LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SalvalarteSicilia2007. Castelluccio, Grotta dei Santi
13-11-2007
Ercole Noto

La civilt detta di Castelluccio, che si estese dalla zona etnea fino al Gelese, al Caltagironese e allAgrigentino, da considerare sicuramente una delle pagine pi importanti della storia della Sicilia orientale. Percorrendo tutta la vallata dellEloro, interessata dal fiume Tellaro, si raggiunge a 465 m. di altitudine il monte Finocchito. Su questo monte viveva un tempo una popolazione di genti (prima sicani, poi siculi) che avevano abbandonato le pianure e le zone costiere, per siti pi facilmente difendibili, il cui sistema economico produttivo appare sostanzialmente autosufficiente(Voza), chiuso al mondo esterno e intento a una vivace attivit produttiva allinterno di vari insediamenti, riconducibile allo sfruttamento del territorio, con uneconomia basata essenzialmente sulle risorse agricole, sulla pastorizia, sullallevamento del bestiame, integrata da varie attivit artigianali e industriali , che per lappunto viene definita civilt castellucciana. Successivamente, allincirca a partire dal XVI sec. a.C., vengono a farsi pi concrete le testimonianze dei rapporti di scambio tra le comunit indigene col mondo greco e con altre culture coeve del bacino del Mediterraneo. Laffinit col mondo egeo possibile individuare non soltanto nel confronto con le opere di fortificazione, ma sicuramente nella ceramica, per forma, tecniche e motivi di decorazione. Ancora pi evidenti sono le connessioni quando larcheologia prende in considerazione altri tipi di manufatti, come quelli prodotti e diffusi ampiamente in area intermediterranea e rinvenuti in numerosi siti della Sicilia castellucciana, che dimostrano gli intensi rapporti che si intrecciano fra le diverse popolazioni per esigenze economiche e commerciali, quasi certamente favoriti dallattivit della navigazione. Il rapporto col mondo greco, nei decenni precedenti la fondazione delle prime colonie (tra la met dellVIII secolo e il 740 a.C.), sulla costa ionica siciliana, non fu quindi un fatto episodico, ma il risultato di una continua e sistematica presenza, che port a un consistente interscambio di prodotti e conoscenze - [come dimostrano larchitettura funeraria e la cultura materiale: alcune forme dei vasi, la tipologia dei bronzi, la planimetria e le caratteristiche costruttive del noto anaktoron (palazzo del principe)] - che della fascia subcostiera della Sicilia orientale, attraverso le vallate fluviali, dellAsinaro, del Cassibile, dellAnapo, porta a diretto contatto le popolazioni straniere con le comunit indigene dellinterno, aventi il loro epicentro nel massiccio di Pantalica [da Giuseppe Voza, I contatti precoloniali col mondo greco, in Sikanie; un contributo interessante sulla Sicilia antica; peccato che lex soprinte ndente regionale di Siracusa, stimato archeologo - che ho conosciuto da giovane, quando per studi inerenti la mia formazione frequentavo quellistituto nellisola di Ortigia, le cui finestre aggettavano sul porto grande della marina non abbia profuso lo stesso impegno, che ha dimostrato come valente studioso del mondo antico, per la valorizzazione in tempi congrui della Villa del Tellaro, di cui ancora oggi non sono visibili i mosaici]. A Castelluccio, la stratigrafia della storia scandisce i suoi molteplici aspetti nel riflesso dogni tempo: dal periodo preistorico al bizantino, dal medioevale al moderno. Della cultura bizantina la testimonianza pi interessante senzaltro la Grotta dei Santi. Un ipogeo molto ampio scavato nella roccia, nelle cui pareti e in un grande pilastro centrale, io ricordo intorno ai primi anni 60 daver visto numerose pitture bizantine a tinte forti, gi all'epoca molto vandalizzate da incisioni e graffiti. Lantro era utilizzato come riparo notturno per gli animali da pascolo. Gaetano Passarello, che ne lasci traccia nella sua Guida della citt di Noto, 1962, riferisce di un discreto stato di conservazione dei dipinti. Non sappiamo esattamente a cosa lui alludesse; se al supporto parietale, integro e ben ancorato alla roccia, o alla resa cromatica dei pigmenti; sicuramente oggi l'incuria e gli agenti atmosferici e naturali, avranno ulteriormente rovinato le pitture, rendendo forse ancor pi sommaria e difficile la loro descrizione. Quella che non sbiadita sicuramente la volont e linteresse manifestato dai volontari delle varie associazioni, che in occasione della iniziativa nazionale SalvalarteSicilia 2007 (sabato10 e domenica11 novembre), presso il sito archeologico del Castelluccio, facente parte del territorio di Noto, si sono prefissi lobiettivo di liberare il sentiero, una antica Regia Trazzera che conduce alla Grotta dei Santi, ed allinterno dellarea del villaggio preistorico, sistemare laccesso ad una delle tombe pi rappresentative della Necropoli del Castelluccio ed, infine, apporre la segnaletica per il Castello medievale che domina larea, costruito nel 1356. In tale iniziativa sociale, coordinata dalla Direzione dei Beni Archeologici della Soprintendenza di Siracusa, unitamente alle associazioni Legambiente Noto, Club Val di Noto, Amministrazione dei Servizi Sociali del Comune di Noto, Cittadini volontari, si inserita stando al comunicato - lAmministrazione Penitenziaria della Direzione della Casa di Reclusione di Noto e la Magistratura di Sorveglianza di Siracusa, la quale ha autorizzato quattro Detenuti della Casa di Reclusione di Noto, a fruire di Permessi Speciali ai sensi dellarticolo 30 co. 2 dellOrdinamento Penitenziario, che prevede la concessione di Permessi Speciali per particolari eventi nel sociale. Tale impiego di detenuti per utilit nel sociale, il frutto del protocollo dintesa tra il DAP ed il mondo del volontariato del settore ambientale, regionale, comunale e provinciale. I detenuti per i quali si apriranno le porte del carcere, sono stati preparati con dei corsi sul recupero del patrimonio ambientale, e gli stessi sono stati scelti per il loro comportamento intramurario, per il breve fine pena. Il progetto ha visto coinvolta lArea Trattamentale ed il Corpo di Polizia Penitenziaria che hanno collaborato per la buon a riuscita delliniziativa. Il carcere, non solo inteso quindi come luogo di custodia dove scontare la pena, ma luogo preposto al reinserimento futuro del detenuto nella societ libera. Losservazione, il trattamento, la legge Gozzini, norme che mirano alla riabilitazione del condannato; un percorso difficile e laborioso, che viene svolto dalla Polizia Penitenziaria e dallequipe di osservazione allinterno delle mura dellistituto. In questo caso il sociale, come volano per ben 4 detenuti a cui viene offerta loccasione di fruire per la prima volta di tali benefici, un impegno nel sociale che li condurr fuori dalle mura del carcere, per avviarli ad un riscatto, ben motivati per un futuro reinserimento degli stessi nella vita sociale.

[La notizia ripresa dal sito online La Gazzetta di Noto].

Ercole Noto



news

20-11-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 NOVEMBRE 2018

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

17-03-2018
Comunicato ANAI sul tema delle riproduzioni fotografiche libere

Archivio news