LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Discarica di Serre
05-03-2007
Franco Ortolani

Discarica di Serre: al posto delle "perline colorate" si offrono agli "indigeni" (abitanti) interventi superficiali di ingegneria naturalistica, in cambio dei rifiuti.



Sul Mattino di oggi domenica 4 marzo si mette nuovamente sotto pressione la popolazione di Serre che si oppone alla realizzazione della discarica che si vorrebbe realizzare in adiacenza all'Oasi di Persano e alle opere irrigue della Piana del Sele.

Va sottolineato che i soggetti che rappresentano varie Istituzioni sovracomunali continuano a fare finta che il problema consista solo nell'opposizione campanilistica che i cittadini di Serre continuano a fare solamente per il loro tornaconto.

Nessuno ha alzato lo sguardo ed ha fatto cenno all'importanza strategica, per l'ambiente e per l'economia della Piana del Sele, che riveste l'area di Valle Masseria.

Si finge di non sapere che dall'Oasi di Persano, ubicata 500 m a valle del sito proposto per la nuova discarica regionale, vengono prelevati circa 250 milioni di metri cubi l'anno per irrigare circa 23.000 ettari nei quali si svolge una qualificata attivit agricola che da occupazione a circa 40.000-50.000 persone.

Si finge di non conoscere che i rifiuti che sarebbero riversati a monte dell'Oasi di Persano non sono scarti dei CDR che rispettano quanto prescritto dalla legge e che sono fortemente inquinanti e contenenti anche metalli pesanti altamente pericolosi che rimarranno eternamente nell'ambiente, anche dopo i pochi anni per i quali garantita la tenuta dei teli sistemati alla base.

Si finge di non sapere che nella realizzazione della discarica regionale di Basso dell'Olmo, realizzata in destra Sele sempre a 500 m di distanza dal fiume e dall'Oasi di Persano, sono stati commessi gravi e documentati errori che favoriranno la dispersione di sostanze inquinanti.

Si finge di non conoscere che l'area dell'Oasi di Persano un vero e proprio monumento ambientale realizzato dalla sinergia tra risorse idriche naturali e azione dell'uomo che ha costruito la traversa per prelevare l'acqua per l'irrigazione.

Si finge di non sapere che l'acqua prelevata dall'Oasi ha un'importanza strategica, in quanto risorsa autoctona insostituibile, e che il suo inquinamento determinerebbe una grave crisi socio-economica nella Piana del Sele.

E' talmente evidente che l'area attorno all'Oasi di Persano rappresenta un patrimonio unico ed insostituibile che qualsiasi persona limpida e di buon senso avrebbe subito scartato l'ipotesi di realizzare ben due discariche regionali.

Ma allora perch questa ottusa, o meglio troppo ottusa, insistenza?

Il Mattino odierno offre un esempio di vera e propria furbizia istituzionale. Si cerca di prendere in giro gli abitanti di Serre.

Come facevano gli antichi colonizzatori e predatori delle nuove terre, vari secoli orsono, si offre il miraggio dell'ingegneria naturalistica che consentirebbe di risolvere i problemi ambientali e di fare svanire inutili preoccupazioni dei cittadini di Serre.

E' stato interpellato Giuliano Sauli, laureato in Scienze Naturali, presidente dell'Associazione AIPIN e titolare della Societ di consulenze ambientali NATURSTUDIO S.C. r.l. di Trieste., a fornire non le perline colorate ma il "miraggio" degli interventi di sistemazione della superficie della discarica.

Sauli non sa o fa finta di non sapere o non vuole sapere niente della unicit ambientale dell'area circostante il sito di Valle Masseria. Fa finta di non conoscere gli insuperabili problemi connessi ad una seria valutazione degli impatti ambientali di una discarica regionale realizzata in quel contesto ambientale. La sua ovvia e banale proposta di una sistemazione della superficie, sotto la quale si troverebbero milioni di metri cubi di rifiuti inquinanti, diventa un ridicolo specchietto per le allodole.

Sauli, in cambio di una lauta retribuzione viene a dar man forte al Commissario Straordinario; in fin dei conti come se venisse a proporre di dipingere di verde un palazzo di immondizia costruito in un parco cittadino.

I cittadini campani devono ringraziare la ferma azione dei cittadini di Serre che finora non si stanno ammutinando agli organi di governo democratici n tanto meno al Commissario "Prefetto di Ferro", che non deve pensare ma "agire".

Perch? Stanno evidenziando che un'altra discarica regionale a Serre, di fronte a quella di Basso dell'Olmo, a poche centinaia di metri sopra l'Oasi di Persano e le opere irrigue metterebbe in grave crisi l'economia della Piana del Sele, creando gravi premesse per l'inquinamento delle acque del Sele che devono essere conservate anche per le generazioni future.

L'azione dei cittadini di Serre tesa alla difesa di un insostituibile patrimonio ambientale, un patrimonio di tutti i cittadini, che deve rimanere tale per le generazioni future che continueranno a produrre con le acque del Sele.

E' evidente che oggi le difficolt di ubicare sul territorio regionale una discarica per lo smaltimento dei rifiuti solidi, residui dei CDR (FOS e sovvalli), pi che da ragioni tecniche e fisico-ambientali, traggono origine dall'avversione delle comunit locali per i seguenti motivi:

1- I FOS e sovvalli sono prodotti da impianti CDR non adeguati che non rispettano i requisiti previsti per legge; i rifiuti non differenziati, pertanto, sono altamente inquinanti contenendo vari metalli pesanti che non si distruggono con il tempo, dannosi per l'ambiente e la salute dell'uomo.

2- E' improponibile continuare ad insistere ad ubicare discariche in cave abbandonate. I requisiti ambientali per l'ubicazione della discarica richiedono una assoluta sicurezza di non determinare inquinamento; si devono valutare, pertanto, problematiche completamente diverse rispetto a quelle secondo le quali, molti anni fa e con una diversa sensibilit ambientale, sono state realizzate le cave.

3- le attuali modalit di realizzazione ed esercizio delle discariche non danno garanzie di sicurezza ambientale plurisecolare e determinano serie minacce di inquinamento ambientale del suolo e delle acque. Ad esempio le discariche realizzate in cave a fossa sono praticamente incontrollabili. I teli impermeabili usati per evitare la dispersione nel sottosuolo del percolato sono garantiti per 10-20 anni, quando invece si deve garantire l'isolamento per secoli.

4- in mancanza di una "regola condivisa ed uguale per tutti", gli amministratori dei Comuni nei quali viene ubicata e imposta una discarica hanno praticamente chiuso la loro carriera politica perch ritenuti responsabili di una inadeguata opposizione e dell'avere fatto fare la figura dei pi "fessi della regione" ai cittadini, dal momento che nel loro territorio saranno sversati i rifiuti di tutta la regione.

Non comprendere questi aspetti ed insistere a voler ubicare una discarica esclusivamente in base ad alcuni e non sufficienti requisiti geologici, trascurando le caratteristiche ambientali e socio-economiche delle aree, significa perdere tempo, fare aggravare i problemi igienici, creare serie minacce alle risorse naturali, ambientali ed idrogeologiche e all'assetto economico di territori anche ad elevato valore, a volte veri e propri monumenti ambientali come l'area dell'Oasi di Persano che alimenta l'irrigazione della Piana del Sele. Significa far fare a Bertolaso la figura del "Prefetto di Ferro" che con la forza (Polizia, Carabinieri, Esercito), deve togliere le castagne dal fuoco agli Amministratori sovracomunali, palesemente incapaci di governare il problema rifiuti e di risolvere democraticamente e con soluzioni condivise la grave situazione.

Sembra quasi che gli amministratori sovracomunali per non "bruciarsi" attendano cinicamente una soluzione obbligata, individuabile in una catastrofe ambientale, che per l'ennesima volta li costringerebbe ad intervenire in emergenza.

E allora cosa e come fare?

Anche a valle di una efficace raccolta differenziata, di una lavorazione in impianti CDR a norma, vi sar sempre la necessit di smaltire sul suolo una parte dei rifiuti (FOS e sovvalli).

In base agli studi effettuati, si propone sinteticamente la seguente soluzione (che vede coinvolti gli aspetti politici, tecnici, amministrativi ed economici), che potrebbe anche essere perseguita dal Commissario Straordinario che con i suoi poteri pu imporre una accelerazione delle operazioni coinvolgendo democraticamente gli amministratori locali e i rappresentanti di organizzazioni e componenti sociali varie. Il consenso pu essere acquisito con una corretta e diffusa azione d'informazione, assumendo impegni per l'applicazione di rigorosi standards tecnici nell'attrezzaggio dei siti, anche se le soluzioni comporterebbero un maggiore costo.

Nei Comuni in Aree Protette (Parchi) e nelle aree con vincoli ambientali ed idrogeologici seri non si realizzerebbero discariche. I Comuni con aree senza vincoli, eventualmente consorziati, ospiterebbero le discariche a turno; si sorteggerebbe la priorit di realizzazione. Il problema va suddiviso per province e all'interno di queste ultime per Comunit Montane.

I Comuni esclusi pagherebbero i costi della raccolta differenziata e smaltimento per i cittadini dei Comuni nei quali prevista la realizzazione di una discarica. I cittadini di questi ultimi non pagherebbero le spesse di raccolta e smaltimento dei rifiuti per 10 o pi anni, dal momento in cui verrebbe realizzata la discarica nel Comune; per gli altri anni pagherebbero al 50 %.

Il comune ospitante, individuato mediante estrazione a sorte tra i comuni che comunque, prima o poi, dovranno ospitare una discarica, riceverebbe una compensazione ambientale, il cui valore va individuato, per metro cubo di FOS e sovvalli smaltiti.

Dal punto di vista tecnico, si deve porre seriamente l'obiettivo di non inquinare anche durante i lavori, di non determinare una minaccia ambientale permanente e di potere realizzare una agevole e valida ricomposizione ambientale dei siti che saranno interessati da discariche di FOS e sovvalli.

Ad esempio la superficie impegnata, ubicata in un contesto geoambientale idoneo, dovrebbe essere di pochi ettari per sito, raggiungibile con una strada che non comporti l'attraversamento di aree abitate.

L'isolamento dei rifiuti e del percolato alla base della vasca deve essere garantito da uno strato di argilla preparata e compattata come quella che costituisce il nucleo impermeabile di una diga in terra, in modo da rappresentare una barriera insuperabile per secoli.

L'inquinamento durante i lavori pu essere evitato attrezzando il sito con almeno due o pi vasche modulari, adeguatamente impermeabilizzate e attrezzate, nelle quali lo smaltimento avverrebbe sotto la protezione di ampie tettoie smontabili, in modo da evitare la formazione di percolato anche durante lo smaltimento.

Il volume massimo accumulabile sarebbe compatibile con la ricomposizione ambientale in modo da non alterare il paesaggio.

Appena colmata una vasca, senza produrre percolato, l'area sarebbe completamente sigillata e impermeabilizzata e ricomposta ambientalmente mediante la copertura con argilla che deve essere mantenuta umida ed impermeabile anche durante il periodo non piovoso da un efficace impianto di "innaffiamento".

La struttura smontabile di copertura sarebbe tolta e utilizzata per attrezzare un'altra vasca.

La proposta pu certamente essere migliorata; potrebbe rappresentare l'innesco della soluzione di questa interminabile e deprecabile emergenza rifiuti. I cittadini e gli amministratori responsabili non possono pi tollerare che un Commissario, dietro lo spauracchio dell'emergenza, non rispetti l'ambiente e metta a rischio l'economia e la salute dei cittadini, anche nelle zone dove l'emergenza non c', in attesa che prima o poi scoppi una grave catastrofe (epidemia, inquinamento di acque e suoli, crollo dell'economia basata sulle risorse ambientali).

Prof. Franco Ortolani

Ordinario di Geologia

Direttore del Dipartimento di Pianificazione e Scienza del Territorio

Universit di Napoli Federico II





http://www.serreperlavita.it


news

16-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news