LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biga etrusca. Contra potentes nemo est munitus satis.
23-04-2007
Ercole Noto

Contro i potenti nessuno abbastanza difeso, Fedro ne Laquila e la cornacchia.

Un contadino si racconta nella tradizione popolare siciliana fa ritirare lavvocato e fa estinguere la lite contro lente che gli espropriava il terreno, non perch improvvisamente illuminato sulla improbabile stoltezza della sua causa, ma perch ha capito di non poter competere con chi potente a priori. Quannu cca forza a raggiuni contrasta a forza vinci e a raggiuni no abbasta. [Quando la forza contrasta con la ragione vince la forza perch la ragione non basta]. Sulla vertenza per la Biga etrusca attualmente conservata [e ora sinanche esposta] al Metropolitan Museum di New York e di cui la Regione Umbria e il Comune di Monteleone di Spoleto ne richiedono la restituzione, il Ministero per i Beni Culturali, con una propria lettera del Gabinetto del ministro Francesco Rutelli, inviata al sindaco del comune spoletino, dice che il caso del carro di Monteleone complesso e si teme che aprire ora ed isolatamente un contenzioso, da parte del Comune, potrebbe non sortire effetti concreti immediati ma darebbe senzaltro luogo ad un acceso dibattito -( quello che, a mio parere, si vuole evitare, visti i precedenti rapporti tesi con lAmerica)-, nel quale sarebbe certamente difficile confutare la tesi per la quale lacquisto, effettuato un secolo fa, in un quadro legislativo non pienamente ostativo (che il ministro Rutelli, al Congresso della Margherita, ha definito le stagioni dellincuria) -, non sia da inquadrarsi allinterno di un f enomeno culturale estretizzante che ha portato [in America] alla formazione di importanti collezioni darte ormai storicizzate. Una lettera in sostanza di rassegnazione, che inquadra lepisodio del carro etrusco di Monteleone tra molti altri che risalgono a quel lasso di tempo, sfortunatissimo per larcheologia italiana, intercorso tra lUnit dItalia e la prima legge di tutela del patrimonio del 1909. Troppo tempo passato da quel ritrovamento fortuito e lazione di restituzione si prescrive in ogni caso entro il termine di trenta anni dal giorno delluscita illecita del bene dal territorio dello Stato richiedente (Art. 78 del Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dellart. 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137). In fondo dice il latore di quella lettera tutti i maggiori musei stranieri hanno approfittato in quegli anni della grande debolezza delle Istituzioni italiane per incrementare le proprie collezioni, principalmente archeologiche, ma anche storico-artistiche; e quindi, sembra quasi suggerire: cosa volete farci, mittitivi lanima in pace e scurdammicci u passatu. Fate come il proverbiale contadino siciliano, ritiratevi, perch Cci voli troppa lunghizza di lazzu unni c troppa funnizza di puzzu. Forse, se cera in ballo la scomoda presenza di una base americana, si sarebbero mobilitate le masse, ma per un carretto, non vale la pena fare tanto chiasso! In questa desolante vicenda, lo Stato, che dovrebbe essere il garante del Diritto e delle sue giuste applicazioni, ne esce sconfitto, e non basta la successiva dichiarazione pervenuta (20.04 Il Messaggero) dal gabinetto del ministro circa la disponibilit piena ad un incontro per affrontare insieme al Comune le questioni relative alla Biga di Monteleone. Uno Stato incapace di rivendicare, quanto meno apparentemente nella forma, lappartenenza di un bene unico al mondo, qual la Biga etrusca - (anche se allo stato attuale la situazione si presenta ingarbugliata, ma non disperata, secondo la linea legale intrapresa dallavvocato italo-americano Tito Mazzetta, e non ci siano attualmente quelle condizioni legislative per richiederne la restituzione) -, ma che si rivela forte col debole, che nel rispetto delle proprie leggi, perseguita, giustamente, e a volte, quasi con accanimento, chiunque detiene illegalmente beni mobili, particolarmente archeologici, e li fa sequestrare dagli organi inquirenti. Reperti del lontano passato, il pi delle volte decontestualizzati, che bene tuttavia recuperare per la loro specifica appartenenza alla collettivit. Molte volte, per, si assiste anche al sequestro di piccoli oggetti insignificanti che lillegittimo proprietario ne ha esaltato, quasi come fosse un feticcio, il valore intrinsec o di appartenenza allantico. Mi chiedo se ha senso iniziare un procedimento penale per il recupero, ad esempio, di una kore votiva di terracotta, in stato frammentario di conservazione, dalla forma illeggibile corrosa dal tempo, o non sarebbe pi logico una sanzione amministrativa allillecito detentore e applicare altre forme di protezione quale la notifica delle prescrizioni di tutela indiretta? Ma la legge legge, va rispettata. I siciliani fanno spesso ricorso a una frase, tra sentenza e proverbio: Non ti pigghiari causi ccu Guvernu (non intentare giudizio contro il Governo). Eppure, viene da riflettere, quannu a forza cca raggiuni cuntrasta bisogna rassegnarsi alla sconfitta. Ma forse una valutazione pessimistica di esclusivit di chi scrive. Fanno bene i discendenti degli etruschi a perseverare nella lotta per riavere indietro la Biga, spalleggiati da un legale di razza come Tito Mazzetta, che giustamente ha invitato i rappresentanti del nostro ministero a farsi da parte se non vogliono continuare la battaglia tesa alla restituzione del maltolto, e abbiano il coraggio, cos come richiesto dallavvocato dello studio di Atlanta, di emettere un documento di delega alla azione intrapresa di citazione in giudizio contro il Metropolitan Museum, a favore della Regione dellUmbria o del Comune di Monteleone di Spoleto. Auguriamoci che la strategia su cui punta il legale doltreoceano, faccia breccia nel giudizio dei giudici americani, che giornalmente, con le loro sentenze, in differenti gradi di giudizio nei Tribunali dei vari Stati dellUnione, influenzano o modificano le interpretazioni delle leggi esistenti, senza aspettare, come da noi, il formale intervento del legislatore che decida di modificare una legge, come quella che nella fattispecie regola la restituzione della Biga (Mazzetta). Speriamo tuttavia che larbitrare dei giudici, secondo leggi scritte e contenute in codici fissi, non sia dello stesso tipo che Giolitti semplicemente defin: La legge con gli avversari si applica, con gli amici si interpreta.

[Sui proverbi siciliani e sul modo di scriverli in dialetto, mi sono avvalso della specialistica competenza, sempre pronta e disinteressata, del prof. Mario Grasso, profondo conoscitore della saggezza e delle malizie siciliane. Un grazie sincero allAutore di numerosi studi specifici].
Ercole Noto



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news