LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Fare luce sulla tutela e conservazione delle opere darte
07-11-2007
Mariano Nuzzo

Il ruolo della luce nella conservazione. Il restauro contiene una dimensione strettamente tecnica legata all'uso dei materiali, alle scelte diagnostiche e di conservazione pi attente e adeguate, dove, in ogni modo, la luce gioca un ruolo decisivo. Oggi, il restauro un'esperienza complessa che coinvolge, oltre a quella critico-progettuale, molti aspetti, tra i quali quelli economici e di comunicazione. Spesso nellaffrontare un progetto di restauro si tende ad ignorare laspetto illuminotecnico, rinviandolo ad un secondo momento, ad un esperto del settore, che, nella maggior parte dei casi, lo affronta come dimensionamento numerico, puramente quantitativo e astratto, che garantisce, s, unilluminazione a norma, ossia una quantit di luce strettamente sufficiente a percepire il monumento, ma poi, sicuramente inadeguata al contesto e priva di sapore architettonico. Bisogna rendersi conto che ogni architettura legata al suo contesto ambientale, che vive con i suoi colori, le sue luci e le sue ombre. Oggi la tecn ologia in grado di offrirci diversi corpi illuminanti, da quelli ad incandescenza, a quelli a scarica, a quelli ioduri metallici, a quelli ai vapori di sodio a bassa o alta pressione, a quelli ad alogenuri metallici, alle lampade fluorescenti compatte e fino alle fibre ottiche, che rappresentano lultimo connubio tra lelettrotecnica e lottica. Questa grossa vastit di lampade per lilluminazione, oltre a garantire caratteristiche puramente tecniche, quali lefficienza luminosa, la resa del colore, la durata media, lilluminamento, deve consentire la scelta sapiente del giusto apparecchio illuminante, per restituire al monumento la giusta luminosit, il giusto tono e la giusta saturazione. Bisogna sapere che un materiale ci appare colorato in un certo modo quando riflette solo le radiazioni di quel particolare colore e ne assorbe tutte le altre. Ci, nel rispetto della percezione del monumento e del suo ambiente, vuol dire che non basta osservare i parametri normativi ma bisogna tutelare le naturali condizioni di luce ed ombra ed il regolare orientamento della luce (che mai diretta dal basso verso lalto). E allora bisogna capire che fare luce, significa andare oltre gli schemi rigidi delle norme, oltre la sottovalutazione economica del patrimonio artistico e storico nazionale, insieme alla convinzione che la luce un elemento essenziale per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio storico artistico. -Tutela e conservazione: in quanto la luce uno degli agenti fondamentali che interferiscono direttamente con le opere; una luce male impiegata pu, infatti, risultare fra le principali cause di degrado, soprattutto per quanto concerne la pigmentazione e la consistenza fisico-meccanica della superficie delle pitture murali e degli intonaci affrescati. -Valorizzazione: in quanto essa permette la corretta fruizione dellopera in s, in relazione alle scelte espressive dellarchitetto, alluso del colore ed anche al messaggio che si vuole trasmettere. La luce, quindi, come linguaggio multidisciplinare, unisce all'innovazione tecnologica e illuminotecnica la comunicazione e l'accesso ai luoghi e agli spazi per la cultura. A cosa servirebbe restaurare, nel migliore dei modi possibili, e oggi la tecnologia e la qualit professionale delle nostre strutture lo consente, per poi illuminare male impedendone in questo modo una buona fruizione? Sarebbe un controsenso! Questa una domanda che le istituzioni e tutti coloro che producono eventi e progetti per la valorizzazione e tutela dei beni architettonici devono porsi.

PhD. arch. Mariano Nuzzo
Docente del Laboratorio di Restauro dei Monumenti C dell'Universit degli Studi di Ferrara.



news

09-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 09 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news