LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Hangar Sperimentale della Piaggio di Finale Ligure (SV): contro la demolizione
25-09-2007
Maria Di Dio

In riferimento all'articolo apparso oggi su "il Secolo XIX" "Idrovolanti e timballo: convegno e cena" (pag. 21), in cui si fa cenno all'importanza attribuita al mondo dell'aviazione nei primi anni del '900 (e non solo dai futuristi), segnalo quanto segue: esiste in Liguria un edificio singolare, unico nel suo genere: l'Hangar Sperimentale della Piaggio di Finale Ligure (SV).
Questa tipologia di edifici certamente non molto diffusa e questo Hangar in particolare risulta essere tra i primi costruiti in Italia; certamente l'unico esistente in Liguria.
La Piaggio si era insediata a Finale gi dal 1906, in aree a monte della ferrovia, espropriate ad hoc, per costruirvi prevalentemente materiale ferroviario. Durante la prima guerra mondiale, nei suoi vari stabilimenti (Pontedera, Genova, Finale e Villanova d'Albenga) sviluppa anche la produzione navale e, dal 1916, rivolge i propri interessi anche al campo aeronautico. Nell'ambito di questa grande ristrutturazione dell'Impresa, che prevede anche assestamenti societari, viene promossa una grande espansione degli stabilimenti di Finale, tanto che dal 1917 vengono espropriati terreni limitrofi allo stabilimento esistente, situati tra la ferrovia e l'Aurelia e tra l'Aurelia e il mare; inoltre viene acquisita la concessione per costruire anche sul sedime di propriet demaniale situato tra il torrente Pora e il mare stesso.
In particolare, tra il 1917 ed il 1945 vengono costruiti, a valle dell'Aurelia e quasi direttamente sulla spiaggia, l'Hangar Sperimentale per la costruzione di idrovolanti (tra il 1917 ed il 1920), la Palazzina degli Uffici (1937), il Capannone Castiglioni (1941) e la Palazzina Spaccio (1945).
La progettazione dell'Hangar viene affidata all'ing. Giuseppe Momo (laureato a Torino nel 1901, lavora spesso per Papa Benedetto XV - sua la doppia rampa d'accesso ai Musei Vaticani -, nel 1934 diventa architetto della Fabbrica di S. Pietro) e nell'Archivio di Stato di Torino si conservano disegni di progetto datati 1917-1918.
La costruzione invece venne realizzata dalla ditta Mantelli-Corbella & C. di Genova che in quegli anni perfezionava le nuove tecniche costruttive del cemento armato e precorreva quelle della prefabbricazione.
A distanza di pochi lustri dalle prime realizzazioni in c.a (1880 primi brevetti Monier acquistati in Germania, 1892 prime realizzazioni della ditta Porcheddu in Italia su brevetto Hennebique, 1907 prime Prescrizioni per l'esecuzione delle opere in cemento armato in Italia, 1916-24 grandi arcate paraboliche in c.a dell'Hangar di Orly di E. Frassinet, ecc.) a Finale viene realizzata una struttura originale, a grandi volte nervate piuttosto che a telaio, che coniuga l'arditezza tecnica con l'eleganza formale, risolvendo felicemente la necessit di disporre di grandi luci libere con la capacit di calcolare sezioni strutturali minime, adottando un linguaggio costruttivo essenziale, che consente grandi tamponamenti vetrati e arditi lucernai al centro delle volte, precorrendo di qualche anno le innovazioni razionaliste europee.
La stessa tipologia dell'impianto del tutto inusuale per un edificio industriale: invece di essere costituito da campate affiancate serialmente, l'edificio composto da una grande navata centrale voltata a botte ribassata (luce di circa 26 mt, altezza di circa 20 mt, lunghezza di circa 100 mt), affiancata da cinque volte a botte laterali (altezza di circa 11mt, luce di circa 16,5 mt), pi basse e perpendicolari a quella centrale, con una conformazione quasi basilicale! Miracolosamente, l'edificio fu preservato dagli attacchi nemici della seconda guerra mondiale e nel complesso sub danni minimi (peraltro ben documentati nelle successive pratiche di risarcimento).
Si deve considerare anche che al suo interno esiste ancora integra e originale, la galleria del vento realizzata tra il 1927 e il 1928, quando nello stabilimento operavano gli ingegneri Giovanni Pegna e Giuseppe Gabrielli, eccellenti progettisti aeronautici.
Questo edificio, cos palesemente importante per la storia del cemento armato e quindi dell'architettura del XX Secolo, dell'industria in generale e della Piaggio in particolare, della stessa Finale Ligure, stato condannato alla demolizione! Nonostante che ne sia stato riconosciuto l'interesse storico e architettonico, nonostante che un edificio simile, ma decisamente meno originale (Ansaldo CMI a Genova Voltri), sia stato ritenuto meritevole di essere restaurato addirittura con fondi dello Stato nel quadro degli interventi prioritari per le celebrazioni di Genova Capitale della Cultura 2004, recentemente (07/06/07) il Ministero per i Beni Culturali ha espresso pare favorevole alla demolizione dell'Hangar Sperimentale (con la sconcertante prescrizione di conservarne 200 mq !!) .
Questo per consentire il potenziamento e la delocalizzazione sempre in ambito regionale della Piaggio che, ottenendo l'acquisto dell'area demaniale e la riconversione ad area edificabile ad uso residenziale di tutto il suo insediamento finalese, ha garantito la sua ricollocazione su aree demaniali a margine dell'aeroporto di Villanova d'Albenga in base ad un' Accordo di Programma proposto dalla Piaggio sin dal 2004 (che deve concludersi entro il 2007).
Non si pu fare a meno di considerare che, al di l di ogni considerazione circa l'opportunit di barattare la pregevolissima area demaniale interessata (spiaggia) con 1400 posti di lavoro (?) e il loro indotto, nel caso specifico sarebbe ancora possibile salvare capre e cavoli: infatti il relativo programma edilizio ancora allo stato di planivolumetrico e cio non ancora stato tradotto in progetto, neppure di livello preliminare, e quindi sarebbe ancora possibile salvare l'Hangar Sperimentale concedendo, in cambio della sua conservazione, un aumento della volumetria prevista per gli edifici limitrofi (soprattutto di quelli da costruire sotto la roccia della Caprazoppa, in modo da minimizzare il relativo impatto paesistico e nello stesso tempo salvaguardare il valore di posizione delle nuove costruzioni). Tale incremento, a cui peraltro si aggiungerebbe la stessa volumetria dell'Hangar Sperimentale (che dovrebbe comunque valere anch'essa qualche cosa in termini commerciali!) consentirebbe, una volta tanto, di far coincidere la mera valorizzazione economica con la salvaguardia di questo importantissimo edificio, che cos potrebbe diventare esso stesso un polo d'attrazione con fortissimo valore intrinseco, ospitando magari quei servizi pubblici che comunque sono previsti nell'ambito della grande lottizzazione prevista.

MARIA DI DIO

Genova



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news