LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Come muore un centro storico: il caso di Urbino
21-07-2004
Fabio Isman; Vittorio Emiliani

Parliamo molto di leggi e di norme (negli ultimi tempi, pessime), di musei e di singoli monumenti, dambiente e restauri; ma forse ancora troppo poco di una tra le davvero massime ed irripetibili ricchezze del nostro (ex) bel Paese: i centri storici che esso possiede.

Spesso, scrigni darte quelli delle citt maggiori; ma tutti testimonianza preziosa, e comunque significativa, di che cosa lItalia stata: il Paese delle 40 mila tra rocche e castelli, di 900 centri storici (appunto) ritenuti deccezionale importanza.

Eppure, anche su questi centri storici che si gioca il nostro futuro.
Mi venuto di pensarlo leggendo un bel librino, assolutamente originale per langolazione con cui affronta il problema, che Vittorio Emiliani ha dedicato ad Urbino (Lenigma di Urbino, Aragno editore, 180 pag. 12 euro), citt che stata la sua dellinfanzia.

Un luogo, ed anzi un mondo, visti attraverso la lente del vigol: il vicolo di fronte al palazzo in forma di citt voluto da Federico da Montefeltro, in cui egli, da ragazzo, abitava.

Ancora negli Anni 50, nel quartiere vivevano 300 anime; oggi, 15 o 16 persone. Emiliani le elenca: le une, e le altre.
Gli antichi palazzi attorno ad una via curiosamente chiamata Veterani, sono ormai sedi universitarie.

Dopo esserci vissuto tanti anni fa, Emiliani vi ritornato, come consigliere comunale: il libro degli affetti, quasi una sorta di viaggio sentimentale, si fa allora pamphlet politico; da Raffaello e da Barocci, da Paolo Volponi e Carlo Bo, passa ad altro; indaga il perch di tanto spopolamento, dello sradicamento del centro duna citt.

Urbino metafora dei nostri tanti centri storici, la metafora di un Paese; in cui tanti, ma tanti davvero, sono gli enigmi. Di solito, ahinoi, sempre irrisolti.

-----------------------------------------------------
Da Vittorio Emiliani:

A questa breve nota di Fabio Isman sul mio ultimo libro "L'enigma di Urbino" (Aragno editore), vorrei aggiungere una breve osservazione.
Un altro aspetto drammatico, talvolta tralasciato e messo in secondo piano, la progressiva desertificazione di quel centro storico (Urbino), precedentemente conservato grazie ad alcune leggi speciali dello Stato.

Nel dopoguerra dentro le mura abitavano oltre 5.000 persone ed oggi ne sono rimaste 640 (gli affittacamere hanno conquistato sempre pi spazio).

Nel quartiere del Duomo, davanti al Palazzo Ducale, di cui mi occupo anche nel libro, all'inizio degli anni'50 i residenti erano circa 350, mentre ora sono ridotti a 16...
Un caso limite dei pi allarmanti.

Vittorio Emiliani

---------------------------------------------------

La Readzione invita gli utenti a segnalare altri casi di centri storici che abbiano subito negli ultimi tempi contrazioni particolarmente forti dal punto di vista demografico.
E' facilmente percepibile infatti che spesso la contrazione demografica sia accompagnata anche da un dilagante abbandono del tessuto urbano e da una diminuzione della "cura" per i monumenti.
Grazie



news

16-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news