della “taranta”. Si sente parlare in termini entusiastici del sole, del mare, del vento: una formula che, nella versione dialettale - “Salentu: lu sule, lu mare, lu vientu” - ha fatto il giro dell’Italia, sulle magliette e sugli adesivi da apporre sulle auto.
È vero, il Salento è questo: sole, mare, vento (il vento della Japigia, che spazza le nubi e di cui parlano le cronache del Cinquecento). Doni della natura che la mano distruttrice dell’uomo non è riuscita ancora a distruggere. E il paesaggio con le sue peculiarità e le sue bellezze? I fotografi ai quali sono affidati reportages per libri strenna e per dépliant turistici compiono ormai miracoli per inquadrare porzioni di territorio ancora integre; e quando non si riesce a conseguire il risultato, si fa ricorso al ritocco con “photoshop”.
Binomi come quello cultura-svago, che in questa regione potevano costituire un volano per un turismo diverso, sono destinati già da ora (e, ancor di più, col tempo) a fallire per la distruzione dell’elemento che ne costituisce in un certo senso il collante: il paesaggio.
Immergendosi nelle acque cristalline dello Jonio, capita di tenere gli occhi aperti nuotando verso il largo; ma il ritorno a riva è con gli occhi chiusi, per non vedere case costruite sulla sabbia, complessi turistici realizzati in gran fretta per scoraggiare eventuali denunce e che già sanno di vecchio, chiese monumentali e costosissime a forma di prora di nave - quale originalità! - edificate senza alcun motivo (in estate le messe si celebrano all’aperto).
In alcuni siti web di queste località balneari non manca il richiamo al numero di “vele” assegnate da questa o da quella “goletta”, senza considerare che paradossalmente sono proprio simili graduatorie - redatte spesso sulla base di parametri parziali - a favorire nuove speculazioni, a far crescere il valore dei suoli. Come è accaduto in Val d’Orcia, dove le lottizzazioni vengono pubblicizzate nel nome dell’Unesco.
Perché mai in questa regione non si ha il coraggio di proporre un viaggio attraverso gli scempi - e sono tanti - perpetrati ai danni del territorio e dei cittadini, che saranno i primi a pagare il prezzo di una politica che finirà col giovare solo a poche persone, disinvolte e spregiudicate? Gli edifici di Punta Perotti si possono abbattere in pochi secondi, il degrado diffuso no.
La casistica degli “orrori” potrebbe essere assai ampia: dalle cave utilizzate come discariche abusive, ai villaggi turistici a due piani costruiti su siti archeologici, dai progetti di lottizzazione lungo la costa (da quelli realizzati e in fase di realizzazione, a quelli già depositati in regione) alla distruzione delle costruzioni rurali e dei muri a secco. Si potrebbe allestire un dossier sugli interventi sciagurati di cui sono vittime le “pajare” - dalla distruzione totale alle varie forme di “recupero” - o sui “restauri” dei muri a secco: dalla sostituzione con muretti in blocchi di cemento, alla sovrapposizione di reti mimetiche in plastica. A proposito dei muri a secco, i contributi regionali per la ricostruzione e il restauro vengono concessi solo se c’è un impegno a non fare uso di cemento per almeno cinque anni. E dopo?
Viene da chiedersi quale amministratore sa che esiste una Convenzione Europea del Paesaggio. Probabilmente nessuno, e comunque nessuno è interessato a conoscerne i contenuti. I sindaci sono spesso architetti, ingegneri, geometri. Con le dovute eccezioni, queste qualifiche non costituiscono una garanzia ai fini della tutela del paesaggio. Se infatti in alcuni casi la padronanza di certi meccanismi, derivante dall’esercizio della professione, viene posta al servizio del cittadino, in altri queste stesse conoscenze servono soltanto a perseguire propri interessi.
Una volta l’amministratore di un piccolo paese ebbe a dire che il territorio comunale è troppo vasto per poter esercitare un controllo capillare. Ma il Salento è una realtà costituita da paesi che, soprattutto verso il Capo di Santa Maria di Leuca, si succedono senza soluzione di continuità, a poche centinaia o decine di metri di distanza l’uno dall’altro. E poi, nell’era della comunicazione, non è forse consentito prendere visione degli scempi “in tempo reale”, rimanendo seduti davanti alla propria scrivania e collegandosi a uno dei siti che fotografano il pianeta dall’alto?
Certo, le immagini satellitari documentano scempi ormai perpetrati, mentre ci sono anche quelli in procinto di essere compiuti. Visionando, presso l’Agenzia del Territorio (l’ex Ufficio tecnico erariale), un foglio di mappa aggiornato relativo a un contesto rurale, ci si può rendere conto di quanti terreni siano stati recentissimamente frazionati in particelle di piccole dimensioni: un processo che sta subendo un’accelerazione a dir poco preoccupante e che corrisponde a vere e proprie lottizzazioni di fatto.
I meccanismi sono fra i più perversi. Accade, anche con la complicità di tecnici comunali, che si vendano e si acquistino terreni agricoli con all’interno un edificio allo stato di rudere (trullo, “pajara”, “liama”, un antico recinto per ovini), frazionando l’originaria superficie di pertinenza senza neppure garantire il lotto minimo previsto dalla legge (e al di sotto del quale è possibile frazionare solo tra padre e figlio).
Accade anche che chi vuole edificare in zona agricola e non possiede i requisiti di bracciante o di coltivatore diretto (dimostrando che almeno i 2/3 del reddito derivano dalla conduzione del fondo sul quale si chiede di costruire), per poter usufruire di agevolazioni, si accordi - mediante sottoscrizione di atti privati e dietro lauti compensi - con alcuni agricoltori, che vengono fatti figurare come affittuari o addirittura come proprietari.
Un meccanismo assurdo consente poi di accorpare in un unico lotto terreni dello stesso proprietario, anche distanti fra loro, purché nello stesso Comune, al fine di sfruttare al massimo l’indice di cubatura consentito. In assenza di controlli, le nuove costruzioni non rispettano i caratteri tipologici di un’abitazione colonica o rurale.
La Regione certamente ha avviato una serie di iniziative. È recente, ad esempio, una delibera della Giunta per una carta dei beni culturali della Puglia. Siamo tutti d’accordo che per tutelare bisogna in primo luogo conoscere, ma c’è chi vede con favore che si percorra la sola strada della conoscenza, rinviando a data da destinarsi di percorrere quella degli interventi concreti di tutela. Serve insomma una politica più coraggiosa, che arresti un finto sviluppo destinato a privare nel giro di pochi anni il paesaggio salentino della propria identità.
Cosa c’è da sperare? Che, come è accaduto con gli inglesi fra Otto e Novecento in Toscana, gli “stranieri”, più sensibili ai problemi del paesaggio, ne acquistino porzioni sempre più ampie come è accaduto di recente nei pressi del canale del Fano, nel Basso Salento? Un Salentoshire dopo il Chiantishire? Può darsi. Ma sarebbe davvero triste se gli abitanti di questo estremo lembo d’Italia non si rendessero protagonisti in prima persona di una ribellione culturale in difesa della loro terra, che è la terra del sudore dei loro padri che con grande fatica l’hanno coltivata trasformandola in un giardino; anche quando le pietre avevano il sopravvento sulla terra. Ma i primi giardini - scrive Pierre Grimal - non sono forse sorti nel mezzo di un deserto?

VINCENZO CAZZATO
Comitato nazionale per lo studio e la conservazione dei giardini storici
Università del Salento, Lecce - Facoltà di Beni Culturali


























Vincenzo Cazzato
Professore ordinario di Storia dell’Architettura, Arte dei Giardini e Architettura del Paesaggio
presso l’Università del Salento, Lecce - Facoltà di Beni Culturali
via Felice Anerio 29 00199 Roma 06-86212304 339-2773248 vinceca@tiscali.it



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news