LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Difesa di Montefortino
21-03-2007
Andrea Recchi

Il nome di Montefortino conosciuto a livello internazionale in tutto il mondo archeologico perch c' un elmo, detto appunto elmo tipo Montefortino, che fu ritrovato in questo paesino durante l'aratura di un appezzamento agricolo.
La sua storia molto antica e risale al tempo dei Galli Senoni, che si erano stabiliti fra questi colli dell' Appennino Marchigiano e dei quali stata trovata una necropoli e una fonte sacra. Dell'intero territorio gallico Montefortino era probabilmente il baluardo celtico pi meridionale, al confine con gli Etruschi e i Piceni.

L'intervento umano sempre stato rispettoso dell'ambiente ma in tempi recenti la Provincia di Ancona ha inserito la zona nel nel PPAE (piano provinciale attivit estrattive) approvando un piano di sfruttamento intensivo di una risorsa locale: la pietra delle montagne circostanti, una particolare pietra chiamata scaglia bianca e rossa.
Secondo questo piano di sfruttamento, il territorio del Monte Sant'Angelo (a ridosso della necropoli) stato dichiarato bacino estrattivo e se non si far qualcosa per impedirne lo scempio, in brevissimo tempo questo magnifico territorio diventer una cava all'aperto, l'ambiente naturale verr distrutto e con esso verranno distrutte la tranquillit dei suoi abitanti e una memoria storica che ancora attende di essere conosciuta e riconosciuta.


Che ne sar quando centinaia di camion percorreranno le stradine di Montefortino, quando scavatori e ruspe bucheranno a destra e manca, in un'area cos poco esplorata archeologicamente?


Cerchiamo qualche amico disposto a combattere questa piccola grande battaglia, esiste on line una petizione che se portata avanti e pubblicizzata da ognuno potrebbe salvare il sito http://www.trigallia.com/montefortino/petizione.asp

e una alleanza tra chi vuole rivalutare il sito si sta formando (chi interessato puo mandare una e-mail)


Andrea Recchi






Gli scavi della necropoli di Montefortino
La necropoli di Montefortino di Arcevia (AN), pur con le limitazioni dovute alle modalit di scavo e di documentazione, costituisce a tutt'oggi il pi cospicuo complesso rappresentativo della presenza celtica nelle Marche, uno dei maggiori dell'Italia centro-settentrionale. Situata in zona Pianetti, essa fu oggetto di indagine da parte di E. Brizio, direttore del Museo di Bologna e Commissario per gli scavi in Emilia Romagna e nelle Marche, tra il 1894 e il 1899. I primi rinvenimenti si ebbero in propriet Giampieri/Carletti gi nel 1892, mentre l'esplorazione "regolare" prosegu, poi, anche negli attigui poderi Marcellini e Anselmi. Lo scavo si svolse con metodologia alquanto approssimativa e molti reperti furono comunque asportati dai proprietari dei terreni, non esistendo ancora all'epoca, peraltro, chiare normative di tutela. Furono comunque recuperate almeno 47 sepolture a fossa per lo pi di grandi dimensioni e di forma rettangolare, spesso con cassa lignea. Nei casi in cui era presente la cassa lignea, questa conteneva il solo inumato con pochi oggetti, mentre la gran parte del corredo funerario era disposto all'esterno, sul fondo della fossa. I materiali provenienti dagli scavi "regolari" entrarono subito a far parte delle collezioni del Museo Nazionale di Ancona mentre altri confluirono in esso successivamente per acquisto dalle raccolte private. Le tombe, in numero pressoch uguali tra maschili e femminili, presentano corredi che mostrano, accanto a componenti culturali centro-europee, una immediata e forte assimilazione nella Koin ellenistica italica, nelle sue ideologie e modi di vita: i corredi maschili sono quasi sempre caratterizzati da armi offensive e difensive (lance, spade, elmi "tipo Montefortino" ecc.), mentre quelli femminili da ornamenti talora preziosi in oro, argento e vetro. Questi ultimi sono sia di tipologia celtica che d'importazione, come per altro molti dei restanti oggetti (ceramiche e bronzi), chiaramente riferibili, per la stragrande maggioranza, ad ambito etrusco, nonch magno-greco e forse anche greco proprio. Particolarmente significativa la presenza, apparentemente ubiquitaria sia nei corredi maschili che femminili, degli apparati da banchetto e simposio, come coltelli e spiedi in ferro, calderoni, teglie, colini, brocche e situle in bronzo, nonch vasellame da mensa in ceramica di vario tipo. La necropoli copre un arco di tempo tra la met circa del IV secolo a.C. e i primi decenni del III.

testo a cura del Museo Archeologico di Arcevia

http://www.trigallia.com/montefortino/petizione.asp


news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news