LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ELOGIO DELL’”ARCHITETTURA SENZA ARCHITETTI”
28-03-2007
Giovanni Ferrario

A soffermarsi sul panorama architettonico contemporaneo la situazione sembra davvero non avere limite al peggio: campagne e dintorni delle città sono costellati di villette a schiera e capannoni prefabbricati sempre uguali e sempre devastanti (anche visivamente) rispetto alla natura che vanno ad occupare, mentre le aree urbane occupate vengono progressivamente rase al suolo per fare spazio a moderni ed anonimi condomini.
Sembra che, dagli anni della ricostruzione postbellica e sempre più rapidamente in questi ultimi anni, il territorio sia diventato esclusivamente un qualcosa da “spremere” per specularci sopra dal punto di vista economico.
Norme edilizie ed urbanistiche sempre più invasive, complesse e burocratiche, enti (i più disparati entrano ormai nelle decisioni da prendere nella fase di progettazione), architetti che dovrebbero essere sempre più preparati dopo lunghi anni di studio, non sembrano poter porre fine a questa situazione imperante.

Viene nostalgia per i tempi (ormai passati) quando l’Architettura doveva essere realmente la Risposta ai problemi dell’uomo e non un problema essa stessa.
E a questo riguardo non intendo esclusivamente le opere grandi e maestose dei secoli passati create da insigni Architetti, ma anche quell’Architettura ingiustamente e a lungo definita “minore”, quell’”Architettura senza Architetti” che doveva rispondere ai bisogni primari dell’uomo nelle sue molteplici forme: le cascine, gli edifici dei piccoli borghi e delle città, edicole e cappelle votive, edifici insomma delle tipologie più varie …

Un’Architettura capace di costruire un valido contesto per le opere architettoniche rilevanti eppure costruita spesso (anzi, oserei dire il più delle volte) senza nemmeno avere alle proprie spalle la figura dell’architetto, ma basata sulle tradizioni costruttive locali, nel pieno rispetto dei materiali e delle tecnologie disponibili.

Un’Architettura capace di dare un senso alla presenza umana e alla vita di tutti i giorni dell’uomo, e del suo lavoro, eppure costruita con norme molto più intuitive e logiche della maggior parte di quelle attuali, esageratamente burocratiche e per nulle interessate alla qualità architettonica ma solo al rispetto di sterili normative.

Un’Architettura fatta per durare nel tempo il più possibile, magari per intere generazioni, capace di essere progressivamente modificata, riadattata alle nuove esigenze, di vivere di continue “aggiunte”, di stratificazioni edilizie, magari anche di parziali demolizioni e sostituzioni.







Un’Architettura fatta di materiali naturali (essenzialmente cotto, pietra, legno, …) che dalla natura derivano e che disgregandosi alla natura “ nobilmente” tornano, con forme anche essenziali e strettamente funzionali ma senza mai dimenticare un qualcosa che le rende armoniose con l’intorno.

Un’Architettura dove le “imperfezioni” nella forma non sono un aspetto negativo ma una peculiarità, spesso dovuta ad una progressiva crescita nel tempo degli stessi organismi edilizi e a procedimenti costruttivi semplici ma radicati nei costruttori, non vincolati dalle attuali sterili e negativamente vincolanti normative edilizie.

Viene dunque da chiedersi se, nel secolo sicuramente più ricco sotto molti punti di vista (economico, tecnologico, sociale) rispetto a tutti i secoli passati, non ci sia qualcosa sotto questo aspetto che vada veramente ripensato profondamente.

Al di là di figure eccezionali che esistono fortunatamente anche ai nostri giorni e di validi professionisti realmente appassionati del loro lavoro (anzi, per molti è sicuramente più di un lavoro, assomiglia di più ad una “missione sociale”), quella che avrebbe dovuto essere la naturale evoluzione di questa “Architettura senza Architetti”, quell’edificazione diffusa in cui vivere nelle nostre città e nelle nostre campagne non esiste più, soppiantata da costruzioni che sono molto spesso solamente speculative.



Busto Arsizio, 29 marzo 2007

Dott. Arch. Giovanni Ferrario
g.ferrario7@virgilio.it



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news