LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Giardino Giusti a Verona
13-06-2004
Elena Raimondi Zanelletti

Oggi, domenica 13 Giugno, proprio al ritorno dai seggi elettorali, mi metto a
sfogliare il giornale della mia citt, "L'Arena" di Verona, e mi viene un colpo: a pagina 36 negli annunci immobiliari campeggia il funesto annuncio della messa in vendita di Giardino Giusti curata dalla Sotheby's International Realty. In realt,
per, sono un'idiota. Non dovrei stupirmi di vedere ancora una volta dimostrata l'assenza totale di sensibilit e l'interesse inesistente di Verona di fronte a ci che non produce denaro. La verit, infatti, che nessuno ha fatto nulla per impedire che si arrivasse a questo punto in quanto qui esiste solo un dio, il solito
naturalmente, quello che ora si chiama euro, ma che ha tanti altri nomi, tutti
validi in quanto rappresentano ricchezza, potere, prestigio.
Unica eccezione, come sempre, le persone che amano veramente la cultura, ma che non hanno i capitali necessari per risolvere problemi di questo tipo (ebbene s, ancora una volta tutto si riduce a questo).
Mi riferisco, per esempio, a Maria Luisa Caregaro, presidente della prima
circoscrizione, che, nell'intervista rilasciata allo stesso quotidiano in data 5 Luglio 2004, dava l'allarme sul pericolo corso da un luogo tanto prezioso in seguito alla decisione di vendere presa dai proprietari dopo una lunga causa civile.
Suggeriva anche la pi sensata delle soluzioni, ossia che la propriet fosse
comprata da una holding pubblico-privata veronese, ma gi in occasione di
quell'appello la stessa intervistata metteva in luce l'inerzia dimostrata da tutti, dalla provincia, dal comune, dalle banche e dagli industriali, di fronte ai suoi sforzi.
Altrettanto inutile, evidentemente, l'iniziativa presa dal FAI che ha curato le numerose visite a Giardino Giusti durante la "Giornata di Primavera" di quest'anno, proprio per richiamare l'attenzione della cittadinanza su tale gioiello. Del resto a niente era nemmeno servito il fatto che proprio a Giardino Giusti nel Novembre del 2003 venisse presentato il libro "Bellissima dunque la rosa" di Anna Maria Conforti Calcagni, rappresentante del FAI ed insegnante presso l'Ateneo Veronese
proprio di storia dei giardini. In quest'opera viene spiegata la storia di un luogo unico situato nel centro di Verona, conosciuto e visitato da secoli, e ne viene dimostrata l'importanza storico-artistica in modo esemplare anche attraverso una
scheda scritta da Francesco Monicelli.
Parole, parole, parole. No, no il ritornello di una famosa canzone, l'unico bene che hanno a loro disposizione coloro che amano questa citt alquanto ingrata, parole
che, disgraziatamente, pare che non servano a nulla.
Proprio pochi mesi fa stato ospite a Verona Salvatore Settis, ancora una volta
esemplare nel suo impegno per la salvaguardia del patrimonio italiano. In
quell'occasione, per, avevo notato un fatto inquietante: nella sala di
Castelvecchio che ospitava l'incontro le uniche persone veramente interessate erano i soliti noti: addetti ai beni culturali a vario titolo, insegnanti di ogni livello e studenti universitari(ovviamente dei corsi di laurea dove ci si occupa d'arte).
Naturalmente era presente anche l'assessore alla cultura Maurizio Pedrazza Gorlero che altrettanto naturalmente ha garantito il grande impegno di chi ci governa verso
il patrimonio storico- artistico-culturale di Verona.
Dunque a questo punto due sono le domande che mi pongo.
Domanda numero 1.
Cara Verona, come mai sei sempre pronta a protestare con veemenza per le multe dei vigili, per i rumori molesti nottuni, per gli orari dei negozi, ecc. ecc. ecc., ma non hai niente da dire se ti derubano di un bene dal valore incommensurabile che stato dei tuoi antenati e che dovrebbe essere dei tuoi discendenti? Forse non un problema che ti riguarda? Forse sei un po' egoista? Forse non te ne frega niente? Eppure ti scoccia quando in televisione e sui giornali ti accusano di essere una
citt non tanto per bene, per esempio razzista e antisemita (vedi il caso Marsiglia e lo scontro, arrivato anche in tribunale, tra Santoro e l'ex sindaco Michela Sironi Mariotti). Dunque che cosa farai quando ti accuseranno di essere una citt che non pensa che al denaro? Che cosa dirai quando ti accuseranno di non avere nessun
interesse nei confronti della cultura? Ti indignerai affermando che non vero? Ti difenderai dicendo che se avessi saputo che Giardino Giusti stava per essere venduto avresti fatto di tutto per impedirlo? Cara Verona, sapevi e non hai fatto nulla. Complimenti per esserti dimosrrata ancora una volta indegna in quanto disinteressata a difendere la tua stessa memoria .
Domanda numero 2.
Cara amministrazione cittadina dove sei quando svendono un pezzo del tuo passato? Ed in particolare, caro sindaco Zanotto, in cosa consisteva il cambiamento che hai promesso ? Che fine hanno fatto gli slogan che ti sono serviti per arrivare a governare la citt? Dov' che si possono rilevare i fatti che dimostrano che stato
fatto qualcosa per cambiare rispetto agli ultimi anni? Che cosa hai offerto di nuovo a chi come me ti ha aiutato nella tua campagna elettorale? Che cosa dirai quando l'opposizione per screditarti e non per vero interesse dir che hai permesso che Giardino Giusti venisse venduto? Cosa farai per difenderti da quest'accusa? Anche tu
sapevi e non hai fatto nulla e cos si sono comportati i tuoi consiglieri perch, come sempre, altre sono le priorit. Complimenti per essere uguali a quelli che vi hanno preceduto.

Con indignazione profonda da chi si vergogna di essere nata e di vivere a Verona.
Elena Raimondi Zanelletti



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news