LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Procedimento espropriativo relativo all'intervento di Borgo Castelnuovo di Auditore
22-05-2007
Regione Marche, Servizio Governo del Territorio P.F. Edilizia Scolastica e Universitaria, Espropriazioni, Sicurezza

Gentili Sig.re/ Sign.ri,

con riferimento alla Vs.richiesta fornisco alcune
precisazioni a chiarimento delle competenze individuabili all'interno del procedimento oggetto della sua richiesta.


Procedimento espropriativo

Nel merito del quadro normativo di riferimento nel settore delle
espropriazioni va precisato quanto segue:

il procedimento espropriativo relativo all'intervento di Borgo
Castelnuovo di Auditore rientra nell'alveo della normativa antecedente all'entrata invigore del T.U. di cui al DPR 327/2001, in quanto l'atto che ha approvato il piano particolareggiato, da cui deriva la pubblica utilit dell'opera, del 22/03/2001;

in relazione a tale aspetto il procedimento di esproprio segue
l'iter previsto dalla legge 865 del 22/10/1971 e successive modifiche ed integrazioni, e l'amministrazione comunale risulta competente all'emanazione degli atti espropriativi sulla base della delega di funzioni stabilita dalla Regione Marche con l'articolo 9 della legge regionale 17 del 18/04/1979;

alla Regione, nel quadro normativo sopra delineato, spettano
esclusivamente poteri sostitutivi di intervento, nel caso in cui l'ente competente non ottemperi all'emanazione di atti per i quali siano stabilite precise scadenze.

Va quindi sottolineato che il potere sostitutivo in capo alla Regione prevede un intervento diretto da parte della stessa esclusivamente nell'ipotesi in cui il Comune non provveda all'adozione di atti previsti dalla normativa vigente entro termini legislativamente prefissati, nel qual caso la Regione si sostituisce all'ente inadempiente nell'adozione dell'atto.

Nel caso in esame risulta che il Comune abbia attivato e svolto
il procedimento secondo la delega attribuita con la sopracitata legge regionale 17, emanando tutti gli atti necessari a pervenire all'esproprio dei beni, e quindi il citato intervento sostitutivo non avrebbe motivo di esistere.

Per quanto riguarda gli aspetti amministrativi va rilevato che
l'amministrazione comunale ha provveduto in due occasioni (nel febbraio 2005 e nel maggio 2006) a riscontrare le richieste di chiarimenti avanzate dalla Regione Marche a seguito delle interrogazioni 1305/05 e 386/06 presentate da Consiglieri regionali.

Pur non potendo esprimere, alla luce di quanto sopra precisato,
un giudizio di dettaglio nel merito del procedimento, dagli elementi forniti dal Comune in riscontro alle citate interrogazioni non risultano emergere rilievi procedurali, in quanto l'iter seguito appare coerente con la normativa di cui alla citata legge 865/1971.

Nel merito degli aspetti prettamente urbanistici e di tutela del
beni culturali si forniscono di seguito ulteriori precisazioni.

Ulteriori competenze nel procedimento

Per integrare il quadro delle competenze interessate dal
procedimento in esame, si precisa quanto segue:

per quanto riguarda la materia urbanistica va fatto riferimento
alla legge regionale 34 del 05/08/1992 (e successive modifiche ed
integrazioni), che agli articoli dal 3 al 6 delinea il quadro degli enti competenti all'espressione di pareri nel merito dei piani urbanistici di vario livello, individuando tali enti nelle province e nei comuni, a seconda della tipologia di piano urbanistico in esame;

nel merito invece del Codice dei beni culturali, la struttura
competente la Soprintendenza beni architettonici e paesaggio di Ancona, che peraltro risulta essere gi stata interpellata su questo specifico procedimento.

Appare evidente come la scrivente struttura regionale non possa entrare nel merito di aspetti per i quali la legge individua la competenza a carico di amministrazioni diverse dalla Regione.

Societ di trasformazione urbana

La Societ di trasformazione urbana un soggetto - previsto
dall'art. 120 del Testo unico degli enti locali di cui al Decreto
legislativo 267 del 18/08/2000 - che i comuni possono costituire per "progettare e realizzare interventi di trasformazione urbana, in attuazione degli strumenti urbanistici vigenti".

inoltre stabilito che "gli immobili interessati dall'intervento di trasformazione sono individuati con delibera del consiglio comunale" e possono essere acquisiti "consensualmente o tramite ricorso alle procedure di esproprio da parte del comune".

Lo stesso articolo stabilisce che "l'individuazione degli immobili equivale a dichiarazione di pubblica utilit, anche per gli immobili non interessati da opere pubbliche".


Alla luce del quadro normativo sopra delineato si ritiene che la
richiesta di una "verifica delle pratiche che hanno determinato l'esproprio del Borgo di Castelnuovo sia in termini di correttezza legislativa che temporale" debba essere effettuata direttamente dagli interessati presso l'amministrazione comunale, anche avvalendosi - ove necessario - delle procedure di accesso agli atti riconosciute ai soggetti "portatori di
interessi" nei procedimenti amministrativi.

Risulta altres allo scrivente che alcuni proprietari compresi
nell'elenco delle ditte soggette all'esproprio hanno presentato ricorsi amministrativi presso il Tribunale Amministrativo Regionale, che con diverse ordinanze ha respinto le richieste di sospensiva motivando tali decisioni con il fatto che "non sussistono i presupposti di cui all'art.21 della legge n.1034/1971, atteso che il pregiudizio lamentato non grave ed
irreparabile ed i motivi del gravame necessitano di un pi approfondito esame in sede di decisione di merito, anche in relazione alle argomentazioni difensive dedotte dalle parti resistenti".

La pendenza del giudizio di merito presso il T.A.R. dovrebbe
costituire una garanzia circa la prospettiva che il procedimento in esame possa trovare presto un giudice che, entrando negli specifici aspetti che costituiscono il procedimento, esprima un giudizio approfondito ed esaustivo.

Da ultimo preme ribadire, come riflessione personale, quanto gi
si avuto occasione di precisare in precedenza, relativamente al fatto che un ufficio pubblico si muove in un ambito delimitato dalle norme, e nella sua azione deve attenersi a fatti amministrativi che vanno valutati sulla base delle competenze proprie di ciascun ente e di ciascuna struttura.

Credo di poterla trovare d'accordo sul fatto che ogni altro tipo di valutazione esula dai problemi affrontati in questa sede, indipendentemente dalle idee e dalle convinzioni personali.



Nella certezza di aver fornito ulteriori elementi utili alla
comprensione del problema evidenziato, si porgono distinti saluti.
_________________________________________________________

Sauro Marini
Regione Marche, Servizio Governo del Territorio
P.F. Edilizia Scolastica e Universitaria, Espropriazioni, Sicurezza
Via Palestro, 19 - Ancona 60100 - Tel. 071 50117437 - Fax 071 50117390
Espropriazioni - http://espropri.regione.marche.it
http://espropri.regione.marche.it/

- Mail mailto:espropri@regione.marche.it>
Sito web prezzario - http://www.operepubbliche.marche.it/prezziari.htm -
- Mail mailto:sauro.marini@regione.marche.it>




news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news