LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAEROPORTO DEL GARGANO
21-06-2007
Antonio V. GELORMINI

La misura colma, e lo da un pezzo. Gli animi sono esasperati, la delusione attraversa il ciclo generazionale e i contorni della vicenda spaziano nel tragicomico con disarmante disinvoltura. E tempo che si dia un taglio alla telenovela dellaeroporto di Foggia. Lo esige il doveroso rispetto verso i cittadini dellintera Capitanata e lo impone unetica morale e politica, a lungo trascurata, in grado di dissolvere la cortina di degrado globale, che avvolge questa comunit. E da pi di 33 anni, oltre un quarto di secolo, che le sorti del Gino Lisa sono paragonabili a quelle dei dannati collocati da Dante tra color che son sospesi. Lo spreco di risorse stato ingente. I risultati nulli. Lalternarsi di competenze mediocri, piuttosto inquietante. Il succedersi di annunci di soluzioni finali ha riempito pagine e pagine di quotidiani locali, mettendo a nudo la credibilit istituzionale di quanti, nel tempo, si sono succeduti alla guida della Provincia Dauna. Nel frattempo la citt cresciuta e nella sua evoluzione ha continuato ad abbracciare laeroporto, soffocandolo. A sua volta, laeroporto stesso stato, ed , argine ed ostacolo allo sviluppo urbanistico foggiano, verso quellarea che, comunque, ha visto sorgergli a ridosso numerosi insediamenti artigianali e commerciali, fino a comprendere larticolato centro Gds della Mongolfiera. Trentatre anni che sulla traiettoria di una pista insufficiente e inadeguata si trova e si sviluppa il complesso sanitario degli Ospedali Riuniti. Trentatre anni che lo stillicidio di soluzioni tampone crea illusioni, accende speranze e mortifica delusioni di operatori, viaggiatori, pellegrini, turisti e uomini daffari. Linvidiabile opportunit di appartenere ad ununica societ aeroportuale pugliese, la Seap, insieme a Bari Palese, Brindisi e Grottaglie, alla lunga si rivelata, invece, unautentica penalizzazione. Conquistatane la direzione, legocentrismo di Bari e Brindisi ha di fatto impedito alle ali Foggia e Grottaglie di mettersi in volo. Creando lassurda situazione di una regione lunga oltre 400 km., con i due maggiori aeroporti situati a 90 km. luno dallaltro. Forse bisogna che si cominci a non considerare pi il Gino Lisa come laeroporto di Foggia. Ma di abituarsi a pensarlo come laeroporto del Gargano. In questa pi consona dimensione, potrebbero esserne pi chiare le esigenze, le finalit, lottimale ubicazione, le potenzialit e i limiti, fino ad oggi evidenziati, degli interventi sullattuale struttura. Pensarlo come aeroporto del Gargano, renderebbe pi evidente linutilit di sforzi volti a rendere possibile latterraggio di aeromobili con poche decine di posti, che non riusciranno mai ad essere funzionali alle esigenze di un territorio a vocazione turistica. Dalla costa al pi piccolo centro dellentroterra, dalle mete religiose ai cammini storico-eno-gastronomici. Inutile girarci intorno. Cos com, e soprattutto cos dov, quellaeroporto non potr mai essere laeroporto del Gargano. Meglio sarebbe, allora, che Amministrazione Provinciale, Comunit Montane, Comuni, Associazioni di categoria e quantaltro si consorziassero per far propria, e rilanciare formalmente, liniziativa gi avviata dalla Camera di Commercio di Foggia, per la conversione parziale dellaeroporto militare di Amendola (tra Foggia e Manfredonia) in aeroporto civile. La recente omologa conversione ed inaugurazione dellaeroporto di Comiso, in Sicilia, apre prospettive insperate fino a qualche tempo fa. Chi avrebbe mai immaginato che quella base militare, cos strategica per lubicazione nevralgica e per gli assetti tecnico-bellici presenti, potesse in cos poco tempo risolvere i problemi di ricettivit aerotrasportata della costa meridionale dellisola? Il rilancio delle destinazioni balneari sul Canale di Sicilia e di comprensori storico-artistico-culturali come la Val di Noto, la valle dei Templi e gli insediamenti archeologici di Piazza Armerina, troppo a lungo penalizzati dalla lontananza dagli aeroporti di Catania e di Palermo, finalmente assicurato. Se stato possibile per Comiso legittimo poterlo sperare anche per Amendola. Qui si potranno misurare forza politica e capacit organizzativa e amministrativa di una classe dirigente locale, che volesse davvero imprimere una svolta alle sorti della Capitanata. Porsi obiettivi ambiziosi ci aiuter a crescere e ad essere protagonisti dei nostri destini. Ma necessario un colpo di reni. Per capovolgere le sorti di una partita, che ci vede partecipanti passivi da troppo tempo. E Dio solo sa quanto sia urgente per tutti noi e per lintero Mezzogiorno. (gelormini@katamail.com)



news

11-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news