LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Difficile il compito di interpretare le opere d’arte
17-09-2007
Gian Luigi Verzellesi

Il difficile compito interpretativo delle opere d’arte è sempre stato svolto, nel corso del tempo, da una ristretta cerchia di addetti ai lavori. Sono i protagonisti di cui parla la storia della critica d’arte: persone dotate di
gusto, o talento comprensivo, che riescono a far luce sulle opere determinandone il significato e il valore espressivo o poetico. Senza i loro contributi, o approcci conoscitivi, eseguiti nei secoli con metodi differenziati, le opere resterebbero incomprensibili come oscuri messaggi visivi simili a fatti sfuggenti alla rete delle interpretazioni.
Ma questo modo tradizionale di considerare il rapporto, tra l’attività artistica e quella ermeneutica, è stato sconvolto dalla tesi di Nietzsche, secondo la quale non ci sono fatti «bensì solo interpretazioni». Contro questa conclusioni paradossale sussistono ragionevoli motivi di dissenso: se infatti si perde la nozione di fatto, sfugge ogni possibilità di distinguere le interpretazioni aderenti, o veritiere, delle sovrainterpretazioni arbitrarie, che fanno dire ai testi «quello che non dicono» (Pascal).
Certamente, «si danno diversi gradi d’accettabilità delle interpretazioni» (Eco). E nel settore della critica d’arte italiana del Novecento, un maestro come Roberto Longhi è arrivato a concludere che il lavoro critico-interpretativo può conseguire come risultato una «verosimiglianza non contradicevole». «Pretendere che in critica l’identità raggiungibile con l’opera d’arte sia più che relativa è filosoficamente stolto perché antistorico».
In realtà, nel campo vastissimo dell’arte contemporanea e specialmente delle ultime tendenze post-moderne, non poche sono le cause che rendono sempre più difficile un autentico approccio critico veridicamente interpretativo. La prima è da individuare nella «sdefinizione dell’arte» per cui gli artisti, procedendo impulsivamente al di fuori di ogni criterio tradizionale, rifiutano la figurazione come rappresentazione naturalistica e offrono al pubblico tanti «oggetti ansiosi», che spesso - così dice Harold Rosemberg, pioniere della critica americana - non consentono di stabilire se si tratta di «capolavori misteriosi» o di «paccottiglia» trascurabile.
La seconda causa è nel pubblico massificato, che non dispone degli strumenti culturali necessari per orientarsi nel sottobosco ombroso delle mostre, dove sovrabbondano opere ridotte e manufatti sconcertanti. Di fronte ai quali, la caccia al significato recondito induce l’osservatore a sovrainterpretare attribuendo a ciò che vede un senso forzoso, che non emerge dall’opera ma «si trasferisce dal di fuori» (Betti) come una congettura arbitraria e inverificabile.
Sollecitato da ondate di pubblicità travolgente, il pubblico accorre alle mostre, sempre più accompagnate da cataloghi costosi e di lettura abbastanza disagevole. Spera, il pubblico, di trovare il tempo per leggere le dense considerazioni orientative degli addetti ai lavori, che possano aiutarlo a capire le strane opere in mostra. Ma anche in quei cataloghi grevi, l’impostazione apologetica, o pubblicitaria, spunta e rispunta. Così, in questo clima, lo spazio per le sovrainterpretazioni si dilata. E si restringe quello della critica, che registra le poche ricezioni davvero interpretative.





Gian Luigi Verzellesi è membro del Comitato scientifico di VRRC:
VRRC1- VirtualRestoration ResearchCenter - http://vrrc1.splinder.com

http://verzellesi.splinder.com/


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news