LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

OLTRE GLI INCERTI CONFINI . Una riflessione sul territorio urbano di Palermo
29-11-2007
Leandro Janni


Caltanissetta - SICILIA, 28 Novembre 2007





Nella Palermo a noi contemporanea i muri opachi e i grigi, anonimi edifici - tra i residui spazi aperti - pesano molto. La nostra "percezione" del mondo - comunque - sta cambiando, nonostante i muri opachi, i grigi, anonimi edifici e la loro insignificante, ottusa pesantezza.

Nella citt antica le mura rappresentavano il principio femminile protettivo, che racchiude, che accoglie. Le mura, simbolo della soglia - del "limite" - segnavano il passaggio dallo spazio esterno (profano e imperscrutabile), allo spazio interno (sacro e accogliente, familiare). Le mura - il recinto, la soglia - costituiscono uno dei simboli, degli archetipi dell'architettura.

Nella citt attuale lo spazio viene utilizzato in termini economici di efficienza e profitto, secondo una prassi urbanistica decisionale, espressione di un nomos, di un sapere/potere, che opera per conto di interessi sostanzialmente speculativi, omologando il territorio e la sua organizzazione, cancellando le caratteristiche di identit, di complessit, di omeostasi.

Il vasto territorio urbano di Palermo fortemente caratterizzato da un'edilizia senza forma e senza qualit, che ha persino cancellato luoghi e confini originari, realizzando metri cubi su metro quadro di anonime, indifferenti costruzioni. Una sorta di scacchiera - confusa, dispersa e indefinita. Non pensata, non immaginata. Un inevitabile, pervasivo "dappertutto".

Eppure, in questo "spazio alienato" noi viviamo quotidianamente, come radicati nell'assenza di luogo, come stranieri. Questo spazio dell'atopia, de-situato, surreale ed astratto, anonimo ed infinito, a differenza della citt antica - definita, murata, compatta - accoglie dentro di s il "limite", che dunque non passa pi al suo esterno come una linea di difesa, di frontiera, ma l'attraversa, si situa al suo interno.

La citt moderna, contemporanea uno spazio, una condizione dell'atopia che, proprio per questo suo carattere straniante - in cui ci si smarrisce e insieme ci si ritrova - pu essere percepito come una sorta di labirinto. In alcuni casi, situazioni particolari, speciali, in cui lo schematismo geometrico si indebolisce, si frantuma, in cui il labirinto diventa "altro" - spazio polemico, erotico, ibrido, luogo del possibile - la citt pu essere percepita, letta, come una sorta di arabesco (la Palermo della valle dell'Oreto, il parco della Favorita, gli orti e i giardini storici, monte Pellegrino, capo Gallo, parco d'Orleans, Ciaculli, l'area di Brancaccio-Maredolce).

Nell'arabesco realizzabile una diversa esperienza delle cose: figura in cui prevale l'armonia dell'insieme sul particolare, il colore sul segno, sul simbolo; esso pu diventare il luogo dell'inclusione, della possibilit, della convivenza; lo spazio che protegge con le sue volute, con le sue geometrie indefinite ed aperte, dalla legge del nomos, autoritario ed esclusivo.

Il "limite", dunque, come spazio intermedio, ci permette di cogliere la cosa - le cose tangibili, misurabili - come una tensione, come una costellazione di eventi; ci conduce verso un pensiero narrativo che apre a nuove, inesplorate possibilit. L'altro, allora, non pi l'estraneo fuori dai nostri limiti, dai nostri sempre pi deboli confini, ma costituisce la nostra stessa soggettivit, identit, proponendosi nell'arabesco, in cui coesistono tutte le differenze: non omologate o escluse, ma rese pi forti e significative dal loro contatto, dal loro interagire.

Dopo pi di cinquant'anni di leggi urbanistiche di ispirazione "forte", autoritaria, prescrizioni, negazioni, divieti, conservatorismi che, troppo spesso hanno alimentato - soprattutto nel Meridione, in Sicilia - rifiuti, esclusioni, emarginazione sociale, diffuse, pervicaci forme di illegalit, l'arabesco pu rappresentare un modello culturale, spaziale, esistenziale alternativo; "debole", ma proprio per questo, autorevole e condiviso.

Negando le forme geometriche forti, chiuse, meccaniche della scacchiera contemporanea, superando il "disagio della civilt", la perversione, l'ossessione dello spazio e del tempo moderno, rinunciando ad essere icona della legge, l'arabesco, ricerca un "ordine altro": pi organico, pi complesso, pi consapevole. L'arabesco come possibile, sorprendente, nuovo linguaggio, scrittura, narrazione. L'arabesco come rete organica territoriale e non come sistema urbano generalizzato, confuso, omologato. L'arabesco come paradigma della nuova urbanistica meridiana, mediterranea.

Lo spazio fisico ed esistenziale della citt contemporanea, della Palermo contemporanea, attraverso l'arabesco, quindi, pu essere letto, sperimentato, vissuto, come ambiente fluttuante, policentrico, pluralista; multifunzionale e multidirezionale. Tessuto ibrido e significativo, inclusivo ed aperto. Nuova, possibile dimensione etica e politica.

Tradurre tutto questo in progetto, se non in legge, norma, regola (democratica e condivisa), la sfida complessa e stimolante che, come cittadini, tecnici, legislatori, forse possiamo raccogliere prima che sia troppo tardi.






Leandro Janni

Presidente Italia Nostra Sicilia




Italia Nostra CR Sicilia - Uffici: viale Conte Testasecca, 44 93100 Cal



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news