LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'insano "gioco delle parti". Citt barocche e trivelle texane nel Val di Noto
22-09-2007
Leandro Janni

SICILIA, 16 Settembre 2007



Nella pirandelliana Sicilia, tra eclatanti proclami e calcolati silenzi, ecco l'ultima dichiarazione dell'attuale governatore Salvatore Cuffaro a proposito delle controverse trivellazioni petrolifere nel Val di Noto: "Il no alle trivelle? E' un dovere del Governo che presiedo affinch venga salvaguardato l'ambiente e l'intero habitat siciliano. Ce lo impone la nostra identit culturale. Inoltre, la Sicilia ha pagato un prezzo altissimo legato allo sviluppo delle industrie petrolchimiche, incompatibili e spietate, senza aver avuto adeguati vantaggi per la sua economia e per la crescita del territorio. Insomma, con un provvedimento d'urgenza, approveremo una legge che blocchi una volta per tutte le ricerche petrolifere in quell'area" (Palermo, luned 10 Settembre 2007).

A proposito di silenzi: stato proprio il silenzio-assenso della Regione a innescare la sentenza con cui il Tribunale amministrativo regionale ha dato, nei giorni scorsi, nuovamente il via libera alle trivellazioni petrolifere nel Val di Noto, magnifico scrigno territoriale del barocco siciliano, sito Unisco, Patrimonio mondiale dell'Umanit. Questo, dopo la campagna di sensibilizzazione delle comunit locali e delle associazioni ambientaliste e culturali rilanciata, a Giugno di quest'anno, grazie a un appello dello scrittore Andrea Camilleri, che stato sottoscritto via Internet da centomila cittadini italiani e amplificato dai giornali di tutto il mondo. Contemporaneamente, proprio alla vigilia della riapertura della Cattedrale di Noto, ricostruita e restaurata, il governatore Cuffaro aveva annunciato al mondo intero uno stop all'avanzata dei petrolieri texani. A dire il vero, le associazioni ambientaliste siciliane - ben conoscendo uomini e luoghi - hanno sempre espresso forti dubbi e riserve sulle reali intenzioni della Regione. Comunque sia, la sentenza emessa dal Tar Sicilia, lo scorso 20 Agosto, accogliendo il ricorso della societ Panther Oil e autorizzandola a riprendere i sondaggi a pochissima distanza dal centro storico di Noto, rivela un inquietante intreccio di inerzia, incuria e irresponsabilit burocratica e suggerisce persino ipotesi di complicit. Ecco cosa ha scritto Giovanni Valentini su "la Repubblica" del 5 Settembre 2007: "Contro ogni impegno e ogni logica, di fatto accaduto che i funzionari dell'Assessorato regionale al Territorio e Ambiente, retto da Rossana Interlandi del Movimento per l'Autonomia, hanno lasciato tranquillamente decorrere i due mesi previsti dalla legge per pronunciarsi sulla richiesta di Valutazione di impatto ambientale (Via), presentata dalla Panther Oil il 3 Novembre 2006. E cos, il 2 Gennaio 2007, maturato il silenzio-assenso. Venti giorni pi tardi, con una nota datata 22 Gennaio ma inoltrata solo il 21 Marzo e pervenuta il 24, lo stesso Assessorato s' improvvisamente ricordato che occorreva avviare la procedura di Via e ne ha informato la societ interessata che a quel punto ricorsa al Tar, ottenendo l'annullamento di un atto che - come si legge nella sentenza - si configura come un "mero diniego tardivo"".

Appare assai chiaro che siamo di fronte all'ennesimo capitolo di una vicenda teatrale e opaca, sconcertante: occorre perci reagire subito con una nuova mobilitazione generale contro l'assalto al territorio, alla natura e al paesaggio di questo straordinario luogo di bellezza. Un luogo che possiede una vocazione storica e geografica chiarissima e che deve affidare il suo futuro al turismo, all'artigianato e all'agricoltura, piuttosto che all'eventuale scoperta di giacimenti petroliferi.

Resta il fatto, comunque assai grave, che tutto ci non sarebbe potuto accadere se nel frattempo la Sovrintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Siracusa e l'Assessorato dei Beni Culturali della Regione, avessero apposto un vincolo paesaggistico, in ossequio alle indicazioni dell'Unesco. Per dichiarare un sito "Patrimonio mondiale dell'Umanit", infatti, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura prevede un Piano di gestione che considera preponderante l'interesse culturale e artistico, e che contempla solo attivit economiche coerenti con tale piano.

A questo punto auspicabile, se non doveroso, un intervento da parte del Governo nazionale, nella persona del ministro dei Beni Culturali Rutelli. Il ministro dell'Ambiente Pecoraro Scanio, su sollecitazione di ecologisti e ambientalisti, dopo una prima lettera indirizzata alla Regione Sicilia, ne ha inviata una seconda per ribadire che qualsiasi intervento nel Val di Noto richiede una "valutazione d'incidenza", cio un atto che dimostri la compatibilit di eventuali nuove opere con la caratterizzazione naturalistica dell'area. In mancanza di un tale adempimento, scatterebbe certamente una procedura d'infrazione da parte della Commissione Europea ai danni dell'Italia con l'applicazione di pesanti sanzioni economiche.

Replicando alle ultime dichiarazioni del presidente della Regione Cuffaro, l'ex assessore regionale dei Beni Culturali Fabio Granata, dichiara che "non c' bisogno neppure di una nuova legge "ad hoc" per fermare le trivellazioni: basterebbe inserire un articolo nel disegno di legge sul Piano di sviluppo regionale, gi in discussione all'Assemblea Regionale Siciliana, in funzione di un modello imperniato appunto sul turismo, sul patrimonio artistico e culturale". E con Granata concorda anche il presidente della Commissione Italiana per l'Unesco, Giovanni Puglisi: "Il governatore Cuffaro - ha dichiarato in un'intervista al "Sole-24 Ore" - ha i poteri per intervenire subito e bloccare tutto per sempre. Meglio un atto preciso e rapido, ora, che imbarcarsi nel varo di una legge regionale che porterebbe via del tempo".

Il sindaco di Noto Corrado Valvo, insieme al sindaco di Modica e al movimento No-Triv, invece, convinto che soprattutto sul piano mediatico che occorre mantenere alto l'allarme, perch la battaglia contro le trivelle e in difesa delle citt barocche del Val di Noto non pu ridursi a una vicenda solo politica o giudiziaria.

Intanto, in questi giorni a Ragusa si prepara il "Welcome party" ai texani. Il s al pozzo "Gallo Sud" arriva dai sindaci di Ragusa - appunto - Chiaramonte Gulfi, Monterosso Almo e Giarratana. Ma anche, da un ampio fronte che va da Confindustria e Asi, fino alle organizzazioni sindacali.

Dunque, l'insano "gioco delle parti", nell'Isola pirandelliana, continua. Certo che senza vincoli e senza regole, senza scelte di fondo chiare e coerenti, impensabile, persino in Sicilia, praticare una reale politica di tutela e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e ambientale. Soprattutto, quando questo stato riconosciuto - non a tempo indeterminato - "Patrimonio mondiale dell'Umanit".



Leandro Janni

Presidente del Consiglio Regionale Siciliano

di Italia Nostra







____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Italia Nostra - Onlus Consiglio Regionale Siciliano

Uffici - viale Conte Testasecca, 44 93100 Caltanissetta, ITALIA tel. 0934.554907 fax 0934.542677 cell. 333.2822538 leandrojanni@tiscali.it




news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news