LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Giugno 2007: una delle due Soprintendenze per i Beni Archeologici della Sardegna viene soppressa
16-07-2007
Soprintendenza Beni Ambientali Sassari

Per il patrimonio culturale sardo il tempo si fermato, anzi tornato indietro di 50 anni! Il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali ha deciso lunificazione delle due Soprintendenze per i Beni Archeologici della Sardegna, sdoppiate nel 1958 in due sedi distinte: una in Cagliari con competenza sui territori delle Province di Cagliari e Oristano e laltra in Sassari con competenza sui territori delle Province di Sassari e Nuoro. Fin dal 1958 apparve infatti evidente che il decentramento era la strada giusta per sopperire meglio in termini operativi alla tutela di un patrimonio immenso e capillarmente diffuso in un territorio che soffre per di una delle meno efficienti reti di comunicazioni stradali e ferroviarie. Dopo 50 anni siamo ora di fronte ad una clamorosa inversione di tendenza, che contraddice in modo stridente lo sforzo innovativo che ormai da decenni caratterizza lintero apparato pubblico statale e locale verso il massimo decentramento di funzioni, per meglio servire il cittadino, ove esso necessita di servizi nel territorio. Non si vede un solo beneficio di questa fusione delle due Soprintendenze Archeologiche, mentre sono del tutto evidenti gli aspetti negativi in termini di efficienza ed efficacia dellazione di tutela e valorizzazione, e in termini di riduzione degli investimenti statali sui beni culturali in Sardegna. Densit e raggiungibilit dei siti archeologici. La Sardegna di gran lunga la regione dItalia con il maggior numero di monumenti e aree archeologiche. Solo i nuraghi, che rappresentano una sola delle tipologie architettoniche di solo una degli aspetti culturali avvicendatisi nellIsola, sommano almeno al numero di 9000 (novemila!), ai quali vanno aggiunte le altre architetture nuragiche e quelle delle altre fasi preistoriche e storiche raggiungendo la strabocchevole cifra di oltre 20000 (ventimila!) siti archeologici a carattere monumentale. Daltro canto per raggiungere la netta maggioranza di tali siti si fruisce di una rete stradale che tra le pi inefficienti del Paese. Non sono pochi i casi nei quali per raggiungere monumenti anche di estrema importanza sono necessarie 4 e 5 ore di auto, quando non ore di cammino . In questo quadro di tutta evidenza che la soppressione di una delle due Soprintendenze Archeologiche un rilevante arretramento nellefficienza e nellefficacia dellazione di tutela, il cui primo presupposto la presenza costante e capillare dellIstituzione nel territorio. Rapporti con gli Enti Locali La presenza nel territorio di un ufficio tanto rilevante come una Soprintendenza ha permesso negli ultimi 30 anni lo stabilirsi di fecondi rapporti con gli Enti Locali, il cui frutto pi evidente lapertura al pubblico di 25 musei, la gestione di numerosi monumenti e aree archeologiche, in numero che pochi confronti ha nellintero territorio nazionale. Fortissimi dubbi sussistono sul fatto che la soppressione di una delle Soprintendenze sia la forma migliore per progredire su questo obbiettivo che primario sul piano delle competenze istituzionali, proprio nel momento in cui Amministrazioni Comunali e Soprintendenze sono chiamate al massimo della collaborazione per ladeguamento dei Piani Urbanistici Comunali al Piano Paesaggistico Territoriale, che dar modo di emanare dispositivi di tutela di tutte le presenze archeologiche del territorio. Rapporti con la ricerca scientifica e lUniversit E sempre lestrema rilevanza dei beni archeologici della Sardegna ad avere dettato, gi da decenni, listituzione anche presso lUniversit di Sassari, oltre che in quella di Cagliari, di corsi di laurea orientati alla professione dellarcheologo. Sono evidentissime le sinergie tra le due sfere, Soprintendenze e Atenei, circa la ricerca scientifica sui beni archeologici, evidenziate tra laltro nel fatto che la totalit dei laureati in Sardegna che intraprendono la professione di archeologo lavorano e fanno esperienza formativa presso le Soprintendenze. La soppressione di una di esse non pare certo lapproccio migliore per proseguire su questo indispensabile cammino di collaborazione diffusa nel territorio tra formazione e ingresso nel mondo del lavoro. In unottica pi globale, il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali mostra, con questa improvvida decisione di soppressione di una delle due Soprintendenze Archeologiche della Sardegna, di proseguire in una strada di anacronistico accentramento territoriale e di funzioni, che in netta controtendenza con la linea di sviluppo dellintera P.A. non solo a livello nazionale ma anche europeo, e che soprattutto in contraddizione con la stessa evoluzione culturale del Paese, sempre pi attento alle esigenze di radicamento territoriale delle identit storiche. da rilevare ancora che dal 2 maggio 2006 le due Soprintendenze hanno sperimentato lattivit con un unico dirigente, titolarit a Cagliari ed interim a Sassari fino al 2 maggio 2007, e titolarit a Sassari ed interim a Cagliari dal 2 maggio 2007, e il bilancio da trarre decisamente negativo poich nonostante limpegno profuso dai dirigenti susseguitisi, si registrato un forte rallentamento nelladempimento dei compiti istituzionali di entrambi gli uffici. I funzionari direttivi della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Province di Cagliari e Oristano e della Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Province di Sassari e Nuoro ritengono necessario richiamare lattenzione del Ministro per i Beni e le Attivit Culturali, degli Enti Locali, degli Atenei sardi, del mondo politico, delle istituzioni culturali, della stampa e dei cittadini dellIsola su questo atto che, penalizzando fortemente loperativit degli Uffici, avr molte e rilevanti ripercussioni negative sulla tutela, sulla valorizzazione e sulla gestione del patrimonio archeologico della Sardegna.

Angela Antona
Marisa Arca
Paolo Bernardini
Antonietta Boninu
Maurizia Canepa
Donatella Cocco
Giovanni Maria Demartis
Rubens DOriano
Maria Ausilia Fadda
Francesca Gallus
Gabriella Gasperetti
Francesco Guido
Maria Rosaria Manunta
Maria Rosaria Manunza
Donatella Mureddu
Elena Romoli
Giuseppe Pitzalis
Daniela Rovina
Donatella Salvi
Antonio Sanciu
Patrizia Tomassetti
Luciano Trebini
Caterinella Tuveri
Alessandro Usai
Emerenziana Usai
Luisanna Usai



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news