LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cemento su Ravenna
23-04-2007
Ercole Noto

Anche la virtuosa Ravenna nella tresca dei cementificatori. Il fuoco di sbarramento a difesa del paesaggio, avviato con fermezza di propositi e seriet di impegno civile e culturale da codesto sito web, la dimostrazione della presa di coscienza di una collettivit che rifiuta lassalto indiscriminato di speculatori senza scrupoli che stanno sistematicamente cementificando ogni spazio del territorio italico. In questo panorama dissacrato la colpa ricade su gran parte dei comuni e sui loro amministratori, che come dice Vittorio Emiliani nella sua puntigliosa analisi riportata sullUnit dello scorso 20 aprile dal boom edilizio, quasi tutto speculativo, essi traggono nellimmediato fondi pi che cospicui. Anche Ravenna non si salva da questa forma di imbarbarimento, ad opera di bande ricostituite di lanzichenecchi, sempre pronti a saccheggiare un bene comune, a danno della collettivit, con una sequenza programmata di singoli atti, senza apparente violenza, compiuti dal potere politico con mezzi formalmente legali, ma sostanzialmente moralmente ingiusti. Il piano di sviluppo della citt si giocher prossimamente tutto sul progetto di riqualificazione del comprensorio della Darsena, che vede in atto uno dei pi aspri confronti trasversali tra Amministrazione comunale e mondo imprenditoriale. Dal sito online di Ravennanotizie.it di gioved 19 aprile apprendiamo che nellarea in questione sono in ballottaggio centocinquanta ettari, 300 mila metri quadrati di superficie utile, un terzo di quanto previsto complessivamente come area edificabile dal piano strutturale comunale; una torta prelibata che fa gola al mondo imprenditoriale confindustriale ravennate ma anche a cooperative come la Cmc e Iter; ognuno dei pretendenti con propri legittimi progetti. Il Partito di Rifondazione Comunista, in seno alla maggioranza, detta le sue condizioni dopo la scottatura del deturpamento del litorale ravennate - per procedere nella riqualificazione della Darsena: ruolo assolutamente prioritario dellente pubblico nelle scelte di programmazione; Agenzia (il soggetto che dovr gestire la riqualificazione) esclusivamente pubblico; nessun aumento degli indici di edificabilit; richiesta ai privati di intervenire economicamente nella realizzazione di strutture di pubblica utilit. Se non altro, se non ritrattano, sembrano essere quelli pi coerenti con le linee morali del loro programma ideologico. E questa preventiva, nonch precisa presa di posizione, nasce dal fatto che nella precedente aggregazione politica del Consiglio comunale fu permesso di costruire ecomostri da 110 appartamenti in riva al mare, sulla rinomata spiaggia di Marina. [Permesso di costruire n. 510 rilasciato dal Comune di Ravenna il 27/07/2005. Concessione Demaniale n. 11/2005 rilasciata alla Soc. SEASER S.p.a.]. Per completezza di informazione si riporta testualmente quello che stato scritto su tale scempio e pubblicato da Il Romagnolo. Secondo le attuali leggi, costruire sulla spiaggia, ovvero su terreno demaniale, devessere considerato un fatto eccezionale e per farlo necessitano le autorizzazioni del sindaco e dellautorit portuale. Mentre lallora sindaco [ora senatore della Repubblica, Vidmer Mercatali] era pronto per la deliberazione, lautorit portuale sera decisamente opposta. Ne era presidente Remo Di Carlo il quale molto chiaramente fece sapere che finch fosse rimasto lui a capo di quellorganismo, condomini sul litorale non ne sarebbero eretti. Accadde che provvidenzialmente il dottor Di Carlo fu avvicendato. Il suo successore firm lautorizzazione e in una torrida giornata di fine luglio, mentre il sole arroventava la terra e i ravennati se ne stavano in vacanza, la giunta comunale deliberava la costruzione degli ecomostri. Oltre cento lussuosi appartamenti con vista sul mare, da vendersi ovviamente a gente ricca, titolare del posto-barca sul vicino porticciolo. Ovviamente i Verdi, quel li del Sole che ride, quelli di Legambiente e anche Pro-loco erano alloscuro di tutto e quando le cose raggiunsero il punto del non ritorno, sarrabbiarono molto. Specialmente i Verdi che serano visti approvare in giunta gli ecomostri sotto il naso. In effetti le loro intenzioni sullarea occupata dai condomini erano encomiabili: ne volevano fare un bel giardino per anziani, mentre il Sole che ride preferiva una pinetina per i bambini extracomunitari. Legambiente voleva lasciare vergine il terreno con i suoi tamerici e le altre colture spontanee. Solo la Pro-loco voleva farne un parcheggino, vista la lamentata penuria di posti macchina. Tutti i giornali locali, Carlino in testa, espressero perplessit con vistosi articoli sulla cronaca locale e ben presto sorse un comitato anti-ecomostri. I suoi rappresentanti cercarono in ogni modo di bloccarne la delibera comunale e si rivolsero persino [sintetizzo - a un sacerdote influente]. Or sono due anni. Gli edifici gi si pr ofilano alti contro lazzurro mare () e alle doglianze dei cittadini, almeno di quelli che hanno sensibilit per la natura, per lambiente, per il sole che piange, lex sindaco si consoler con lo stipendio di senatore. Vecchia Marina, addio. E questa la storia della virtuosa Ravenna e dei suoi rappresentanti [e nostri, purtroppo!] che ora, dopo la fusione, si chiamano democratici; ma si sa, il lupo perde il pelo ma non il vizio.
Ercole Noto



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news