LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sul premio Anthurium d'argento a Stefano Mariottini: fare chiarezza sul ritrovamento dei Bronzi di Riace
30-07-2007
Luca Pagni

Egr. Presidente della Camera dei Deputati
On. Fausto Bertinotti

Egr. Presidente della VII Commissione
(CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE)
On. Pietro Folena

Sono Luca Pagni e curo la sezione CULTURA di Photographers.
Sottopongo alla Vs. attenzione una notizia di malcostume
culturale che potrebbe mettere in cattiva luce l'immagine
dell'Italia, e non solo della Calabria.
Sarebbe gradito un Vs intervento istituzionale ed un cenno
di riscontro alla presente comunicazione.


Il 4 agosto 2007 nel parco termale di Caronte, a Lamezia Terme (CZ), si terr alle ore 20:30 la ventesima edizione del Premio Anthurium d'argento, alla presenza del Presidente Emerito della Corte Costituzionale Cesare Ruperto e di "...nomi prestigiosi che hanno fatto grande la regione Calabria in tutto il mondo".

Per la sezione "Calabria" il riconoscimento andr a Stefano Mariottini, "...chimico con la passione della ricerca subacquea che nel 1972 scopr i Bronzi di Riace, i due guerrieri conservati nel Museo di Reggio che rappresentano un capolavoro dell'arte ellenica del V sec. a.C.
La scoperta ha incentivato la ricerca archeologica sottomarina e, al contempo, ha anche perfezionato le tecniche di restauro delle opere in bronzo".

Il testo fedelmente riportato dalla motivazione ufficiale del Premio.

Il Premio Anthurium, sezione Calabria, viene conferito a Stefano Mariottini mentre sono in corso da sei mesi indagini di Polizia, Magistratura e Ministero per i Beni Culturali, volte a fare chiarezza sulla sparizione del "gruppo di statue" e dello "...scudo che si presenta al braccio sinistro di una delle due emergenti", cos come riferito nella denunzia di ritrovamento presentata da Stefano Mariottini, il quale sarebbe stato visto da pi persone mentre mandava fuori uso il motore della propria barca nel tentativo di prelevare qualcosa di troppo pesante
dal fondo marino adiacente la scoperta.

Questo avveniva il giorno precedente la data ufficiale del rinvenimento.

Nei primi anni dell'ottanta il subacqueo romano creava una Associazione Culturale di volontariato (chiamata prima "Archeo sub" ed in seguito "Kodros") ottenendo autorizzazione a prospezioni e ricerche subacquee da parte della responsabile dell'Archeologia Subacquea per la Calabria dottoressa Maria Teresa Iannelli, la quale secondo le leggi vigenti avrebbe dovuto rivolgersi al Ministero competente per l'aiuto di professionisti
istituzionali nel condurre studi e ricerche, e non certo a una associazione amatoriale di volontariato.

Tale stato di cose si protratto per oltre venti anni, con il beneplacito della dottoressa Elena Lattanzi, soprintendente archeologica per la Calabria fin dall'epoca del concluso restauro fiorentino dei due capolavori.

Ancora, stralciando dalla motivazione del premio, Stefano Mariottini avrebbe fatto altre rilevanti scoperte subacquee,
le quali per risulterebbero agli studiosi gi note , e alcune d'esse gi in passato oggetto di specifiche pubblicazioni.

Alla luce dell'inchiesta giornalistica effettuata dal ricercatore e studioso vibonese Prof. Giuseppe Bragho', pubblicata e arricchita da "scottanti e inequivocabili" documenti (rintracciati dallo stesso nell'Archivio Storico
del Museo di Reggio Calabria) nel libro I BRONZI: LE ALTRE VERITA', il Vice Premier Francesco Rutelli ha incaricato
Magistratura, Carabinieri della Tutela Patrimonio Artistico e lo stesso Ministero di svolgere accurate indagini - in corso da sei mesi - volte a verificare tutte le responsabilit sul possibile trafugamento di elmi, lance e scudi, appartenuti ai Bronzi di Riace che forse erano 3 e non 2.

Essendo in corso delle indagini ufficiali, appare quanto meno affrettato il conferimento di un premio a Stefano Mariottini
il quale, contattato personalmente per raccogliere la propria versione dei fatti in risposta al libro del Prof.Giuseppe Bragho', pubblicata in estratto alla pagina web http://www.photographers.it/articoli/bronzidiriace.htm
ha seccatamente risposto che: "parlero' solo in un'aula di tribunale".

L'assegnazione del Premio Anthurium, sezione Calabria, a Stefano Mariottini, non appare, alla luce dei fatti, segnale di propagazione culturale, e a parer nostro dovrebbe attendere la conclusione della triplice inchiesta.

Luca Pagni
Resp.le Cultura di Photographers


Il sito www.photographers.it, nato 6 anni fa,
ha c.a 124.000 utenti unici al mese (oltre 4.000 al giorno)
per c.a 620.000 page view (oltre 20.000 al giorno),
ha c.a 5.000 fotografi attivi registrati con propri spazi
ed una newsletter quindicinale con c.a 8.000 iscritti opt-in.

Da ottobre 2006 Photographers rappresenta anche la sezione fotografia di http://www.leonardo.it/

_____________

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 2 LUG - Un testimone avrebbe assistito al furto di alcuni materiali appartenuti ai Bronzi di Riace.
Il testimone, sulla cui identita' viene mantenuto il massimo riserbo, e' stato individuato dal ricercatore vibonese Giuseppe Bragho' che nei mesi scorsi,
dopo una ricerca durata qualche anno, ha denunciato il furto di un elmo, di una lancia ed uno scudo appartenuti alle due statue.
Bragho' ha segnalato la testimone ai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Cosenza che stanno indagando sulla scomparsa dei reperti.
Il testimone, secondo quanto si e' appreso da Bragho', avrebbe assistito accidentalmente al recupero dei bronzi ed alla scomparsa di alcuni reperti.Il racconto del testimone, che pare sia ricco di particolari utili per le indagini, e' stato acquisito dai carabinieri.Nei mesi scorsi gli investigatori hanno acquisito dal ricercatore vibonese una serie di fotografie e documenti dai quali emergerebbe che al momento del ritrovamento dei Bronzi di Riace, avvenuto 35 anni fa, con le due statue c'erano anche due scudi, una lancia e probabilmente anche un terzo 'guerriero' che pero' sono spariti. La documentazione e' stata raccolta da Bragho' nel corso di ricerche compiute negli anni scorsi nell'archivio storico di Reggio Calabria. ''L'episodio raccontato dal testimone - ha detto il ricercatore Vibonese - non e' l'unico ad essere avvenuto.
Pare che i furti siano stati diversi, svolti da personaggi disparati''. Nelle settimane scorse Bragho' e' stato ricevuto da Silvana Rizzo, consulente culturale del
Ministro Rutelli. ''Concretamente nel corso dell'incontro - ha aggiunto Bragho' - e' stato proposto un imminente, successivo incontro tra i vertici nazionali inquirenti
finalizzato a fare il punto sulla vicenda. Tra l'altro mi hanno risposto positivamente alla richiesta sulla pronta disponibilita' di una nave scientifica da ricerca, missione
finalizzata ad analizzare la qualita' delle 'anomalie metalliche' riscontrate nel 2004 nelle adiacenze delritrovamento dei Bronzi e mai finora approfondite''.(ANSA).


Vibo Valentia, 16 feb. (Apcom) - Lancia e scudo di uno dei due Bronzi di Riace furono venduti a emissari del museo Getty di Los Angeles. Questa la testimonianza del giornalista Rai Franco Bruno in una intervista pubblicata oggi da Il Quotidiano della Calabria.

La storia dei Bronzi tornata d'attualit da qualche tempo, dopo che il Ministero dei Beni Culturali ha deciso di interessarsi ad un libro-dossier ("I Bronzi- l'altra verit") scritto da uno studioso calabrese, Giuseppe Bragh. Secondo il Quotidiano,
qualche settimana fa il Ministro Rutelli avrebbe anche trasmesso il dossier alla Procura.

Bruno, nell'intervista, afferma che nel 1981 incontr un mediatore di reperti, il quale affermava di aver trafugato uno scudo ed una lancia di uno dei Bronzi. A Bruno, il mediatore fece vedere due fotografie, una dello scudo ed una della lancia,
affermando di averli trafugati e poi offerti agli emissari del museo Getty. "Una volta trasmessi i servizi- ricorda Bruno al Quotidiano- scoppi l'inferno". Il giornalista fu convocato da un giudice e formalmente indagato dopo la deposizione.
"L'avvocato - ricorda ancora- riuscito a convincere il giudice sul fatto che non fossi tenuto a rivelare la mia fonte e da allora non ne ho saputo pi nulla... Dopo qualche tempo, trovandomi a Roma, sono andato dal comandante dei carabinieri. Ho
chiesto se fossero stati al museo Getty ad indagare: lui disse di no, che erano in pochi, che non potevano concentrarsi solo su questo". Quanto alle foto, il trafugatore non permise al giornalista di fare riprese n copie.



news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

26-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news