LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sulla riforma del Ministero dei beni culturali
21-06-2007
Bruno Ciliento

La riforma del Ministero per i Beni Culturali, approvata in prima lettura il 15 giugno dal Consiglio dei Ministri, sta gi suscitando polemiche, e la cosa non stupisce. Se ne discusso per mesi (gli unici a non essere consultati pare siano stati i soprintendenti...) e a parere di molti il risultato assai lontano dalle aspettativi iniziali. Vorrei per soffermarmi su un aspetto specifico. Da met anni Novanta, in settori fondamentali - struttura ministeriale, leggi di tutela, norme sui lavori pubblici e i restauri - si sono susseguite riforme e trasformazioni. Cambiamenti profondi sono stati impostati quasi a ogni avvicendamento di ministro. Disposizioni a volte vetuste, ma efficaci, sono state mutate e poi nuovamente sostituite, in maniera tale da rendere difficile l'azione degli uffici, e cos pare si voglia continuare. Il governo in carica, nel programma, aveva preso impegni importanti, tra l'altro di volere rafforzare le soprintendenze. Oggi - nonostane voci in contrario - assistiamo con amarezza all'umiliazione del settore della storia dell'arte nell'organizzazione del Mibac. La direzione patrimonio storico-artistico viene accorpata con i beni architettonici, l'arte contemporanea con il paesaggio. Ai vertici ci si pu aspettare una prevalenza di nomine di architetti e di amministrativi (con tutto il rispetto per le due categorie). Nel nome della semplificazione si sarebbe potuti tornare al modello iniziale del ministero, con un solo Ufficio centrale a raggruppare le competenze in tema di patrimonio: vediamo invece il sacrificio di un campo d'azione e di ricerca un tempo vanto dell'amministrazione. Le proteste, finora, sono state stranamente scarse. Purtroppo lo stesso potrebbe accadere sul territorio, se andasse avanti la ventilata creazione di soprintendenze "miste" legata alla riduzione dei dirigenti (salvo di di quelli di pi alto livello), come se qualcuno pensasse che il patrimonio artistico, ad eccezione dei musei e di alcuni centri famosi, non meriti uffici dedicati - una svalutazione che striderebbe con una realt ricca e multiforme. Non intendo in questa sede entrare nella discussione circa i compiti delle direzioni regionali e delle soprintendenze, in entrambe operano dirigenti e funzionari di grande capacit e impegno, ma certo il ruolo delle seconde resta menomato. Le direzioni regionali sono ben diverse da quelle auspicate da Giovanni Urbani, che pensava non a organismi paraministeriali, ma a servizi che affiancassero le soprintendenze per accentuarne il ruolo tecnico e scientifico. E nel quadro della razionalizzazione delle spese, servono direzioni anche nelle piccole regioni, dove magari operano una o due soprintendenze?Molti uffici non dispongono di un'auto per i sopralluoghi e non riescono a pagare le spese di pulizia e le indennit al personale, 17 dirigenti generali sono giustificati? forse ne basterebbe la met. E non si pu tacere che anche nelle scelte dei direttori il settore professionale degli storici dell'arte stato finora pesantemente sacrificato. Si mormora che molto sia voluto per scelte spartitorie e per il desiderio di "mettere sotto controllo" le soprintendenze, o che in realt si prepari il passaggio delle competenze delle direzioni regionali alle Regioni stesse, lasciando ai soprintendenti solo un difficile ruolo di tutela passiva (il paesaggio insegna). Non voglio credere a queste insinuazioni, spero invece che tramite Patrimoniosos quanti sperano possibile modificare talune scelte facciano sentire alta la loro voce, come altre volte accaduto con efficacia.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news