LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ancora su Ravenna
02-08-2007
Ercole Noto

Ricomincio da qui. “Eccomi di nuovo qua”. Così inizia la lettera-denuncia di un imprenditore/ristoratore di Marina di Ravenna, che lamenta “le rappresaglie del potere” (“la piazza avvenimenti”, n.14 del 21 luglio). “Ho subito due ispezioni in sei giorni, ma io parlo lo stesso”; e dire che amici, parenti e collaboratori lo avevano avvertito di stare attento! E continua dicendo: “La cosa incredibile è che sono stato avvisato dagli zelanti ispettori che entro fine agosto ne subirò almeno altri 4…Quattro!!???” La notizia a dir poco inquietante, potrebbe lasciare sbigottito qualche puritano, non certo chi conosce bene quei “bravi” camuffati da democratici, a meno di non interferire coi loro interessi. “Sappiamo tutto di lui, dove lavora sua moglie”, o minacciando iniziative eclatanti (…); ma forse sono tutte storie, a cui meglio non dar credito, che si raccontano al chiaror della luna di mezza estate, fra la proiezione di un film della serie fantastica, quale “Ercole e Amalasunta”, e una degustaz ione di vini tipici locali. Ma a noi interessa parlare d’altro. Del recente battibecco, ad esempio, fra Grazia Beggio, rappresentante dei verdi di Ravenna, e Alvaro Ancisi, capogruppo della Lista per Ravenna (LpR) sugli “ecomostri” di Marina. Ancisi li aveva accusati di troppo “ossequioso silenzio”; i verdi locali ribattano di essere stati sempre contrari alla nascita di Marinara. Forse, ma solo nelle intenzioni, perché “ubi maior minor cessat”. Fatto sta che la città di Ravenna, non solo si è dotata di questo prodigioso ‘ecomostro’, di cui si è riferito anche su queste pagine (vedi: “Cemento a Ravenna”) contro lo stravolgimento dell’ambiente e del paesaggio, ma lo stesso 21 luglio il ministro per lo Sviluppo economico Pierluigi Bersani inaugurava il nuovo porto turistico di Casalborsetti: Porto Reno. La struttura, realizzata a cura della stessa impresa che ha eseguito il progetto di ‘Marinara’, nei prossimi anni – alla faccia della politica di Pecoraro Scanio e del rapporto di Legambiente sull’entità dell’abusivismo sulle coste italiane, che nel corso del 2006 ha fatto registrare 2,6 inflazioni per ogni chilometro di costa: la Romagna si annovera fra i peccatori a quota 4,3 - intende investire molto nel settore della portualità e crescere lungo tutte le coste del paese. Il porto turistico occupa un’area a terra di 145mila mq e un’area a mare di 52mila mq; 475 posti barca, più 70 bungalows poggianti su palafitta, realizzati in parte su un’isola artificiale a forma di chiocciola e tutti rigorosamente con posto barca esclusivo sotto l’ingresso dell’abitazione. L’urbanizzazione e lo sviluppo incondizionato lungo le coste adriatiche è secondo uno studio recente – [“Loss, status and trends for coastal marine habitats of Europe” (Perdite storiche, condizioni attuali e tendenze future degli habitat marini costieri europei) pubblicato sulla rivista internazionale “Oceanography and Marine Biology: an Annual Review”] – uno dei fattori che ha portato alla scomparsa di vastissime porzioni di habitat costieri naturali, in una delle aree dove i cambiamenti sono stati storicamente più drammatici, quale nel nord Adriatico ed in Europa, e dove i rischi di ulteriori perdite legate ai futuri cambiamenti climatici globali sono elevatissimi. La notizia, riportata per spirito di servizio dal sito web “ravennanotizie.it”, entra in contraddizione con la politica ambientale e di sviluppo della riviera romagnola. “Lo studio, che analizza il drastico declino degli habitat marini costieri in Europa e sottolinea la necessità di iniziative e cambiamenti no rmativi per la loro tutela, è stato scritto da Laura Airoldi, professore di Ecologia dell’Università di Bologna e da Mike Beck, responsabile dei progetti marini dell’americana The Nature Conservancy (Tnc), una delle principali organizzazioni governative statunitensi per la conservazione del patrimonio naturale”. “La situazione per le coste italiane è drammatica – scrivono i due autori -. Qui le attività dell’uomo si sono concentrate per migliaia di anni. Ignorare le perdite di habitat marini costieri può compromettere la salute e la sostenibilità dei pochi frammenti di habitat naturali che ancora sopravvivono, con gravissime ripercussioni anche per l’industria del turismo”… e del divertimento. Ercole Noto



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news