LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Degrado a Vulci
21-05-2007
Luca Belincioni

Sono tornato domenica scorsa al Parco di Vulci dopo circa 4-5 anni di assenza e ho potuto notare, con grande rammarico, come le cose siano purtroppo cambiate in peggio rispetto a come le ricordavo.
Innanzitutto il paesaggio. Nella zona circostante a Vulci si sono diffuse numerose piccole forme di coltivazioni in serra, ci che ovviamente toglie molto al fascino dei luoghi, la cui atmosfera di antichit si armonizza di certo meglio con coltivazioni pi tradizionali (cereali, vigneti, uliveti, come si fa rigorosamente nella vicinissima Maremma Toscana), che pure sussistono ampiamente. La serricoltura (o comunque l'uso della plastica nei campi come isolante) crediamo dovrebbe essere limitata - per motivi paesistici ma anche ecologici - alle aree a ridosso della costa urbanizzata e mai nellentroterra, soprattutto in presenza di emergenze ambientali ed archeologiche di straordinario rilievo come proprio a Vulci e dintorni. Inoltre, quel che pi grave, sulle strade di accesso al sito sia provenendo da mare che dallentroterra - sono visibili numerosi elementi di degrado, quali - verso Montalto - costruzioni moderne recentissime e di bassa qualit edilizia (ville e villette) e proprio nelle vicinanze del parco, sulla strada per Canino addirittura alcuni capannoni bianchi di tipo industriale (secondo uno sconsiderato e generalizzato fenomeno che sta imbrattando tutte le campagne della Tuscia)! Tale situazione di degrado concorre pertanto a sminuire fortemente limmagine dellagro pressoch incontaminato pubblicizzato sui depliant del parco e dovrebbe spingere a rivedere seriamente a livello amministrativo - i metodi di gestione del territorio maremmano, che - come sappiamo - possiede unalta vocazione turistica e merita ben altra considerazione.
Dal punto di vista pi strettamente ambientale, nella zona dellantico porto sono invece da segnalare sia i nuovi scavi (che con capanne in lamiera e sbancamenti - hanno prodotto un impatto altissimo su quella che era una verde vallata, per tirar fuori tutto sommato pochi miseri muretti), sia soprattutto il nuovo ponte in ferro sul Fiora: praticamente inutile ( soltanto pedonabile ed il cancello che porta allaltra riva per giunta chiuso!!!) e di proporzioni sconsiderate (orribili le assolate panchine, da parco urbano di periferia), questa opera ha deturpato un tratto particolarmente suggestivo del fiume, senza contante il fatto che sotto il ponte si trovano resti edili e diversi altri rifiuti, tra cui un bel visibile pneumatico intorno al quale sono tristemente soliti fare il carosello i svariati pesci che popolano il Fiora. Ma ci chiediamo esterrefatti: se dovevasi trattare di un ponte esclusivamente pedonabile, non sarebbe stato pi opportuno (e sensato) realizzarlo pi piccolo e in legno, come i tanti ponticelli dei parchi Marturanum e Treja, tanto per rimanere nel Viterbese? Tra laltro, lalveo del Fiora in quel punto non n profondo n largo. E poi, quanto minore sarebbe stata la spesa, differentemente dalle cifre da capogiro leggibili sui pannelli del progetto!!! Su questi si parla di valorizzazione dellarea del porto: noi invece abbiamo visto una vera e propria devastazione. Tutti questi lavori (cui va sommata la recente ricostruzione in cemento del tumulo della Cuccumella), del resto, paiono associarsi in una sorta di iter di trasformazione in negativo del paesaggio di Vulci, che negli ultimi tempi ha favorito di ingenti finanziamenti economici e del riconoscimento quale attrattore culturale da parte della Regione Lazio: ma come quasi sempre accade in Italia, quando raramente - ci sono i soldi per la cultura e per lambiente, quelli che avrebbero il dovere di gestirli con prudenza e senno per migliorare le cose, vanno invece a peggiorare lo stato dei luoghi con opere costose, inutili ed impattanti (sempre nella Tuscia, ad esempio, ha fatto molto discutere il recente restauro della torre di Marta), tant che ormai in molti casi personalmente auspico che non vi siano mai i fondi per intervenire con valorizzazioni che lo ripetiamo - spesso non sono altro che devastazioni.




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news