LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

IL TURISMO STAGNANTE DEL SUD
00-00-0000
Antonio V. Gelormini

Pi di un miliardo e mezzo, tanti secondo lOrganizzazione mondiale del turismo, saranno i viaggiatori che nel 2020 segneranno uno dei processi socio-economici pi rilevanti di questo scorcio del nuovo millennio. In questottica parlare di una singola realt regionale diventato anacronistico. La partita dei flussi turistici va giocata per macro-aree. I destini delle diverse destinazioni saranno sempre pi legati alle sorti dei territori che le comprendono. Lindustria del turismo in Italia contribuisce, oggi, al 12% del Pil nazionale, gestisce il 10% delloccupazione totale (con 2,3 milioni di occupati diretti e indiretti) e si presenta come il settore col pi alto tasso potenziale di crescita, in ciascuno dei vari segmenti ad esso correlati. Al di l delle registrazioni statistiche confortanti di micro-periodo, dei movimenti contingenti dellalta stagione e delle nicchie di prodotto, come masserie, agriturismo e incursioni croceriste, la criticit del Mezzogiorno, in questo contesto affascinante, si esprime nella contenuta capacit attrattiva dei turisti stranieri. E quando ci si riesce, a beneficiarne sono in particolare sempre alcune tradizionali destinazioni (Il comprensorio di Taormina, il Golfo di Napoli e la costiera amalfitana, laerea di Palermo e cos via), e non uniformemente lintera area meridionale. Il dato Istat pi recente ci dice che, nel 2004, gli stranieri in Italia hanno rappresentato il 41,7% degli arrivi e il 40,8% delle presenze (notti di soggiorno). In questi dati il Sud ha raccolto rispettivamente il 12,5% e il 14,1%. E che i suoi movimenti turistici sono ancora troppo influenzati dal pendolarismo locale. Infatti, al netto di arrivi e presenze dei viaggiatori residenti nello stesso Mezzogiorno, la quota di italiani che va in vacanza al Sud si ferma al 18,2%. Il paradosso di due parametri, in particolare, pu essere illuminante sulla situazione stagnante, bisognosa di uninversione di tendenza, adeguata alle aspettative di un settore non secondario come il turismo. Il ridotto tasso di occupazione medio delle strutture alberghiere del Sud, nonostante una stagione estiva pi lunga (28% contro il 33% del Centro-Nord). E il rapporto tra la spesa dei turisti stranieri e il Pil del Sud Italia, che si ferma al 1,2%; mentre in Trentino e Valle dAosta addirittura al 9%. I margini di crescita, con questi chiari di luna, sono a carattere esponenziale. Ben venga, allora, lazione messa in essere dallAssessorato al Turismo della Regione Puglia, col progetto della creazione di un Osservatorio turistico regionale, di una Consulta e di un Portale internet, nonch di un Consiglio permanente degli Assessori al Turismo regionali del Mezzogiorno. Il solo avvicinarsi a risultati come quelli di Trentino e Valle dAosta consentirebbe allintero Mezzogiorno di poter contare su risorse, provenienti dal turismo incoming, per oltre 25 miliardi. La competizione con i Paesi emergenti, i problemi inerenti la sicurezza, il rilancio della capacit di attrazione, si perseguono con unazione di concerto dei diversi comprensori territoriali. Per questo, lo sviluppo del sistema economico-produttivo del Meridione non potr prescindere dal qualificare e integrare lo sviluppo del suo minimo comune denominatore. Quel turismo che, spontaneamente e approssimativamente, raccoglie e propone il mare e lentroterra, la storia e la tradizione, larte e la devozione, il bagliore della pietra e i sapori della terra, affidandoli allinnata capacit di accoglienza della sorridente gente del Sud. (gelormini@katamail.com)



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news