LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

OLTRE GLI INCERTI CONFINI . Una riflessione sul territorio urbano di Palermo
29-11-2007
Leandro Janni


Caltanissetta - SICILIA, 28 Novembre 2007





Nella Palermo a noi contemporanea i muri opachi e i grigi, anonimi edifici - tra i residui spazi aperti - pesano molto. La nostra "percezione" del mondo - comunque - sta cambiando, nonostante i muri opachi, i grigi, anonimi edifici e la loro insignificante, ottusa pesantezza.

Nella citt antica le mura rappresentavano il principio femminile protettivo, che racchiude, che accoglie. Le mura, simbolo della soglia - del "limite" - segnavano il passaggio dallo spazio esterno (profano e imperscrutabile), allo spazio interno (sacro e accogliente, familiare). Le mura - il recinto, la soglia - costituiscono uno dei simboli, degli archetipi dell'architettura.

Nella citt attuale lo spazio viene utilizzato in termini economici di efficienza e profitto, secondo una prassi urbanistica decisionale, espressione di un nomos, di un sapere/potere, che opera per conto di interessi sostanzialmente speculativi, omologando il territorio e la sua organizzazione, cancellando le caratteristiche di identit, di complessit, di omeostasi.

Il vasto territorio urbano di Palermo fortemente caratterizzato da un'edilizia senza forma e senza qualit, che ha persino cancellato luoghi e confini originari, realizzando metri cubi su metro quadro di anonime, indifferenti costruzioni. Una sorta di scacchiera - confusa, dispersa e indefinita. Non pensata, non immaginata. Un inevitabile, pervasivo "dappertutto".

Eppure, in questo "spazio alienato" noi viviamo quotidianamente, come radicati nell'assenza di luogo, come stranieri. Questo spazio dell'atopia, de-situato, surreale ed astratto, anonimo ed infinito, a differenza della citt antica - definita, murata, compatta - accoglie dentro di s il "limite", che dunque non passa pi al suo esterno come una linea di difesa, di frontiera, ma l'attraversa, si situa al suo interno.

La citt moderna, contemporanea uno spazio, una condizione dell'atopia che, proprio per questo suo carattere straniante - in cui ci si smarrisce e insieme ci si ritrova - pu essere percepito come una sorta di labirinto. In alcuni casi, situazioni particolari, speciali, in cui lo schematismo geometrico si indebolisce, si frantuma, in cui il labirinto diventa "altro" - spazio polemico, erotico, ibrido, luogo del possibile - la citt pu essere percepita, letta, come una sorta di arabesco (la Palermo della valle dell'Oreto, il parco della Favorita, gli orti e i giardini storici, monte Pellegrino, capo Gallo, parco d'Orleans, Ciaculli, l'area di Brancaccio-Maredolce).

Nell'arabesco realizzabile una diversa esperienza delle cose: figura in cui prevale l'armonia dell'insieme sul particolare, il colore sul segno, sul simbolo; esso pu diventare il luogo dell'inclusione, della possibilit, della convivenza; lo spazio che protegge con le sue volute, con le sue geometrie indefinite ed aperte, dalla legge del nomos, autoritario ed esclusivo.

Il "limite", dunque, come spazio intermedio, ci permette di cogliere la cosa - le cose tangibili, misurabili - come una tensione, come una costellazione di eventi; ci conduce verso un pensiero narrativo che apre a nuove, inesplorate possibilit. L'altro, allora, non pi l'estraneo fuori dai nostri limiti, dai nostri sempre pi deboli confini, ma costituisce la nostra stessa soggettivit, identit, proponendosi nell'arabesco, in cui coesistono tutte le differenze: non omologate o escluse, ma rese pi forti e significative dal loro contatto, dal loro interagire.

Dopo pi di cinquant'anni di leggi urbanistiche di ispirazione "forte", autoritaria, prescrizioni, negazioni, divieti, conservatorismi che, troppo spesso hanno alimentato - soprattutto nel Meridione, in Sicilia - rifiuti, esclusioni, emarginazione sociale, diffuse, pervicaci forme di illegalit, l'arabesco pu rappresentare un modello culturale, spaziale, esistenziale alternativo; "debole", ma proprio per questo, autorevole e condiviso.

Negando le forme geometriche forti, chiuse, meccaniche della scacchiera contemporanea, superando il "disagio della civilt", la perversione, l'ossessione dello spazio e del tempo moderno, rinunciando ad essere icona della legge, l'arabesco, ricerca un "ordine altro": pi organico, pi complesso, pi consapevole. L'arabesco come possibile, sorprendente, nuovo linguaggio, scrittura, narrazione. L'arabesco come rete organica territoriale e non come sistema urbano generalizzato, confuso, omologato. L'arabesco come paradigma della nuova urbanistica meridiana, mediterranea.

Lo spazio fisico ed esistenziale della citt contemporanea, della Palermo contemporanea, attraverso l'arabesco, quindi, pu essere letto, sperimentato, vissuto, come ambiente fluttuante, policentrico, pluralista; multifunzionale e multidirezionale. Tessuto ibrido e significativo, inclusivo ed aperto. Nuova, possibile dimensione etica e politica.

Tradurre tutto questo in progetto, se non in legge, norma, regola (democratica e condivisa), la sfida complessa e stimolante che, come cittadini, tecnici, legislatori, forse possiamo raccogliere prima che sia troppo tardi.






Leandro Janni

Presidente Italia Nostra Sicilia




Italia Nostra CR Sicilia - Uffici: viale Conte Testasecca, 44 93100 Cal



news

20-10-2017
Bonsanti sul passaggio di Schmidt da Firenze a Vienna

20-10-2017
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 20 OTTOBRE 2017

16-10-2017
MANOVRA, FRANCESCHINI: PIÙ RISORSE PER LA CULTURA E NUOVE ASSUNZIONI DI PROFESSIONISTI DEI BENI CULTURALI

24-09-2017
Marche. Le mostre e la rovina delle montagne

07-09-2017
Ascoli Satriano, a fuoco la copertura di Villa Faragola: la reazione di Giuliano Volpe

30-08-2017
Settis sui servizi aggiuntivi nei musei

29-08-2017
Carla Di Francesco il nuovo Segretario Generale - MIBACT

25-08-2017
Fotografie libere per i beni culturali: nel dettaglio le novit apportate dalla nuova norma

21-08-2017
Appello di sessanta storici dell'arte del MiBACT per la messa in sicurezza e la salvaguardia del patrimonio monumentale degli Appennini devastato dagli eventi sismici del 2016

19-08-2017
Dal 29 agosto foto libere in archivi e biblioteche

19-08-2017
Cosenza, brucia casa nel centro storico: tre persone muoiono intrappolate. Distrutte decine di opere d'arte

12-08-2017
Antonio Lampis, nuovo direttore generale dei musei del MiBACT

06-08-2017
L'appello al Presidente Mattarella: i beni culturali non sono commerciali. Come aderire

04-08-2017
Istat: mappa rischi naturali in Italia

03-08-2017
APPELLO - COSA SI NASCONDE NELLA LEGGE ANNUALE PER IL MERCATO E LA CONCORRENZA

31-07-2017
Su eddyburg intervento di Maria Pia Guermandi sulle sentenze del Consiglio di Stato e su Bagnoli- Stadio di Roma

31-07-2017
Comunicato EC Il Colosseo senza tutela: sulle recenti sentenze del Consiglio di Stato

30-07-2017
Dal blog di Giuliano Volpe: alcuni interventi recenti

27-07-2017
MiBACT, presto protocollo di collaborazione con le citt darte per gestione flussi turistici

26-07-2017
Franceschini in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini domani in audizione alla Commissione Cultura del Senato

25-07-2017
Franceschini: Musei italiani verso il record di 50 milioni di ingressi

25-07-2017
COLOSSEO, oggi conferenza stampa di Franceschini

20-07-2017
Questa legge contro i parchi e le aree protette, fermatela: appello di Italia Nostra alla Commissione Ambiente del Senato

18-07-2017
CAMERA DEI DEPUTATI - COMMISSIONE PERIFERIE - Audizione esperti (Bovini e Settis)

15-07-2017
Ricordo di Giovanni Pieraccini, di Vittorio Emiliani

12-07-2017
Comunicato di API-MIBACT sui Responsbili d'Area nelle Soprintendenze Archeologia, Belle Arti, Paesaggio

11-07-2017
Rassegna Stampa di TERRITORIALMENTE sul patrimonio territoriale della Toscana

10-07-2017
Il tradimento della Regione Toscana nella politica sui fiumi

06-07-2017
Per aderire all'appello sul Parco delle Alpi Apuane

Archivio news