LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ravenna e Aquileia
23-08-2007
Ercole Noto

Dal suo osservatorio privilegiato Gianfranco Cerasoli analizza la questione di quella che dovrebbe essere la Fondazione Aquileia - di cui debbano essere ancora definiti dei passaggi chiave prima della firma dell’atto costitutivo - e lo fa sulle pagine di codesto sito web sotto il titolo “Fondazione Aquileia perché sono contrario”. L’interessante contributo riapre la questione sulle fondazioni che aspirano a sottoscrivere una convenzione con lo Stato in materia di Beni culturali. Già critico nei confronti della Fondazione Museo Egizio ora motiva le sue contrarietà per Aquileia. A breve giro di posta ‘laPadania’ il 10 agosto pubblica un ampio servizio su Aquileia e il progetto di valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale, proponendosi, con la costituzione della fondazione, a modello da esportare in altre realtà, in primis Ravenna, che da tempo va ricercando questo ambìto riconoscimento. E la città romagnola lo fa, dopo il primo tentativo fallito, nel massimo riserbo. Solo che, se “nenti fai, nenti si sapi”, viceversa…; così, sempre su ‘laPadania’ apprendiamo da una dichiarazione del capogruppo regionale Ds Mauro Travanut, che “la città di Ravenna ha richiesto un’interlocuzione al sindaco (di Aquileia, nda) Alviano Scarel per chiedere delucidazioni circa il percorso che ha portato alla costituzione di una legge speciale (…) per superare gli inghippi iniziali”; il capoluogo romagnolo presenta infatti un patrimonio archeologico-culturale che lo accomuna, per certi versi, ad Aquileia. Aquileia e Ravenna, quindi, travolte da un insolito destino, quello di favorire, secondo un modello “federalista” della legge, “il decentramento dei poteri a beneficio della periferia (…) restituendo alla città il ruolo primario in ambito turistico e culturale”. Le fondazioni affilano orbene le armi in vista dell’arrembaggio finale, coinvolgendo, sotto la parvenza del federalismo, i cittadini (progetto di collaborazione partecipata). Una cosa che mi colpì negativamente visitando il sito degli scavi aquileiesi, fu che in alcune case dei privati, in prossimità dell’area archeologica, fra i materiali da costruzione v’erano in bella vista anche “frammenti” di rilievi decorativi di reperti archeologici. Un vezzo antico quello del reimpiego del materiale in altre costruzioni; pratica molto in voga nel passato prima dell’avvento degli scavi sistematici e documentati. Chi sa quanti reperti rinvenuti nello scavo decorano i giardini di abitazioni private! Ora, paradossalmente, uno di quei cittadini potrebbe essere chiamato a far parte del nascente Comitato come espressione concertata del Consiglio. Al di là di questi episodi isolati di manifesta ignoranza rimane indiscutibile il valore del patrimonio archeologio-culturale di Aquileia, che dalla recente visita degli esponenti di spicco di Arcus, e dalle loro dichiarazioni, occorrerà un contributo “evidente e sostanziale” “per recuperare l’acclarato valore artistico di cui il sito è permeato ma che versa in uno stato di degrado”. Forse Ravenna con la sua tradizione e conoscenza del sapere potrebbe già dare un fattivo contributo nel recupero di quel patrimonio degradato, affidando ad esempio alle maestranze che già operano nel restauro musivo di altri beni, tali interventi. Intanto sono ripresi i lavori per la realizzazione del laboratorio di restauro del mosaico antico, a “servizio - come leggiamo - della conservazione del patrimonio musivo dell’intero bacino del Mediterraneo”. Un progetto ambizioso che pone tuttavia legittimi interrogativi: quanto costano alla collettività gli interventi di restauro ai mosaici, come quelli ultimi, ad esempio, siriani; chi li paga; tutte domande che circolano nell’ambiente ravennate, di cui i mosaicisti parlano mugugnando fra i denti, tranne qualche timido segnale di insofferenza verso la politica dell’amministrazione che si registra su qualche giornaletto di associazione; un progetto perseguibile tuttavia sotto l’ala protettiva dell’Istituto per il Commercio Estero. “Complessivamente la realizzazione del museo e degli annessi laboratori, che sorgeranno nella fabbrica di un ex zuccherificio, verrà a costare 16 milioni di euro: 10 a carico dello Stato, 4,5 della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, 1,5 del Comune”. La Fondazione Cassa, nell’ambito della propria attività istituzionale ha elargito una montagna di euro per la promozione del “bilancio di missione”. Dal bilancio di esercizio 2006 emerge un incremento dell’entità complessiva degli interventi deliberati (7.127.681 euro) rispetto all’esercizio 2005 pari al (92,5%) delle risorse disponibili, di cui hanno beneficiato in particolare il settore Arte, Attività e Beni Culturali, come si legge dall’informativa della Cassa del 18 maggio scorso. Cosa è toccato allora alle categorie sociali più deboli? Forse poco. E tutto questo, in realtà, per soddisfare un progetto ambizioso di dubbia necessità. Ma non si potrà mungere la mucca per molto tempo ancora; così il novello ‘Argentario’ “ha auspicato che sui beni archeologici del ravennate si indirizzi di più l’attenzione dei corsi: che i programmi, insomma, puntino maggiormente su contenuti riguardanti Ravenna”. Viceversa, dalla Fondazione Cassa di Risparmio la città ha sicuramente apprezzato la donazione fatta all’Ospedale Santa Maria delle Croci, a cui ha donato recentemente un ecografo di ultima generazione all’Unità Operativa di Radiologia, e la strumentazione, con annessi arredi tecnici, per la nuova sala operativa endoscopica della Gastroenterologia. Intanto, se per la costituzione della fondazione ci si muove con manovre di apparato, non mancano, a mio modo di vedere, mostre di modesto spessore culturale, che in ogni caso rappresentano un dato apprezzabile e significativo per il turismo locale, tenuto conto del periodo estivo e del comprensorio di cui si parla, che si caratterizza per una diversificata offerta di attrazione imperniata sul divertimento. La frequenza di pubblico nella sede espositiva, non necessariamente è da interpretare come successo della rassegna, ma piuttosto come indice della fruizione di massa rivolta ai beni culturali, in un circuito sperimentato favorito dall’ampliarsi e dal diversificarsi della domanda, cresciuta per la disponibilità del tempo libero; con una flessione ultimamente per le risorse economiche della famiglia media sempre più penalizzata. Nella ex chiesa di san Domenico, in centro a Ravenna, si possono vedere oggi esposti alcuni mosaici provenienti dalla Siria [Mosaici d’Oriente - Tessere sulla via di Damasco], come motivo di richiamo per un turismo vacanziero; soprattutto mi sembra interessante riportare in questa occasione una analisi, estrapolata da una fonte seria, quale l’Agenzia Adnkronos-International, sul rapporto commerciale tra la Siria e il nostro Paese. “L’Italia è uno dei primi partner commerciali della Siria eppure non gode della stessa visibilità culturale e politica di cui godono altri paesi europei come Francia, Spagna e Gran Bretagna”. Lo afferma all’ADNKRONOS-INTERNATIONAL Jihad Yazigi, economista siriano direttore della rivista on-line Syria Report. “L’Italia è infatti da tempo al secondo posto, dopo la Germania, nella classifica dei paesi che detengono i maggiori scambi commerciali con Damasco, ma da noi in Siria l’immagine del vostro paese rimane ancora legata quasi esclusivamente ad una vaga idea di vicinanza socio-culturale e niente più: da noi si dice che voi, italiani, siete ‘gli arabi d’Europa’ e al di là dei nomi dei più noti calciatori italiani e di qualche famoso attore del cinema, nessuno conosce veramente quanto l’Italia sia importante per la Siria” spiega Yazigi. Secondo i dati dell’Ice, l’Italia nell’interscambio ha riconquistato la posizione di primo partner commerciale europeo della Siria. Jihad Yazigi precisa che “questa classifica non è esatta perché si basa su dati equivoci: nei registri ufficiali siriani – spiega – si indica quasi sempre l’Italia come destinatario anche se la merce, pur arrivando ad un porto italiano, è invece diretta altrove, in Germania ad esempio. Sono infatti i tedeschi i nostri primi partner commerciali e non voi italiani”. “L’Italia è comunque presente – continua Yazigi – con contratti su licenza di note ditte (…); partecipa alla fornitura e all’installazione di sistemi radar per gli aeroporti siriani”. E ancora: “fornite un determinato sostegno tecnico al nostro settore agricolo; (…) a Milano è stato aperto un ufficio di rappresentanza della Camera di Commercio siriana. Sono tutti segnali importanti a livello microeconomico (…) ma tutto questo non basta”. L’economista siriano lamenta che l’Italia non ha “grandi progetti economico-culturale”, dovuto ad una “cattiva cecità comunicativa”, una “miopia strategica” “IL centro culturale italiano di Damasco, sebbene esista da molti anni, è ancora poco conosciuto non solo rispetto ai suoi omologhi ‘giganti’ come quello francese o il British Institute, ma anche rispetto al Cervantes spagnolo e a quello danese (…) quest’ultimo sempre più attivo sulla scena culturale siriana..” “L’Italia – interviene Wassim al-Ahmar, esperto di relazioni euro-siriane – soffre di una sorta di handicap: la sua lingua e la sua cultura sono davvero poco conosciute rispetto a quella francese e quella inglese. Ma potete tentare di rilanciare la vostra politica sfruttando le nuove tendenze ‘mediterraneiste’ dell’Unione Europea, promuovendovi come ‘ponte naturale’, geografico e sociale, con i paesi arabi del Mediterraneo. In questo senso va letta quindi - conclude al-Ahmar – il sostegno di Roma alla firma definitiva dell’accordo di partenariato euro-siriano tra Damasco e Bruxelles. E’ un passo importante per il rafforzamento della vostra immagine politica nel nostro paese”. [Fonte: Adnkronos-International]. E intanto gli hanno restaurato i mosaici. Ma chi ha pagato quei lavori?



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news