LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

GLI ASCENSORI DEL VITTORIANO: UN PRODOTTO DELL'INCULTURA
27-07-2007
FRANCESCO DE TOMASSO


Prendo spunto da quanto pubblicato sul Corriere della Sera del 25 u.s. in merito allo "scempio" perpetrato al Vittoriano con la realizzazione degli ascensori panoramici.

Purtroppo questo solo l'ultimo esempio, in ordine di tempo, della regressione culturale verificatasi in questi ultimi anni nelle strutture istituzionali preposte alla tutela del patrimonio, fenomeno che coinvolge anche la veltroniana Amministrazione Comunale, come dimostra, ad esempio, il recente allestimento di un colonnato di plastica luminescente nell'area dei Fori a ridosso del Colosseo, che per pacchianeria pu rivaleggiare forse con le fantasiose ricostruzioni della Roma imperiale di qualche pessimo film americano del passato.

Ma tornando all'operato del Ministero B.A.C., come mai si arrivati a questo punto di degrado culturale che anzich promuovere la tutela del patrimonio preferisce dare il contentino alle masse di turisti con operazioni demagogiche quali per l'appunto gli ascensori del Vittoriano? Siamo tornati al "panem et circenses"? E qui entrano in ballo i personaggi preposti allo svolgimento dei compiti istituzionali del Ministero.

Chi sono e quali meriti culturali hanno alcuni degli attuali superdirigenti del Ministero: i Direttori Regionali? La pia intenzione spadoliniana di creare un Dicastero con preponderante indirizzo scientifico-culturale che fosse estraneo, per la presenza di personalit culturali di livello, alle manovre di bassa politica clientelare, andata man mano perdendosi nel tempo con l'avvicendarsi di ministri di varie fedi politiche.

Ma il vero colpo di grazia arrivato con la "Riforma" che ha creato dal nulla questa nuova figura con enormi poteri decisionali: il "Direttore Regionale" con nomine totalmente politicizzate spesso estranee al mondo della professionalit richiesta per svolgere il delicato compito della tutela del patrimonio. Da questa situazione nascono scempi, contrabbandati come opere di valorizzazione, come questi ascensori che, finalmente, sono diventati oggetto di sacrosante polemiche.

Nello specifico faccio tre osservazioni che sono altrettanti punti interrogativi:

a) i "Difensori", fin dall'inizio hanno messo le mani avanti per assicurare che l'intervento reversibile (excusatio non petita...).
L'assurdit di questa dichiarazione palese oltre che pleonastica: il concetto di reversibilit infatti una regola drastica, quando si debba eseguire un intervento di restauro, figuriamoci per un'opera aggiunta. Inoltre l'ipotesi di un ripristino mi sembra utopistica; 1.155 euro costata la struttura, quasi altrettanto sevirebbe per rimuoverla. E la Corte dei Conti che direbbe?

b) sul Corriere della Sera del 26 luglio leggo che la "Difesa" fa notare forse con orgoglio, che l'operazione stata un successo con 32.000 visitatori ed un incasso di 137.000 euro (se questo il modo di fare tutela debbo ammettere che in oltre 40 anni di permanenza nel Ministero, non ero arrivato a capirlo).
Ma questo importo finito nelle casse dello Stato? Forse bisognerebbe chiedere informazioni a chi gestisce l'impianto.

c) come ultima notazione, faccio presente che l'importo erogato per realizzare gli ascensori, evidentemente sottratto all'attivit istituzionale di restauro che dovrebbe essere svolta dal Ministero, equivale ad 1/5 dell'intero budget annuale della Soprintendenza Beni Architettonici di Roma.

E perch per un'opera di questa natura, estranea alle specifiche competenze istituzionali dell'attivit operativa codificata, non sono stati interpellati gli organi superiori del Ministero (Comitato di Settore - Consiglio Nazionale)?

Francesco de Tomasso - Architetto - gi Vice Soprintendente della Soprintendenza Beni Architettonici di Roma



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news