LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CHI CUSTODIRA' I CUSTODI DEL PAESAGGIO ?
26-05-2007
Gianfranco Maddoli



Non passa giorno ormai che un grande quotidiano nazionale, per non dire della stampa locale, non titoli a tutta pagina un servizio su casi di scempi urbanistici e ambientali gi realizzati o incombenti. Cito, a memoria, Monticchiello in Toscana o Pieve di Soligo in Veneto, cui “Repubblica” ha dedicato ampi servizi; altri paginoni sono apparsi di recente su “La Stampa” e su questo giornale. Che tali affronti al patrimonio paesaggistico nazionale vengano pubblicamente denunciati e suscitino lo sdegno di tanti italiani ancora sensibili, un fatto positivo (anche se, purtroppo, perch vi sia eco nazionale, occorre che un nome noto come Asor Rosa o Zanzotto se ne facciano promotori!). Che vengano ancora perpetrati in cos larga misura e con tanta frequenza invece un fatto triste e assai preoccupante, che non pu e non deve lasciarci come impotenti spettatori. Attraversavo nei giorni scorsi il Chianti e vedevo sfregi finora impensabili a un paesaggio tra i pi celebri del mondo: lo strazio di Strada in Chianti, tanto per citarne un caso. Anche in Umbria, in questi giorni, la minaccia di realizzazione di un impianto industriale con torri alte 6o metri in una delicatissima zona ad alto valore ambientale e turistico, a N di Perugia, nel comune di Corciano (nei pressi della Villa del Cardinale recentemente acquistata dallo Stato per il suo eccezionale valore, del Castello di Antognolla e di Pieve del Vescovo), ha suscitato una vasta e decisa reazione di cittadini e personalit della cultura; l, come altrove, la responsabilit non dell'impresa che intende realizzare l'impianto, la quale intende avvalersi degli strumenti urbanistici vigenti, ma di chi quegli strumenti ha a suo tempo apprestato e che risultano schizofrenicamente in contrasto con le proclamate vocazioni ambientali e turistiche dell'area.
Si ripropone allora l'interrogativo di fondo: ma che Paese questo, la cui Costituzione prevede a chiare lettere (art. 9) che la Repubblica tutela il paesaggio, e in cui sono perpetrati e si continuano a perpetrare tanti affronti ad esso? Come si spiega che in un Paese in cui non c' da tempo aumento di popolazione si continui a costruire abitazioni ovunque e si cosparga il territorio di capannoni industriali orrendi per colori e profili, capannoni che, ove realmente necessari, potrebbero comunque essere ben diversi con un po' di attenzione alla qualit e all'inserimento contestuale? La Repubblica della Costituzione non siamo forse tutti noi, singoli cittadini e istituzioni che li rappresentano?
Consiglio a tutti la lettura di un piccolo libro di Francesco Erbani, L'Italia maltrattata (ed. Laterza, 2003), una delle tante ma efficaci analisi e denunce del misfatto che ha distrutto e sta distruggendo in pochi anni la bellezza del nostro Paese. L'intreccio di interessi economici e interessi privati, la non infrequente corruzione, la demagogia, la forza implicita nelle tecnologie trovano terreno favorevole in un decentramento decisionale, privo di regole e raccordi pi generali e affidato talora a una classe politica inadeguata, che ha minato spesso il grande valore civile e democratico delle autonomie locali. Gli scempi denunciati o minacciati ne sono la pi eloquente testimonianza. Lo Stato torni dunque a darsi regole e strumenti di intervento pi severi e vincolanti; ma sugli amministratori locali, in particolare, che oggi ricade una grande responsabilit: se la bussola del loro comportamento orientata prioritariamente sullo “sviluppo” senza “se” e senza “ma”, e la consapevolezza culturale viene in subordine o non sussiste affatto, non c' speranza per la salvaguardia del patrimonio ambientale e paesaggistico e per un'equilibrata crescita delle nostre citt. Se ad orientare lo sviluppo sar invece la cultura (intesa non in senso restrittivo e accademico ma in senso ampio di coscienza e conoscenza della preziosa eredit che ci stata consegnata) entrambe le esigenze potranno essere rispettate. L'interrogativo del costruire e del trasformare sar di conseguenza incentrato non solo sul “se”, ma insieme anche sul “dove” e sul “come”. E la prospettiva necessariamente si allarga: dalla politica alla scuola e a tutte le altre sedi di formazione del cittadino, dal momento che gli amministratori, di ogni livello, sono l'espressione diretta dei cittadini che li scelgono: senza cittadini culturalmente formati non si dnno amministratori e non si d Repubblica che possano tutelare ambiente e paesaggio.





news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news