LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Gli storici dell'arte e la peste"
04-04-2007
Gian Luigi Verzellesi ANISA VERONA

Per orientarsi nella boscaglia ombrosa della vita artistica attuale, senza cadere nelle trappole dei pubblicitari in servizio, ecco un libretto, un enchiridio (come dicevano gli antichi): un piccolo manuale quasi tascabile. S’intitola Gli storici dell’arte e la peste ( Ed. Electa) e raccoglie le testimonianze di quaranta studiosi intervistati da Sandra Pinto e Matteo Lafranconi ( i due curatori del libro) con l’intento di far luce sulla situazione problematica in cui versa “la comunità italiana degli storici dell’arte”, troppo spesso “tenuta al guinzaglio e usata per esclusivi scopi esterni”, “ a scapito delle necessità primarie” della disciplina, intesa dai quaranta nella sua specifica dimensione umanistica, che mira allo studio e insieme alla tutela del patrimonio artistico. La “peste” inclusa nel titolo di questa ghiotta indagine, diramata e ragionata, allude al Decamerone del Boccaccio, all’allegra brigata fiorentina che verso la metà del Trecento, “per sfuggire il contagio”, s’allontana dalla città appestata e ne rimuove l’incubo intrecciando memorabili novelle piene di arguzia. Ma la brigata degli storici dell’arte e dei soprintendenti interpellati non segue l’esempio allettante di quella trecentesca: rifiuta con coraggio ogni invito all’evasione spensierata e offre al lettore una fitta rete di notizie e diagnosi della nuova “peste” che, - come malattia indotta da fattori pragmatici dominanti nella società tecnologica – mette in serio pericolo sia l’esercizio della critica d’arte (come laborioso sondaggio interpretativo), sia i provvedimenti necessari per il restauro e la conservazione delle opere e del contesto paesistico connesso. Come figure esemplari di buon governo artistico, e come patroni della loro campagna di cultura controcorrente, avversa all’andazzo che riduce l’arte a frettolose e rombanti operazioni di marketing - gli studiosi intervistati hanno scelto due ben note persone prime: Roberto Longhi (1890-1970) e Giulio Carlo Argan (1909-1992). Ma accanto a queste due guide diversissime, non si può scordare che lo studioso italiano più attivo nella difesa d’una storia dell’arte non ridotta a “culturame” (dispersivo e afflitto dall’ipermostrismo per turisti svagati) è stato Cesare Brandi ( 1906-1988): come prova il libro su Il patrimonio insidiato ( pubblicato, a cura di Massimo Capati, dagli Editori Riuniti ) in cui sono raccolti “articoli di fuoco” (A.Bagnoli) contro la “peste” rilevata, descritta e contrastata dai quaranta dissidenti cresciuti alla scuola di Argan e di Longhi. Nel libretto felicemente protestatorio, anche Bruno Toscano riconosce i “tanti innegabili meriti” di Brandi; ma spetta a Caterina Bon Valsassina ( oggi direttrice dell’Istituto Centrale del Restauro romano) il merito di aver ribadito l’importanza della brandiana Teoria del restauro ( edita da Einaudi), che anche oggi è una preziosa “bussola per orientarsi” nel delicatissimo ambito degli interventi conservativi senza ricorrere al ripristino che accomoda (ossia falsifica) “la verità della materia originale dell’opera ai bisogni del mercato antiquario”. Altre bussole di salvaguardia, per sfuggire alla “peste”, sono indicate in altre pagine dell’inchiesta, in cui si rievocano le straordinarie doti educative di Paola Barocchi, Marisa Dalai Emiliani, Liliana Barroero, e l’esempio di tre soprintendenti, Andrea Emiliani, Nicola Spinosa e Luigi Ficacci, che hanno saputo difendere il loro lavoro di tutela dalla deriva burocratica che sonnecchia e lascia fare. Altre lucide argomentazioni si leggono nelle interviste a Ferdinando Bologna, Enrico Castelnuovo, Bruno Toscano, Giovanni Romano, Andrea De Marchi, Giovanni Agosti: studiosi che fanno onore alla cultura del nostro paese non meno dell’indimenticabile Previtali o di Arcangeli o di Volpe: tre discepoli cresciuti all’ombra stimolante di un maestro come Longhi, inarrivabile nell’arte di scrivere sull’arte, senza perdersi in divagazioni iconologiche, sociologiche, psicanalitiche. Divagazioni che invece ingombrano, e spesso deviano, le ricerche sull’arte contemporanea di cui si discute nella sesta giornata del Decamerone dedicato alle arti visive. In quelle pagine, è viva in tutti gli interlocutori la consapevolezza che “se si perde la presa sul presente anche il passato si restringe” (Brizio): ma “il tentativo di riunire l’antico con il moderno” è considerato arduo come connettere mondi “divenuti incomunicabili” ( Agosti). Dopo la “frattura” (segnalata da Belting nel 1983), i due diversi mondi, anche oggi, “sono rigidamente compartimentati”: sui cataloghi della critica militante di sostegno, “non c’è un accenno alla natura formale delle opere” ( Fergonzi). Ma la difesa dell’antiarte, di marca pubblicitaria, si è fatta sempre più spavalda. E si è accompagnata a forme di revisionismo che si rifanno a Bataille per snidare, con tripudio agghiacciante, le più varie specie visive dell’informe e dell’abietto . Ma da queste sensazionali tendenze più recenti ( che la Weil relegherebbe nel nichilistico “regno delle ombre”), gli umanisti arganiani e longhiani non si sentono attratti.

http://anisaverona.splinder.com/ http://verzellesi.splinder.com/


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news